in

Come usi il tuo tempo? Paese che vai…In Italia che trovi?

Dimensioni testo

Il modo in cui le persone trascorrono il loro tempo è simile in molti modi nei paesi: tutti dormiamo, lavoriamo, mangiamo e ci godiamo il tempo libero. Ma ci sono anche importanti differenze nella libertà che le persone hanno di dedicare tempo alle cose a cui tengono di più. Studiare come le persone in tutto il mondo trascorrono il loro tempo offre una prospettiva importante per comprendere le condizioni di vita, le opportunità economiche e il benessere generale.

La ricerca di Our World in Data ci fa comprendere meglio come ci siano differenze a volte molto sostanziali nei comportamenti delle popolazioni e all’interno delle stesse, come ci siano, ad esempio, differenze di approccio altrettanto importanti tra i generi. Uomini e donne non sempre hanno gli stessi privilegi nella disponibilità del tempo. Ma entriamo meglio nei dettagli della ricerca.

Attività quotidiane: somiglianze e differenze tra i paesi

Nel grafico qui confrontiamo il tempo medio trascorso in una serie di attività comuni. I dati provengono dall’OCSE e riuniscono le stime dei diari temporali in cui agli intervistati viene chiesto di registrare la sequenza di ciò che hanno fatto in un giorno specifico, nonché da questionari generali in cui agli intervistati viene chiesto di ricordare la quantità di tempo speso in diverse attività in un giorno specifico della settimana precedente.

La prima cosa che salta fuori da questo grafico è che ci sono davvero molte somiglianze tra i paesi.

Questo non è sorprendente: la maggior parte di noi cerca di dividere le proprie giornate in “lavoro, riposo e divertimento”, e quindi ci sono alcuni schemi prevedibili. Passiamo la maggior parte del tempo a lavorare e dormire; e il lavoro retribuito, i lavori domestici, il tempo libero, il mangiare e il dormire occupano insieme l’80-90% dei 1440 minuti che tutti abbiamo a disposizione ogni giorno.

Ma se guardiamo da vicino, vediamo anche alcune importanti differenze. Il dormire, ad esempio. Da questo campione di paesi, i sudcoreani dormono di meno, con una media di 7 ore e 51 minuti di sonno ogni giorno. In India e negli Stati Uniti, all’altra estremità dello spettro, le persone dormono in media un’ora in più.

Il lavoro è un’altra attività importante in cui vediamo grandi differenze. Nel grafico i paesi sono ordinati in base alle ore di lavoro retribuite, dal più alto al più basso. In Cina e Messico le persone trascorrono, in una giornata media, quasi il doppio del tempo in un lavoro retribuito rispetto alle persone in Italia e Francia. Questo è un modello generale: le persone nei paesi più ricchi possono permettersi di lavorare di meno . Si tenga presente che questo grafico mostra la media di tutte le persone nella fascia di età lavorativa, dai 15 ai 64 anni, indipendentemente dal fatto che siano effettivamente occupate o meno.

Le differenze in termini di dati demografici, istruzione e prosperità economica contribuiscono tutte a queste disuguaglianze nel lavoro e nell’uso del tempo. Ma ciò che è chiaro nel grafico qui è che ci sono anche alcune differenze nell’uso del tempo che non sono ben spiegate dalle differenze economiche o demografiche. Nel Regno Unito, ad esempio, le persone trascorrono più tempo a lavorare che in Francia; ma in entrambi i paesi le persone riferiscono di dedicare una quantità simile di tempo ad attività ricreative.

È probabile che le differenze culturali giochino un ruolo qui. I francesi sembrano passare molto più tempo a mangiare rispetto agli inglesi – e in questo senso i dati sono effettivamente in linea con gli stereotipi sulla cultura del cibo. Le persone in Francia, Grecia, Italia e Spagna riferiscono di trascorrere più tempo a mangiare rispetto alle persone nella maggior parte degli altri paesi europei. Il paese in cui le persone trascorrono meno tempo a mangiare e bere sono gli Stati Uniti (63 minuti).

Utilizzo del tempo per paese oecd

 

Andare oltre le medie: il divario di genere nel tempo libero

Andare oltre le medie nazionali rivela importanti disuguaglianze all’interno dei paesi. Il divario di genere nel tempo libero, ad esempio, è una dimensione chiave lungo la quale esistono grandi disuguaglianze.

Il grafico qui si basa sugli stessi dati sull’utilizzo del tempo descritti sopra, ma mostra separatamente il tempo libero totale per uomini e donne. Il tempo per gli uomini è mostrato sull’asse orizzontale, mentre il tempo per le donne appare sull’asse verticale. La linea diagonale tratteggiata denota “parità di genere”, quindi più un paese è lontano dalla linea diagonale, maggiore è la differenza tra uomini e donne.

Come possiamo vedere, in tutti i paesi il tempo libero medio per gli uomini è superiore a quello per le donne – tutte le bolle sono al di sotto della linea diagonale – ma in alcuni paesi i divari sono molto maggiori. In Norvegia la differenza è molto piccola, mentre in Portogallo gli uomini riferiscono quasi il 50% di tempo libero in più rispetto alle donne.

 

 

Un fattore chiave che determina queste differenze nel tempo libero è il divario di genere nel lavoro non retribuito. Le donne sono responsabili di una quantità sproporzionata di lavoro non retribuito ( anche e soprattutto quello legato alla gestione familiare ) e di conseguenza hanno meno tempo libero. 

Perché dovremmo preoccuparci delle differenze nell’uso del tempo?

Ognuno di noi ha lo stesso “budget di tempo”: 24 ore al giorno e 365 giorni all’anno. Ma ovviamente non tutti noi possiamo scegliere di dedicare del tempo alle attività che ci piacciono di più. Le differenze nella nostra libertà di dedicare tempo alle cose che ci piacciono sono la ragione principale per cui i dati sull’uso del tempo sono importanti per lo studio delle condizioni di vita.

Nel Regno Unito, i ricercatori del Center for Time Use Research hanno collegato i diari sull’uso del tempo con le valutazioni del piacere degli intervistati, su una scala da 1 a 7. Le attività più apprezzate riguardano il riposo o il tempo libero come mangiare fuori, dormire, andare a eventi sportivi, giocare al computer o assistere a spettacoli culturali. Le attività che ricevono le valutazioni più basse includono fare i compiti a scuola, cercare un lavoro o fare i lavori domestici.

Allora cosa impariamo da questo?

In primo luogo, apprendiamo che il godimento delle attività è, almeno in una certa misura, prevedibile e stabile. Ciò significa che possiamo prendere gruppi di attività e fare confronti significativi tra gruppi di persone. Gli economisti, ad esempio, classificano spesso qualsiasi attività con un livello di divertimento inferiore al lavoro come “attività non ricreativa”, al fine di misurare le tendenze del tempo libero tra le persone e il tempo.

Ma oltre a questo, e ancora più importante, questo conferma che l’uso del tempo è informativo sul benessere.

Il fatto che ci sia un modello molto chiaro e prevedibile nel godimento delle attività suggerisce che le differenze nell’uso del tempo ci danno, in effetti, prospettive significative sulle condizioni di vita e sulle opportunità economiche. Nei paesi in cui le persone svolgono più lavoro retribuito avendo meno tempo per il tempo libero, vivono livelli di soddisfazione minori.

E In Italia? Beh basta guardare i grafici per comprendere che fino alla data della ricerca non ce la siamo passata male, bisognerà vedere cosa succederà da adesso in poi.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments