in

Green pass, Israele fa marcia indietro

La decisione di Gerusalemme: limitare l’uso del green pass e meno restrizioni per chi arriva in Israele

Dimensioni testo

I consiglieri del governo di Israele hanno votato per limitare l’uso del sistema green pass. Con questo voto si è deciso di restringere l’applicazione del certificato di vaccinazione green pass. stabilendo che sarà richiesto solo in occasione di eventi “ad alto rischio” come matrimoni, discoteche, grandi feste e tutti i luoghi o occasioni dove gli assembramenti possono andare fuori controllo.

Le nuove regole entreranno in vigore a partire dalla mezzanotte di domenica.

Il governo israeliano ha affermato che l’elenco completo dei nuovi requisiti del green pass sarà distribuito nei prossimi giorni e l’obbligo di mostrarlo verrà revocato per eventi ricreativi e siti culturali, inclusi spettacoli teatrali, concerti, musei, centri commerciali bar e ristoranti.

Un’altra novità per Israele è che il green pass sarà valido per tutti coloro che sono guariti o hanno ricevuto due dosi di vaccino negli ultimi quattro mesi o per chiunque abbia ricevuto tre o quattro dosi dall’inizio della campagna vaccinale. Fino ad ora i regolamenti stabilivano che i titolari di green pass dovevano aver ricevuto la loro dose più recente – o infezione – entro sei mesi.

Pur continuando con le vaccinazioni, con questo passo il governo israeliano sta andando verso il totale annullamento del green pass, documento reso inutile dall’ondata Omicron che, anche se meno pericolosa di quelle che l’hanno preceduta, si rivelata maggiormente trasmissibile.