in

I numeri dei social dietro lo show di Fedez

fedez social

Dimensioni testo

di Luca Ferlaino

Il dibattito scaturito attorno alla figura di Fedez ha oscurato i temi del lavoro e dei diritti. A metterlo nero su bianco sono le cifre contenute in una ricerca Socialcom con utilizzo della piattaforma Blogmeter. La vicenda di Fedez segna un vero e proprio punto di svolta nella comunicazione digitale. Le polemiche sul web che sono seguite all’intervento del rapper hanno avuto maggior pubblico rispetto al concerto.

Partiamo da un dato fondamentale: tra l’1 e il 3 maggio sono state rilevate in rete oltre 1,5 milioni di conversazioni, con un volume di interazioni totali superiore ai 20 milioni. Questo a fronte di uno share tv per il concertone del Primo maggio, andato in onda su Rai3, del 6,7%, che ha visto coinvolti 1.497.000 spettatori.

Per quello che riguarda i social network, Facebook conferma la propria centralità nel dibattito in rete. Nel periodo oggetto dell’analisi, solo sulla piattaforma fondata da Mark Zuckerberg sono emerse oltre 1,1 milione di conversazioni.

Il personaggio al centro delle conversazioni

Altro dato da sottolineare è quello relativo ai temi. In rete si è discusso perlopiù del personaggio Fedez piuttosto che di lavoro (17,2k menzioni), Rai (16,3k), Primo maggio (11,8k) e Ddl Zan (6,5k). Ancora meno sono le conversazioni riferibili al tema della censura, fortemente sollevato dal cantante nelle ore immediatamente successive al suo intervento.

Fedez si conferma irraggiungibile anche per quanto riguarda il seguito personale. Il video del suo intervento, postato sul proprio profilo Instagram, ha totalizzato più di 15 milioni di visualizzazioni e 95k commenti.

Il confronto con i politici

Qui è d’obbligo un breve confronto con la politica. Tra gli esponenti di partito che hanno ricevuto il maggior tasso di engagement ci sono Giuseppe Conte (1,1 milioni), Matteo Salvini (715k) e Luigi Di Maio (213k). I top 10 politici per engagement insieme arrivano a 2,7 milioni di interazioni. Ben lontani dalle cifre raccolte dal rapper.

Interessante, infine, notare come la narrazione sul tema abbia subito varie mutazioni. Nella prima fase del dibattitto si è parlato del Ddl Zan, poi si è avuto un picco sul tema Rai, infine su Amazon e Nike, brand ai quali Fedez è vicino.

A questo punto una domanda sorge spontanea: la vicenda Fedez ha inaugurato la stagione degli influencers-politici? Nei prossimi giorni continueremo a monitorare.