Grillini (e governo) in bilico sul ponte di Genova

Condividi questo articolo


Il ministro alle Infrastrutture, la piddina Paola De Micheli, ha annunciato che la gestione del Ponte Morandi va al concessionario, cioè ai Benetton. Il Movimento 5 Stelle, immediatamente dopo il crollo del ponte nell’agosto del 2018, con i cadaveri ancora caldi, strepitò contro Autostrade, intimando la revoca della concessione. La narrazione grillina ha subito un’ulteriore abiura, impreziosendo l’antologia delle loro fanfaronate. Al Tav, al Tap, al “mai alleanza con il Pd”, deplorato da Giggino Di Maio come “il partito di Bibbiano”, si aggiunge la beffa della gestione del Morandi ad Aspi a cui i Cinque Stelle imputano le omissioni manutentive che causarono il collasso del ponte in cui perirono 43 persone.

Non si è fatta attendere la reazione del presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, che ha commentato con sarcasmo la notizia: “Dopo due anni di minacce, immobilismo, proclami, giustizia promessa e rimandata il ponte di Genova verrà riconsegnato proprio ad Autostrade, come ha ordinato il Governo M5s-Pd”. Il governatore ligure ha aggiunto:”E intanto per la tragedia del Morandi e per le sue 43 vittime nessuno ancora ha pagato. Mentre a Roma litigavate, noi in Liguria almeno abbiamo ricostruito il ponte”. Il leader della Lega Matteo Salvini ha rincarato la dose intervenendo sulla vicenda che ha monopolizzato le agenzie di stampa: “Quindici chilometri di coda in A7, ennesima giornata da incubo per Genova e per tutta la Liguria, mentre Pd e 5 stelle fanno i capricci e litigano su Autostrade, sulla gestione del nuovo ponte e tengono bloccata la Gronda. Incapaci al potere”.

In punta di diritto ipotizzare l’affidamento della gestione della nuova infrastruttura a soggetti estranei alla concessione non sarebbe stato praticabile e i fatti smentiscono il populismo facilone del Movimento che quando proclamava, con la verbosità tipica dei bulli istituzionali, “mai più Benetton”ignorava che il 70% di Autostrade è detenuto da investitori stranieri. Per i grillini, estimatori della concezione madurista del governo, lo Stato di diritto è un impaccio ai loro editti e in questi due anni, mentre incalzavano senza successo i Benetton, crollavano altri ponti gestiti dall’Anas nell’inerzia del governo rossogiallo che non ha convogliato le necessarie risorse per gli investimenti manutentivi delle strade.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


4 Commenti

Scrivi un commento
  1. La concessione va quantomeno rinegoziata e i maletton devono pagare salato, magari in compagnia di chi li ha per anni favoriti. Ma non succederà, perché c’è corruzione.

  2. La ‘concessione’ viene rinnovata,intanto però…titoliamo “Grillini(e governo) in bilico sul Ponte di Genova”.E che ca…volo di ‘concessione confermata’ è se ancora tutto in bilico?Piuttosto..torniamo daccapo: bisogna confermarla o no sta ‘concessione’ agli amici sxtri Benetton che possono permettersi di essere anche ‘amici’,ed ‘amici degli amici’ a loro volta ‘amici degli amici’ di parte del cdx,berlusconidi in ‘sola’ maggioranza?Occhio che se si mette in discussione sta concessione…’si sa dove si comincia ma non è proprio prevedibile,senza l’aiutino sxtro,dove si finisce’:tv in primis.

  3. Vittime innocenti, demagogia meno.
    Punto fermo: una tragedia immane, vittime innocenti, famiglie distrutte. Morti e vite dei familiari spezzate. Dolori e lutti irrecuperabili.
    Tutto il resto fa parte della ricerca seria e tutt’altro che semplice della verità, del perché è accaduto, delle colpe, civili e penali.
    Un dato di fondo ineliminabile mi pare questo: è stato affidato alla Società Autostrade un’opera datata, vecchia concettualmente e vecchia come impiego dei materiali.
    Il progetto di un ponte così, sorretto dall’alto con tiranti in acciaio affogati nel calcestrutto, oggi, non lo progetterebbe nessuno.
    E’ un caso che Renzo Piano abbia progettato tutt’altro ponte, appoggiato come naturalmente dovrebbe essere per intero su pilastri in calcestruzzo armato? Non ha portato in cielo i pilastri per poi “tirare su” il peso enorme di questa struttura con dei tiranti affogati e “mangiati” dal e nel calcestruzzo.
    Per la stabilità ha usato una forza enorme, stabilizzante e “gratuita”: la forza di gravità.
    Lo Stato ha dato alla società autostrade, che ha le sue colpe specifiche nella scarsa e carente manutenzione, un’opera “bacata” dentro, strutturalmente e concettualmente “sbagliata”. Dall’inizio.
    Aspettiamo il verdetto dei giudici. Speriamo in tempi non eterni.
    Intanto fate partire il ponte nuovo.
    E ringraziamo le grandi aziende che l’anno costruito, le maestranze e gli operai, Renzo Piano, Giovanni Toti e Marco Bucci, commissario e sindaco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *