in

Le misure economiche

Governo, bollette e trivelle: cosa ha deciso il Cdm – LIVE

Il consiglio dei ministri approva il dl aiuti quater: dalle trivelle al tetto al contante

Dimensioni testo

: - :
Conferenza stampa del Presidente Meloni

Nuovo consiglio dei ministri e stavolta non si parla di rave party, migranti o chissà cos’altro. Il governo entra a pieno titolo nella questione economica con l’approvazione del dl aiuti quater. Dentro il decreto, molte mosse economiche per provare a calmierare l’impatto che avrà la crisi energetica sull’Italia. Ma non solo.

Via libera alle trivelle

Partiamo dalle trivelle, di cui tanto si è parlato. Nell’ultima conferenza stampa il premier lo aveva annunciato: il governo intende sbloccare nuove perforazioni nell’Adriatico se le aziende che vinceranno le concessioni garantiranno gas “subito” per le aziende energivore. Il decreto aiuti quater prevede “il rilascio di nuove concessioni tra le 9 e le 12 miglia. Le trivellazioni saranno possibili “nel tratto di mare compreso tra il 45esimo parallelo e il parallelo passante per la foce del ramo di Goro del fiume Po”, ma solo a 9 miglia dalla costa. Una soluzione che secondo gli esperti era doverosa, anche perché estrarre gas italiano potrebbe permettere in futuro di “sostituire” gli idrocarburi che ancora oggi acquistiamo da Mosca.

Per convincere la Lega, vista la frenata di oggi di Zaia sulle trivellazioni, nel decreto è stata aggiunta una clausola contro la subsidenza. Si legge: “La coltivazione delle concessioni di cui al terzo periodo per la durata di vita utile del giacimento a condizione che i titolari delle concessioni e previa presentazione di analisi tecnico-scientifiche e programmi dettagliati di monitoraggio e verifica dell’assenza di effetti significativi di subsidenza sulle linee di costa da condurre sotto il controllo del Ministero dell’Ambiente e della sicurezza energetica”.

Premi aziendali esentasse

Nell’ottica di ridurre le tasse e aiutare le famiglie, il governo ha deciso di rendere esentasse i premi aziendali fino a 3mila euro prima posta a 600 euro. Il motivo? Permettere alle aziende che lo volessero, di aiutare i dipendenti ad affrontare il caro bollette.

Tetto al contante a 5mila euro

Ed eccoci alla tanto contestata norma sul tetto al contante. Il governo lo aveva annunciato: più contante nelle tasche degli italiani che volessero utilizzarlo per gli acquisti. La nuova soglia è stata fissata però a 5mila euro, meno dei 10mila di cui si era parlato.

Clicca qui per leggere la bozza integrale del dl aiuti quater

Superbonus

La norma era attesa, visto che ne aveva parlato ieri il ministro Giorgetti in audizione in commissione. Detto, fatto: il superbonus verrà rivisto. La percentuale rimborsata dallo Stato nel 2023 non sarà più del 110% ma del 90%. Agevolazione confermata per le villette, ma solo per chi ha un reddito fino a 15mila euro, valutato in base ad un quoziente familiare.

Rateizzazione delle bollette

Novità invece per le bollette delle aziende, che presto potrebbero trovarsi in forte difficoltà a pagare l’energia utilizzata per produrre. Il decreto prevede la possibilità di rateizzare le bollette di luce e gas, ma solo per la parte eccedente l’importo medio del 2021. In sostanza: se le bollette dei consumi di ottobre 2022-marzo 2023 dovessero essere più alte del passato, la quota eccedente può essere rateizzata. Ma l’agevolazione decade dopo due bollette non pagate.

Prorogato il credito di imposta

Il credito d’imposta per le imprese per l’acquisto di energia elettrica e gas naturale viene esteso fino a dicembre. Per le aziende energivore si tratta di un bonus pari al 40% della spesa sostenuta per la bolletta, mentre per tutte le altre attività sarà del 30%.

Segui qui sotto la diretta della conferenza stampa di Giorgia Meloni e dei ministri.


11.00 Autotrasporto, cambiano le regole in favore degli italiani

Cambiano le regole dell’autotrasporto, con l’obiettivo di favorire quelle italiane. È quanto ottenuto dal Mit guidato dal ministro Matteo Salvini nel corso del Consiglio dei Ministri, in linea con il programma elettorale. Nel testo del Dl Aiuti ter, la norma sull’autotrasporto prevedeva l’accesso ai finanziamenti anche alle imprese straniere di altri Paesi membri dell’Ue. Il Mit ha chiesto (e ottenuto) di specificare che possono beneficiare delle risorse solo le realtà stabilmente in Italia. Sul piatto ci sono 100 milioni, di cui 85 per chi si occupa di movimentazione delle merci.

10.40 Urso: provvedimento che guarda al futuro

Per il ministro Urso il governo non vuole solo tamponare in emergenza i problemi dell’Italia a livello energetico, ma guarda anche al futuro. “Oltre a consentire alle famiglie di ridurre i costi, iniziamo ad aumentare la produzione nazionale. Affrontiamo la questione alla fonte. Non solo con il gas, ma anche con le rinnovabili nei prossimi provvedimenti. Al momento, la maggiore energia prodotta dalle trivellazioni saranno dedicate alle eccellenze italiane che sono gasivore. In particolare, le vetrerie di Murano, la ceramica, il settore della carta e la siderurgia italiana”.

10.35 Superbonus, Giorgetti: credito fiscale è possibilità, non diritto

Il governo sta studiando una soluzione ai crediti di imposta fermi nei cassetti fiscali. Ma il ministro fa sapere che la cedibilità del credito fiscale è una “possibilità”, non un diritto. “Chi vi accede è sicuro di detrarre nel corso degli anni, ma è solo “possibile” cederli. Non c’è una certezza. Altrimenti avremmo creato una moneta e non è stata creata”, precisa il ministro.

10.30 Giorgetti: superbonus ai più fragili

Il ministro Giorgetti difende la scelta politica di spostare le risorse del superbonus dalle fasce alte di reddito a quelle medio basse. Inoltre, ha precisato che non ci saranno interventi retroattivi. “Bisogna garantire le finanze dello Stato, che poi sono i nostri fondi di tutti i contribuenti”.

10.27 Meloni: cambia il superbonus

Meloni informa che nel Cdm è stata ridotta la quota del superbonus: non più il 110% dei lavori, ma il 90%. Questo varrà solo per i lavori ancora da deliberare, mentre i condomini che li hanno già iniziati o già deliberati potranno continuare con i lavori. Con il risparmio previsto, il governo riapre il superbonus per le villette unifamiliari ma solo fino a redditi di 15mila euro.

Meloni ha fatto notare che il superbonus così come è oggi ha creato un buco nei conti di bilancio di 38 miliardi.

10.20 Inizia la conferenza stampa di Meloni

21.15 Ok del Cdm al decreto Aiuti quater

Il governo ha approvato il decreto Aiuti quater, contenenti le misure contro il caro-energia. Si attende la conferenza stampa della premier Giorgia Meloni.

19.35 Al via la riunione del governo in Cdm