Foibe, la mia commozione in diretta

Condividi questo articolo


Ieri sera per celebrare il Giorno del Ricordo abbiamo voluto aprire la puntata di Quarta Repubblica con le testimonianze dei parenti delle vittime delle Foibe. Persone invisibili, persone che per molti anni sono state dimenticate da chi ha sempre voluto negare quei crimini di matrice comunista.

La puntata di ieri l’abbiamo voluta dedicare a tutti loro. E vi assicuro che, in diretta, la mia emozione è stata tanta…

Dalla puntata del 10 febbraio 2020

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


7 Commenti

Scrivi un commento
  1. Ma quando mai i tedeschi hanno fatto i conti col passato!!! Il 10% della popolazione equivale ai 6.000.000 di morti solo nei campi di concentramento? La loro mira espansionistica i Tedeschi ce l’hanno nel loro DNA. C’ERA NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE, NELLA SECONDA E C’E’ ANCORA OGGI BASTA VEDERE CHI COMANDA IN EUROPA. Hanno ragione perche’ noi Italiani abbiamo un governo che non e’ stato eletto dai cittadini e stiamo zitti e buoni, abbiamo le piazze piene di” sardine” che protestano contro Salvini e tanti in buona fede partecipano quasi fosse una scampagnata e non sanno neanche perche’ sono la’ invece di protestare per i diritti sacrosanti quali lavoro, privilegi da parte dei politicanti, pensioni spesso da fame, ecc.ecc., cosa vuoi pretendere? Per inciso le sardine non abboccano ma si pescano con la rete!

    • Wow. Dai tedeschi, all’europa, fino a salvini, alle sardine, ai pensionati… Come tu sia riuscita a mettere insieme tutto questo minestrone lo sai solo te. Comunque impressionante. Quasi da Amici Miei.

      • Mio “caro” sono solo argomenti su cui rifletto. Sara’ anche un minestrone e posso anche essere d’accordo con te ma be’ sempre meglio cercare di vedere cosa ti succede intorno piuttosto che fingere che non succeda niente e continuare a parlare di fobie all’infinito ognuno cercando di aver ragione senza concludere niente perché’ ognuno rimane sulle sue posizioni. Se gli argomenti ti del ” minestrone ti annoiano mi dispiacece per te. La prossima volta se ci sara’ una prossima volta, cerchero’ di parlare di risotti o pasta al forno, fai tu come preferisci…. ciao

  2. Quello slavo era un regime comunista criminale ma questo modo di trattare l’argomento foibe è ridicolo da ogni punto di vista tranne quello dei politicanti. In ogni guerra esiste la rappresaglia, gli italiani e i tedeschi hanno fatto fuori quasi il 10% degli slavi. Di che parliamo?

    Il che non vuol dire glorificarle, badate bene.

    Ma chissà perché i tedeschi, che hanno fatto i conti col passato e non usano argomenti così beceri in politica (se non qualche partito di minoranza di estrema destra) non celebrano le vittime tedesche di crimini diguerra da parte dei russi. Come mai eh?

  3. PRIMA DELLE FOIBE

    Giorno del Ricordo…di tutte le vittime

    “So che a casa vostra siete dei buoni padri di famiglia, ma qui voi non sarete mai abbastanza ladri, assassini e stupratori.”

    Benito Mussolini ai soldati della Seconda Armata in Dalmazia, 1943

    “Di fronte ad una razza inferiore e barbara come la slava, non si deve seguire la politica che dà lo zuccherino, ma quella del bastone. I confini dell’Italia devono essere il Brennero, il Nevoso e le Dinariche: io credo che si possano sacrificare 500.000 slavi barbari a 50.000 italiani”

    Benito Mussolini

One Ping

  1. Pingback:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *