Così i servizi tedeschi decidono la “redistribuzione” degli immigrati

Condividi questo articolo


In questo servizio di Quarta Repubblica viene raccontato come i servizi segreti tedeschi siano venuti più volte in Italia ad interrogare e schedare gli immigrati arrivati nel nostro Paese. Perché? Per valutare chi di loro ha i requisiti per richiedere la procedura di asilo in Germania. Al rientro in studio nasce lo scontro tra Alessandro Meluzzi e Valeria Fedeli del Pd.

Dalla puntata del 18 novembre 2019

“Ma quanti africani può accogliere l’Italia?”. Meluzzi vs Fedeli


Condividi questo articolo


13 Commenti

Scrivi un commento
  1. Ai più pericolosi io aggiungerei quelli che non sanno fare o non vogliono fare nulla e quindi spacciano sfacciatamente droghe come fossero arance. Ce li lasciano o rinviano qui d’accordo con un ministro Interno che di perequazione sa poco o niente visto che di una nave appena giunta ne sparge qualcuno qua e là e la metà di essa, non pochi ma 145, se li mette in casa. Alla faccia del caciocavallo diceva totò ma qui c’è da esclamare: alla faccia dell’accordo maltese! Il nostro paese è oramai tra le mani dei complottisti, chi forma movimento a ogni tuono di temporale e lo sbatte in piazza per impaurire i cittadini, è la nuova strategia del PD risorto che, a volte fa esclamare : ben vi sta italiani è ciò che volete e tenetevelo, in fondo chi soffre siete voi.

  2. Il governo giallo-rosso è in alacre movimento per equilibrare l’immigrazione clandestina dove si ammira la prontezza della Lamorgese la quale afferma la redistribuzione dei migranti in Europa.
    “Una grande SVOLTA per gli italiani” e dobbiamo dire che ha perfettamente ragione infatti li rimandano tutti in Italia.
    Una volta arrivati in Germania e Francia li fanno VOLTARE e vai con la forza, tutti in Italia.
    Lamorgese sei grande, veramente grande, anzi una grandissima.

  3. Non sono d’accordo, sig. Crisafulli. Gli italiani sanno fare molto meglio, in materia di intelligence. Ma il fatto è che l’Italia è presa in mano da un gruppo, o piuttosto una progenie, di pederasti ed eunuchi che non sono in grado di avere una visione realistica del futuro che ci attende, e vagheggiano coi propri sogni, inconsapevoli che stanno segnando la loro stessa fine. Una qualsiasi proiezione futura di questo stato, così come lo vogliono modellare con la loro inezia, è semplicemente inimmaginabile!

  4. fanno quello che dovremmo fare noi!!!!
    e se sono pericolosi per la Germania, lo sono anche per l’Italia …
    ma ormai sono qui e ce li teniamo
    Grazie Lamorgese!!!!

    P.S. e tra quelli intervistati non ne ho visto uno deperito, denutrito, etc.,etc.

  5. UE,UE,UE,UE,UEEEE…nn UE inteso come Unione Europe,ma propio il frignare del declino!
    Su,su col mercato delle vacche!
    Bisogna raccattare gli ultimi “sghei” e in mona all’Italia! 😉

    • avrai l’app “antifascista” della nuova startup “sardine, acciughe e baccalà” che censura direttamente ‘quelli che parlano male’ del nuovo traffico di merce umana chiamata “accoglienza ed integrazione”.
      E vedi lo schermo verde in quanto messaggio subliminale per sostenere anche i gretini; una induzione psicologica come quando si elencano vari oggetti rossi ed alla fine si chiede “il latte di che colore è?” “Rosso” è la risposta immediata.
      Utile stimolo pavloviano per schierarsi nella battaglia contro la plastica in mare per meglio far crescere i pesci piccoli, che come si sa, sono facile preda dei pesci grossi ancor prima di finire tra le grinfie dei gattini verdi.
      ora, ogni volta che vedrai Porro, lo vedrai verde e scenderai in strada con una scatola di sardine a cantare come una forsennata:
      “Sardina ciao Sardina ciao Sardina ciao ciao ciao”

  6. Se l’immigrazione in Italia è considerata in territorio UE, i requisiti di accettazione per l’ingresso devono essere uniformi in tutti paesi.
    A me, tuttavia, sembra più impellente e preoccupante l’evenienza che deriverebbe dalla riforma prevista dalla Lamborgese, riforma ai decreti sicurezza. Si prevede la gestione in Libia senza strutture di detenzione e sotto il controllo ONU. Ora la storia insegna che l’ONU in contesti di disordine socio-politico non ha operato bene senza la guida di paese/i a forte competenza militare ma anzi al contrario in assenza di un tale comando, L’ONU ha peggiorato la situazione. Poi come sarebbe possibile mantenere l’ordine senza delle strutture di detenzione – sebbene da rendere idonee sotto vari profili -? Per me la Guida dovrebbe essere Italiana anche per contrastare la invasione belligerante di Haftar supportata dalla Francia, paese UE che fa politiche destabilizzanti ed antagoniste. Perché mai ci impegniamo in paesi lontani e lasciamo sguarnite aeree di guerra limitrofe alle ns confini? Per me è un ministro degli interni senza valenza alcuna, come lo è l’Italia senza una politica della difesa assente sui campi di sua competenza.

2 Pings & Trackbacks

  1. Pingback:

  2. Pingback:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *