in

La guerra in Ucraina

Democrazia ucraina: banditi i partiti filorussi

Il governo di Kiev non è mai stato parte completa della rivoluzione liberale occidentale

partiti russia censura

Dimensioni testo

Il Parlamento ucraino ha approvato una nuova stretta sulle attività dei partiti filorussi. Dopo le restrizioni di fine marzo, che videro la sospensione di undici partiti di opposizione per aver sostenuto posizioni di vicinanza a Mosca; oggi, Kiev ha votato la messa al bando di tutti i movimenti che neghino o giustifichino l’aggressione russa contro il Paese. L’applicazione di queste misure drastiche, fortemente limitative della libertà di espressione, sancisce la caduta definitiva della narrazione mainstream, secondo cui l’Ucraina sarebbe il simbolo resistente dei valori e dei principi liberal-democratici.

Governo ucraino, tutto tranne che liberale

Diciamolo chiaramente: Kiev non è mai stata parte completa della rivoluzione liberale occidentale. La “atlantizzazione” dell’Europa parte dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, dopo la sconfitta dei regimi nazi-fascisti ed il trionfo del modello politico, economico e valoriale anglo-americano. Dall’altra parte, si fronteggiava il blocco sovietico, a cui apparteneva l’Ucraina stessa, insieme a tutti gli Stati satellite vincolati dal Patto di Varsavia. Il processo di europeizzazione di Kiev decorre dallo scioglimento dell’Urss, ben mezzo secolo dopo rispetto ad un continente già motore politico ed economico mondiale. Peraltro, vuoi per le pretese russe, vuoi per governi ancorati alla tradizione sovietica, si parla pur sempre di uno sviluppo ben più lento e macchinoso rispetto a Polonia, Romania o Paesi Baltici.

Nonostante tutto, nel corso degli ultimi anni, soprattutto dalla caduta del governo Yanukovich nel 2014, sono stati intrapresi importanti processi di integrazione; i quali, però, non sono riusciti a cancellare definitivamente le radici totalitarie sovietiche. Secondo The World Press Freedom Index, l’indice che valuta lo stato di salute del giornalismo in 180 Paesi, l’Ucraina occupa la 106ª posizione. A decorrere dall’inizio della guerra in Donbass, nel giro di soli tre anni, sono stati assassinati più di quindici cronisti, giornalisti ed opinionisti. È il peggior dato d’Europa, dopo la Russia, che si posiziona al 155º posto.