Ecco i veri colpevoli dell’invasione

Condividi questo articolo


Qualche giorno fa c’è stata la votazione per procedere o meno contro Matteo Salvini. Ma vi dico che quelli che hanno infranto la legge sono: gli scafisti, la Lamorgese, la Bellanova e Conte. E sapete perché? I nostri sinistrelli si sono macchiati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Secondo la legge, chiunque, al fine di trarre un ingiusto profitto dalla condizione di illegalità dello straniero, favorisce la permanenza di stranieri irregolari nel territorio dello Stato, è punito con la reclusione fino a quattro anni e con la multa fino a 15 mila euro. Il Pd sostiene che la decisione di Salvini di non far attraccare la nave al porto sia stato un “crimine contro i diritti dell’uomo”.

Ma sapete chi si sono davvero macchiati di quest’ultimo crimine? Il governo maltese, che ha sempre negato l’attracco a Malta alla nave Open Arms. La nave è stata in mare per 19 giorni, intanto la Spagna aveva più volte offerto aiuto alla nave, ma il Capitano dell’imbarcazione li ha sempre rifiutati. Alla fine Salvini lascia entrare in porto la nave per motivi meteo. Passata l’emergenza il Capitano si è sempre rifiutato di andare in Spagna, nonostante la nave battesse bandiera Spagnola e il governo spagnolo avesse inviato una nave per il trasporto dei migranti.

Gli unici che devono essere denunciati dovrebbero essere: gli scafisti, poiché favorisce l’immigrazione a scopo di lucro, il governo che è consapevole e correo ai fatti, poiché lascia che gli scafisti continuino a lucrare sulla pelle dei poveri immigrati, senza considerare le morti nel Mediterraneo: detto questo, il governo Conte ha anche le mani sporche di sangue.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


38 Commenti

Scrivi un commento
  1. @Giorgiop @Bunnie
    Può essere. Bisognerebbe che ogni commento fosse validato da un codice OTP (metodo utilizzato per l’accesso ai servizi pubblici) che fa riferimento ad una singola persona indentificata, con assegnazione di un singolo nickname. Questo ovviamente renderebbe più macchinoso l’inserimento dei commenti. Con la validazione fatta a mezzo indirizzo mail, essendoci la possibilità di creare tanti account quanti voglio, purtroppo, permette l’anomalia citata. E’ ovvio che chi utilizza questi mezzi, si ritiene furbo, ma sicuramente non è “limpido”, ed ha qualcosa da nascondere, se non altro della propria personalità, senza considerare l’aggravante, se si dovesse permettere di dare lezioni di morale agli altri. Comunque alla fine ognuno ha la propria coscienza, che volendo, può tranquillamente calpestare.

    @Sal
    contracambio
    un saluto a lei

    • @leo

      I nick falsi che hanno inventato per denigrarmi hanno fatto la storia del forum. Non dimentichiamo che tutto sommato qui più che un incontro tra persone reali c’è un confronto tre idee, parole, concetti. Se un’idea è giusta e saggia non importa chi l’ha scritta, l’importante è trarne beneficio.
      Ma qui gli animi sono davvero esacerbati.
      Per non parlare poi dei rischi di un’identificazione anagrafica, vista l’intolleranza e la violenza verbale di qualcuno.
      (ovviemente non mi riferisco al linguaggio colorito, ma a vere e proprie minacce)

      • Rimango dell’idea che un solo nick per ogni persona, sia più onesto nel confronto con gli altri, visto che esprime le sue idee. Se qualcuno si presenta con diversi nick, evidentemente si vuole nascondere o confondere, come chiunque possiede documenti con diversi nominativi. Riguardo all’identificazione anagrafica, con il metodo sopra citato non vi sarebbe nessuna esposizione, come è attualmente, perchè effettuata a monte durante l’inserimento del commento. Inoltre avrebbe il vantaggio che nessuno si sentirebbe denigrato, se non altro nell’uso indiscriminato del nick.

  2. Per giogiop.
    Penso che la sua ipotesi sia realistica.
    In comune i vari autori secondo me hanno una giovane età, molto tempo libero, tipico di chi si alterna alla tastiera, approccio superficiale e banale, scarsa attenzione all’ argomento trattato.
    Se vi capita, passando davanti ad un centro sociale, osservate le scritte sui muri che esprimono il risultato della pensosa vita culturale del centro, sono la copia dei commenti che ci propinano i vari troll del blog.
    Sarei curioso di conoscere l’ opinione a riguardo dei colleghi.

    • @BUNNIE
      Sei un genio BUNNIE. Non ne hai azzeccata una!
      L’analisi delle scritte dei centri sociali poi è memorabile!
      Ti stai facendo domande esistenziali di fronte ad un’idea semplicemente perchè è diversa dalla tua!
      INCOMMENTABILE.

      • Dalla tua risposta mi convinco sempre di più di aver detto cose abbastanza reali.
        La tua risposta era scontata..

      • Aggiungo:
        – incommentabile ? e allora non commentare.
        – le tue idee sono diverse dalle mie ma ( no problem ) ma sono banali , appunto da scritta da centro sociale.
        Problema tuo.
        Riguardatevi

  3. Una testa di ***** di avvocaticchio d’Italia, tra due lavandaie. Questo, è quello che passa il convegno! C’è da vomitare!!!

  4. @Sal, @Fabio Bertoncelli. Così oggi non ne veniamo fuori, dobbiamo chiamare l’ambulanza.
    Per il resto, ebbene si sig. Sal, io potrei anche invitarla a casa, in fondo un po la conosco, ma mi darebbe fastidio che si portasse dietro persone a me sconosciute, in fondo, al mondo non ci sono solo anime belle. Inoltre mi darebbe fastidio che decidesse, che anche gli altri condomini, dovessere ospitare qualche suo (amico ?) sconosciuto. In genere io decido per me, e non posso forzare gli altri a fare gli splendidi.
    Comunque non la disturberò più, mi sembra un po in fibrillazione oggi. Capisco possa sentirsi preso di mira, ma come dice lei, sotto ogni commento c’è scritto rispondi. Dovrebbe staccare, cosa che farò io, ho finito il tempo libero, e vado a lavorare.
    PS.: Con tutto il suo tempo a disposizione, mi sarei aspettato un commento di partecipazione sul post relativo alla censura del libro del dott. Porro, se non altro perchè qui a ampio spazio di parola nonostante abbia idee (lecite) opposte, dimostrando sempre grande sensibilità verso le ingiustizie.

    • scusatemi, Leo, Bertoncelli, Guido, Spotti, Fabio59, Bunnie ed altri ma ancora non vi siete resi conto che sotto il nick Sal scrivono almeno tre persone diverse ?
      Uno è relativamente moderato e non scrive nemmeno tanto male, un altro entra ed insulta tutti quanti senza distinzione, un altro ancora ha Wikipedia ed altri link simili da cui trae tutte le sue dotte dissertazioni sulla lingua italiana, latina ed un paio di volte anche greca, facendo credere di essere plurilaureato ed anche insegnante.
      Date un’occhio attento ai loro interventi e vedrete anche voi.
      Ho anche il sospetto che abbiano usato almeno altri due nick femminili, da un pò assenti, ed un altro (quello norcoreano).
      Provenienza centro sociale.

    • @ Il signor virgola analfabeta non corregge?
      Corregge solo puntini di sospensione e frattaglie varie con il correttore automatico?
      Eppure leo si rivolge anche a lui!

      @leo
      Un saluto a lei.

  5. Oggi ha scritto Fabio Bertoncelli:

    “Hitler fu un despota terrificante, ma non ipocrita.
    La Germania nazista fu dittatura terrificante, ma non ipocrita. ”

    Propongo di trascrivere il detto memorabile in tutti i luoghi di sterminio nazista, a parziale consolazione delle vittime!

    • 1) Il nazismo faceva il male per il male.
      Non diceva di agire per il bene degli ebrei o degli slavi.

      2) Il comunismo faceva il male al popolo dicendo che faceva il bene del popolo.

      Ma tu, con i tuoi quarantasette neuroni (o sono diminuiti a quarantatré?), non sei in grado di comprendere.

      • La scritta ad Auschwitz ha a che fare col dileggio, con l’umiliazione, non con l’ipocrisia. Cioè è tutt’altra cosa.
        I nazisti NON dicevano che agivano per il bene degli ebrei: capito o non capito?

        Prima di insultare, caro il mio Spotti, bisogna verificare perlomeno se si è all’altezza di farlo. Insomma, se si è in grado di distinguere una ciliegia da un cocomero.

        Inoltre ritengo di essere “leggerissimamente” piú edotto di lei in faccende di storia.
        E perché mai? Il perché è presto detto: uno che si presenta con tanta boria e con insulti a sproposito, facendola però del tutto fuori dal vaso, non deve essere né un’ né un pozzo di cultura.

        Stia bene. E stia calmo.

        • P.S. Il programma cancella le parole delimitate da virgolette basse.
          Dopo l’ultima apostrofo manca una parola: “aquila”.

        • @Fabio Bertoncelli
          Stai zitto nazista analfabeta che non sei altro!
          Ti arrampichi sugli specchi dopo che hai scritto quella porcata sul nazismo non ipocrita!

        • Leggo la disputa ma, se l’incolonnamento delle risposte corrisponde a quello voluto, la risposta di Giuseppe Spotti e l’epiteto “capra” non sono diretti a lei. Credo ci sia stato da parte sua un fraintendimento. Lo dico per evitare equivoci da “fuoco amico”.

          • Valter, se hai ragione mi scuso. Il commento di Spotti era posizionato come risposta al mio e cosí mi sono regolato.

            Se, come hai inteso tu, il commento era invece riferito a Sal, allora devo protestare ugualmente: le capre sono molto piú intelligenti.
            La discussione attuale verte sul dilemma: criceto o ameba?

  6. Dovremmo anche ricordare gli orribili stupri e uccisioni perpetrati dai soldati di colore dell’esercito francese in Italia.Una vergogna incancellabile per la Francia. Niente risarcimenti o richieste di scuse. Altro che “Me too”.
    Ricordiamoci che abbiamo a che fare con i degni nipoti di quei soldati.
    Loro non cambiano mai, a differenza di noi.
    “Bestie africane” è dir poco,

  7. Anche i sinistri ci stanno arrivando, e purtroppo ci arriveranno quando i danni saranno irrimediabili.
    Non esiste una via di mezzo con i clandestini: o tutti o nessuno.
    Se ne fai passare alcuni, tantissimi in Africa si sentiranno autorizzati a tentarci: perché loro sì e io no? E si mettono in viaggio, prima tappa la Libia, in attesa del momento buono per imbarcarsi verso di noi.
    Poi, chi arriva è la testa di ponte per far arrivare tutta la famiglia, più o meno allargata, per cui brigherà per “ricongiungersi”, trovando generalmente i magistrati sinistri che glielo concedono.
    E gli sbandati e i pitocchi nelle strade crescono sempre, più rendendo impossibile vivere in interi quartieri.
    Rimane l’opzione opposta: tolleranza zero.
    Dalle loro parti DEVONO SAPERE che non c’è alcuna possibilità: non si deve partire perché non si arriva. E se qualcuno arriva, lo devono vedere tornare indietro con le pive nel sacco e più povero, avendo sprecato i soldi del viaggio clandestino.

    • Abbiamo trasmesso: il discorso tenuto dall’alto commissario per i rifugiati all’ONU, il premio Nobel Pigi.
      Per la pietas, la dignitas, il profondo senso di umanità e per la straordinaria visione umana della politica mondiale, resterà come un segno indelebile di civiltà nei secoli a venire.

      (Riassunto del discorso nelle varie lingue africane: crepate a casa vostra e non rompeteci il c a z zo!)

      • Guardi che se vuole, può sempre richiedere direttamente, attraverso canali ufficiali, una badante o un badante, giardiniere, ingegnere, che sò dalla Nigeria, Senegal, dove più le aggrada, può anche pagargli il biglietto di aereo, così si sentirà a posto con la sua coscienza e non dovremmo andare a recuperarlo/la in mare, così l’odiato Salvini non avrà più scuse e non commetterà più crimini verso l’umanità. Inoltre potrà dire finalmente in prima persona, di essere migliore di tanti altri, del resto, so che lei, la porta di casa sua la tiene spalancata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *