in

Freedom convoy: i camionisti canadesi “arrivano” in Francia (e presto da noi)

La protesta in Canada contro l’obbligo vaccinale si allarga. Preoccupato Macron. E si mobilitano anche gli italiani

Freedom convoy

Dimensioni testo

: - :

Il Freedom Convoy, la protesta dei camionisti canadesi contro l’obbligo vaccinale, giunta alla sua seconda settimana, non diminuisce. Anzi, da due giorni i manifestanti stanno bloccando il ponte Ambassador, un valico di frontiera strategico fra Usa e Canada che collega il centro industriale statunitense di Detroit con la provincia canadese dell’Ontario (che ha dichiarato lo stato di emergenza). Il premier progressista Justin Trudeau ha alzato il livello della minaccia, sostenendo che il boicottaggio del commercio canadese sia “inaccettabile”. Ma la sua posizione si fa sempre più difficile, considerando che anche il collega del Liberal Party (in realtà un partito laburista, secondo i nostri criteri politologici) Joel Lightbound, definisce le politiche del premier “divisive” e inutilmente rigide. Mentre province canadesi quali l’Alberta, il Québec e il Saskatchewan, stanno facendo marcia indietro, eliminando gli obblighi di esibire i pass vaccinali e riaprendo le attività pubbliche.

Blocco stradale, un fenomeno che si allarga

Il Freedom Convoy, anche se nessun politico canadese lo vuole ammettere, sta insomma avendo successo. E più che il sostegno popolare, a renderlo un’iniziativa di richiamo è proprio lo stesso atteggiamento di chiusura della classe politica canadese e del premier Trudeau in particolare. Nessun dialogo, solo insulti, solo generalizzazioni e demonizzazioni su chi protesta. Per questo motivo, la marcia dei camion del Freedom Convoy inizia ad essere imitata anche all’estero, soprattutto dove la classe dirigente ostenta lo stesso atteggiamento.

Prima nella anglosfera, in Nuova Zelanda soprattutto, dove la premier Jacinta Ardern ha applicato dure politiche di chiusura per raggiungere l’obiettivo del “Covid zero”. Sotto la sede del parlamento di Wellington, i camionisti locali si sono dati appuntamento, esattamente come in Canada. Sono stati accolti da una deliberata indifferenza. La Ardern ritiene che “non rappresentino la maggioranza”, perché il 77% dei neozelandesi è vaccinato. Ma in questo modo dimostra, anche lei come tanti qui in Italia, di non capire (volutamente) la differenza fra chi protesta contro restrizioni e obblighi vaccinali e chi, invece, si oppone al vaccino. Anche l’85% dei camionisti canadesi è vaccinato, infatti, ma chi sta manifestando lo fa per difendere un principio di libertà individuale.

Francia, dai gilet gialli alla marcia dei camion

In Europa, il movimento sta attecchendo soprattutto in Francia, come c’era da attendersi. Era prevedibile, prima di tutto, perché nel Paese transalpino era già in corso, da due anni prima del Covid, un moto contro il presidente Macron, quello dei gilet gialli. Alcuni degli organizzatori del convoglio della libertà francese, sono infatti gli stessi del movimento precedente. La protesta di allora era scoppiata per il caro-benzina, dovuto all’introduzione di tasse ecologiche, che colpiva soprattutto pendolari e lavoratori dei trasporti privati. Sono le medesime categorie più interessate alla rimozione delle restrizioni di movimento imposte come misure anti-pandemiche. La pagina Facebook francese del locale convoglio della libertà ha già raccolto 23 mila adesioni online. Sei distinte carovane, partite dai sei angoli della Francia, stanno puntando a Parigi, dove dovrebbero convergere questo fine settimana. Nella variopinta massa dei partecipanti si vede qualche bandiera canadese e del Québec francofono, come segno di solidarietà per i camionisti d’oltre oceano, ma soprattutto tante bandiere francesi. E qualcuna della Vandea, simbolo di una Francia popolare e cattolica che si oppone al laicismo delle élite. Tutto molto locale, dunque, tutt’altro che un “format” esportato dall’America.