in ,

Coronavirus: I numeri, i grafici e le tendenze per capire

Aggiornamento al 4 settembre 2021 dati in grafica del dottor Paolo Spano

Dimensioni testo

Tutti i numeri del Coronavirus. Come valutiamo l’informazione che ci raggiunge sulla Pandemia in corso? In che modo leggiamo i numeri? Come facciamo a comprendere se c’è efficacia nell’uso dei vaccini?

Il Professor Spano dell’ Humanitas di MiIano produce ogni giorno un documento con tutti i dati aggiornati del ministero della sanità dati che vengono tradotti in grafici altamente comprensibili, grafici che vi riportiamo perché possiate farvi un’idea assolutamente personale di andamenti e prospettive sulla diffusione del Covid_19 nel nostro Paese.

Il primo grafico ci mostra la diffusione dei nuovi casi per fasce d’età in Italia negli ultimi 28 giorni.

 

Nel successivo abbiamo anche la legenda  che ci permette di vedere i valori assoluti, i numeri per fasce d’età.

 

Se confrontiamo i dati di diffusione con quelli di morte (grafico successivo) con quelli dei deceduti comprendiamo come nelle fasce d’età più giovani, pur aumentando la diffusione il rischio che si prendono è bassissimo.

 

Anche in questo caso potete vedere l’incidenza del numero dei morti. Nessun commento anche in questo caso: numeri e grafici parlano da soli.

 

Nella successiva, per fasce d’età, vediamo lo stato di salute delle persone contagiate in questo momento.

 

Vediamo nei seguenti, invece l’andamento, negli ultimi due mesi, dei decessi per fasce di età. In pratica (prossimo grafico) ci dicono che l’incidenza di mortalità è quasi nulla fino ai 49 anni. 

 

Il grafico seguente mostra l’incidenza dei non vaccinati (colonne azzurre), soprattutto tra i ricoverati, quelli in terapia intensiva e i deceduti.

 

 

 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
9 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Fabio
Fabio
6 Settembre 2021 10:15

L’efficacia dei vaccini è certa (quanta, per quanto e per chi, è invece ben più vago).
Quindi la vaccinazione di massa produce un vantaggio collettivo altrettanto certo.
Il vantaggio sanitario del singolo invece, in base a età/patologie/stile di vita può persino essere negativo.
Che un deceduto ex positivo settimane prima sia ascrivibile a decesso per covid, e che invece un deceduto improvviso a pochi giorni dal vaccino sia ‘senza correlazione’ è vergognoso.
– Segue –

Hermes
Hermes
6 Settembre 2021 1:35

Mi sembrano quelle presentazioni di puro marketing dove gli andamenti delle vendite future hanno sempre un andamento esponenziale….verso l’alto per impressionare la platea.

Hermes
Hermes
6 Settembre 2021 1:28

Gasbarro può dare il link del documento in oggetto? Ci sono cose che non capisco. L’ultimo grafico è riferito ad un giorno (1/9/2021) ? ci sta dicendo che in un giorno sono deceduti 650 su milione di ultra ottantenni non vaccinati ? O negli ultimi 28 giorni ? Se gli ultraottantenni in Italia sono circa 4 milioni 650 x 4 = 2600 morti in un giorno che è chiaramente assurdo ? In un mese (quindi agosto ?) . E solo praticamente tra i vaccinati? E come mai nel 2020 quando non c’era il vaccino i morti erano un decimo di ora?