in

Il ddl Zan spiegato a Fedez

Dimensioni testo

Non sappiamo se Fedez abbia mai letto il ddl Zan. Né se, avendolo letto, l’abbia capito, o se tutto il suo attivismo conformistico, organico alla sinistra delle superstar, sia in fondo un’operazione di marketing. Ma visto che la Rai, lungi dal censurarlo, gli ha anzi permesso di imbastire un comizietto senza contraddittorio, può essere utile spiegare a lui e, per interposti Ferragnez, ai lettori, cosa c’è di aberrante in una legge inutile e pericolosa. Che peraltro, a differenza di quello che crede il signor Federico Lucia, i parlamentari hanno tutto il diritto di sabotare in Senato, anche con l’ostruzionismo.

Lo Stato nelle mutande

Punto primo. Lo sa, il prode Fedez, che il ddl Zan pretende di imporre per legge una definizione “genere”, “orientamento sessuale” e, addirittura, “identità di genere”, concepita come “l’identificazione percepita e manifestata di sé in relazione al genere, anche se non corrispondente al sesso”? Non trova egli agghiacciante che il Parlamento si occupi di organi genitali e “manifestazioni” della sessualità? Perché c’è bisogno di usare la legislazione per cristallizzare un’antropologia, peraltro discutibile? Capiamo che lui e consorte siano abituati a lasciar entrare il pubblico persino nei loro gabinetti. Ma è giusto lasciar entrare lo Stato nelle nostre menti e nelle nostre mutande?

Il pericolo liberticida del ddl Zan

Punto secondo. È consapevole, Fedez, che la clausola salva idee non stempera affatto il potenziale liberticida del ddl Zan? L’articolo 4 esclude, sì, la punibilità della “libera espressione di convincimenti od opinioni nonché le condotte legittime riconducibili al pluralismo delle idee o alla libertà delle scelte”. Ma chiarisce: “Purché non idonee a determinare il concreto pericolo del compimento di atti discriminatori o violenti”.

Così, la legge rischia di dare adito a una serie interminabile di denunce temerarie, precipitando nell’incertezza giuridica chiunque difenda posizioni difformi dall’ortodossia arcobaleno. Attenzione: il ddl non parla di idee che conducono direttamente a discriminazioni e violenze, cioè istigazioni a commettere reati. Parla di idee “atte a determinare il pericolo” che si compiano quegli atti. Ma chi e come stabilisce che sussista quel pericolo e che quella precisa opinione lo abbia provocato?

Il bavaglio alla stampa

Ad esempio: scrivere su un giornale che gli omosessuali non dovrebbero poter adottare un bambino determina o no il pericolo che qualcuno compia atti discriminatori o violenti? Ne diciamo una ancora più grossa: un omosessuale cattolico, difendendo apertamente la “libera scelta” di astenersi dalle pratiche sessuali cui lo condurrebbe la propria natura, determinerebbe o no il pericolo che qualcuno compia discriminazioni o violenze?

Nella migliore delle ipotesi, il ddl Zan sarebbe inutile, perché finirebbe per non punire nessuna condotta che già non sia reato. Nella peggiore – quella che noi temiamo – si trasformerebbe in un osceno bavaglio. Su queste delicate questioni, che raffinate opinioni hanno maturato i coniugi Lucia-Ferragni?

Indottrinamento nelle scuole

Punto terzo. Che ne dice, Fedez, della Giornata nazionale contro le varie “fobie”, che coinvolgerebbe anche le scuole? Gli studenti saranno sottoposti a “cerimonie, incontri” e altre iniziative, tutte rientrati nel quadro dell’offerta formativa curriculare. Cosa ci sia dietro questo articolo 7, lo aveva spiegato candidamente Michela Murgia e noi lo avevamo subito sottolineato: con la scusa di “insegnare ai bambini a non discriminare”, come ha detto ieri a Quarta Repubblica Emanuele Fiano, cercheranno di infilare l’educazione gender nel percorso scolastico. Con un’aggravante: mentre oggi i genitori hanno il potere di sottrarre i figli alle molteplici trovate di qualche insegnante zelante, domani questo potere non ce l’avranno più. La formazione dei loro ragazzi diventerà proprietà delle sigle del mondo Lgbt, puntellate dalla forza pubblica.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
83 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
trackback
Ddl Zan, la verità sulla crociata gay del Pd - Giuseppe De Lorenzo
7 Luglio 2021 9:11

[…] Obiettivo: approvare un testo contro le discriminazioni omofobe, ma alleggerendolo di tutte le parti considerate “pericolose” dal centrodestra, dal Vaticano e da una buona fetta di cattolici (anche del Pd). Parliamo della […]

trackback
Fedez mostra i pericoli del fanatismo pro Zan - Francesco Giubilei
23 Giugno 2021 16:07

[…] italiano e una parte consistente del paese, della società civile e della politica, si batte contro l’approvazione del Ddl Zan sostenendone il carattere liberticida e lesivo della libertà di pensiero dei cattolici ma la presa […]

trackback
Omofobia a Palermo, la menzogna della sinistra - Max Del Papa
1 Giugno 2021 8:30

[…] omosessuali torinesi aggrediti a Palermo e subito il coro: ci vuole la legge Zan, non si può più aspettare. La puzza di propaganda è forte, ma una propaganda scentrata, […]

trackback
Gender a scuola, nel Lazio parte l’indottrinamento - Giuseppe De Lorenzo
18 Maggio 2021 19:00

[…] hanno ancora approvato il ddl Zan, ma forse non ce ne sarà neppure bisogno. Domenica se ne sono usciti con l’uomo incinto de […]

Frenzo
Frenzo
12 Maggio 2021 9:33

Ma chi avrebbe il coraggio di scommettere il proprio futuro con questa gente??????

trackback
Perché ci fa paura Gervasoni perquisito - Alessandro Rico
12 Maggio 2021 8:32

[…] la minaccia dell’etichetta di “negazionismo”. E andiamo verso l’approvazione di una legge, il ddl Zan, che espone al pericolo di finire alla sbarra chiunque esprima un’opinione che qualcun altro […]

trackback
Chi è il santone che avrebbe plagiato il liceale di Fano - Max Del Papa
10 Maggio 2021 14:09

[…] cittadino pensa bene o pensa male – e questa è precisamente la ragione della pericolosità del ddl Zan; e lo […]

Promauri
Promauri
6 Maggio 2021 11:28

Se tu fai una legge per la quale
-se dici omosessuale di m vai in galera ma se dici eterosessuale di m non ti succede niente
-se dici negro di m vai in galera ma se dici italiano di m non ti succede niente
è una discriminazione per eterosessuali e italiani
e allo stesso tempo affermare che gli omosessuali e gli stranieri sono al di sopra di eterosessuali e italiani.
Uguaglianza non significa egualitarismo, l’egualitarismo è cancellazione di ogni differenza e pertanto mettere certe minoranze al di sopra della maggioranza.
L’egualitarismo è comunismo.