in

Gli intellettuali chic che difendono l’Ue, il peggiore degli imperi

Dimensioni testo

Oggi Repubblica pubblica un appello per salvare l’Europa firmato da intellettuali come Mario Vargas Llosa, Milan Kundera, Anne Applebaum, Bernard-Henri Lévy, Claudio Magris, Roberto Saviano, Eugenio Scalfari e molti altri. Lo scopo immediato è delegittimare le forze antieuropee che, secondo i sondaggi, vinceranno quasi ovunque. Sul lungo periodo, l’appello spiega: “dietro la strana sconfitta dell’Europa che si profila all’orizzonte, dietro a questa nuova crisi della coscienza europea che si accanisce a demolire tutto ciò che ha reso le nostre società grandi, nobili e prospere, vi è il tentativo – a cui dagli anni Trenta in poi non si era mai assistito – di mettere in discussione la democrazia liberale e i suoi valori”.

Se potessi, chiederei ai firmatari: cosa c’è di meno conforme alla democrazia liberale della Unione Europea? È vero che siamo chiamati a votare ma è anche vero che il Parlamento ha poteri limitati e nessuno ci ha mai chiesto di scegliere un leader che governi l’Europa. Se non ce l’hanno chiesto, significa che non non sono interessati a coinvolgerci. La tecnocrazia non ama la democrazia liberale. Nei Paesi anglosassoni esiste una letteratura corposa sull’Unione europea come esempio di moderno impero. Il peggiore degli imperi: un impero senza imperatore, dove si parlano 25 lingue e chi comanda davvero è sua maestà l’euro, una moneta che ha valori diversi a seconda dei Paesi in cui viene speso. In Germania ha un valore, in Italia ne ha un altro. La lucidità degli artisti in campo politico è piuttosto scarsa.

Alessandro Gnocchi, 26 gennaio 2019