I profeti del terrore tacciono solo sugli infetti stranieri

Condividi questo articolo


Ci vuole un bel coraggio a parlare di fake news, quando si è produttori e propalatori di maxi balle. Da mesi vogliono terrorizzarci, e non si sono posti limiti: i comitati scientifici e i supervirologi che ci “governano” per interposti avvocati e ministri arrivarono, ad aprile, a profetizzare 150mila persone in terapia intensiva a giugno se ci fosse stata a maggio una riapertura totale. Uno scenario apocalittico, da romanzo distopico. E naturalmente si è rivelata una cazzata, come si dice a Cambridge: in questo weekend i ricoverati in rianimazione in tutta Italia sono stati tra i 65 e i 67. Eppure nessuno si è presentato a dire: scusate, ci siamo sbagliati, abbiamo letteralmente dato i numeri, abbiamo fatto politica e propaganda, abbiamo presentato il peggiore e il più estremo degli scenari possibili come un’ipotesi realistica.

Hanno ammazzato un’economia che già era al collasso; hanno messo sotto i piedi quel tanto (cioè pochissimo) di rispetto dello stato di diritto che ancora esisteva e resisteva; hanno soprattutto usato il “mind control device” più efficace, la paura, come arma per anestetizzare il dissenso e lo scontro politico.

E adesso ci riprovano. Proroga dello stato d’emergenza; gestione mediatica all’insegna dell’allarmismo spinto per evitare che gli italiani vivano anche solo un brandello di normalità estiva; minaccia della mitica seconda ondata (possibile, certo: ma non se ne ha al momento nessuna evidenza scientifica); e soprattutto creazione del terrore intorno ai mitici “focolai”.

Anche qui, contano sul fatto che la nostra memoria sia disattivata, rattrappita, incapace di trattenere un minimo di informazioni. Per mesi, ci avevano spiegato che lo scenario più desiderabile era proprio questo: grande arretramento del contagio, e solo pochi e limitati focolai ultralocalizzati da controllare. Bene, ci siamo arrivati. E invece? Adesso che ci siamo arrivati, ogni focolaio diventa un incubo, un’ombra lunga, uno spauracchio.

Da ultimo, come se non bastasse, alla malafede si aggiunge l’incapacità. Non solo si aggrappano al virus come polizza di assicurazione sulla vita del governo, ma non sono nemmeno capaci di gestire la macchina di una buona e ordinaria amministrazione. Ma vi pare normale che da mesi ci abbiano sfinito con mascherine, distanziamento sociale, metro statico e metro dinamico, persecuzione dei runner, e poi abbiano allegramente fatto entrare – a quanto pare – più di duemila persone dal Bangladesh, dove l’epidemia sta divampando proprio adesso, con circa 600 positivi che – dicono le autorità – si aggirerebbero per l’Italia?

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


26 Commenti

Scrivi un commento
  1. usanza molto diffusa è scambiarsi baci e abbracci a Natale e capodanno, tempo di freddo laringiti e riniti. il motivo è nella saggezza degli antichi che avevano capito l’importanza dell’immunità di gregge. la medicina ufficiale sta ben lontana dai rimedi quasi gratuiti, gargarismi con soluzione molto diluita di amuchina non vengono neanche considerati, rimedi da pochi soldi, clorochina e altri, vengono demonizzati, percentuali di decessi vengono osservate al microscopio a seconda di chi colpevolizzare, migrandi fuggiti erano tutti negativi. sperperare i miliardi ricevuti gratuitamente (quando mai) in banchetti a rotelle e 11 milioni di mascherine al giorno, pazienza tanto sono regali. peccato che rimarranno i debiti. un modo per liquidare l’Italia

  2. Gentile dottor Porro, mi chiedo e le chiedo:
    – come mai ci danno quotidianamente i numeri di diffusione del covid in tutto il mondo (con precedenza, ovvio, da quei cattivoni di Trump e Bolsonaro) e NESSUNO ci dice cosa succede in Africa ? Ricordo di aver visto (e credo di averle mandato) una foto – o video ?- di alcune apparecchiature in uso nelle strade di Tunisi per effettuare dei test sulla popolazione. Ed era nel mese di maggio !!!!
    – quando ci dicono ad esempio che SOLO 5-10 migranti sono risultati positivi al tampone…. a nessuno viene in mente che, viaggiando nelle condizioni in cui viaggiano ( se é vero quello che i sedicenti virologi raccontano ) …..SONO TUTTI INFETTATI ? O é tutta una presa in giro ?
    – qualcuno ci spiga dopo la quarantena NON RISPETTATA questi signori dove andranno ? a fare cosa ?

  3. Codesti mentecatti al potere ormai sono riusciti a dividere l’opinione pubblica terrorizzando e lavando il cervello a molti. Compito della stampa libera (se esiste) e dell’opposizione deve essere quello di enfatizzare al massimo le contraddizioni insite nell’attuale operato governativo, come appunto quella del trattamento di favore riservato a ong e clandestini.
    Parlare di navi-quarantena come soluzione al problema è da stupidi e farebbe solo dilapidare risorse e incentivare partenze; non dobbiamo essere noi a curare gli infetti degli altri Paesi.

  4. SOLIDARIETA’
    Udite udite.
    C’è un tal Fabio Bertoncelli che è disperatamente alla ricerca di virgole!
    E’ un vero cacciatore di virgole ossessionato dalle virgole innamorato delle virgole adoratore di virgole! Pretende le virgole ama le virgole nota le virgole le virgole sono la sua vita senza virgole non campa non ragiona si perde si ritrova ma poi senza virgole soffre sta male le virgole sono la sua quotidiana esistenza gli mancano le virgole sogna le virgole una virgola fuori posto (orrore!) virgola qua virgola là virgola su virgola giù una virgola al giorno toglie il medico di torno meglio una virgola oggi che un passato remoto inventato domani evviva le virgole virgola for president regalategli una virgola sempre cara mi fu quest’erma virgola…………….
    Insomma un vero signor virgola! Anzi da oggi Il Signor Virgola!
    (dopo le figuracce su libri non letti e passato remoto sconosciuto)

    PS Chissà come sarà imbufalito nel leggere questo post senza virgole.

    • Insomma, nel forum avevamo un novello Marinetti e non lo sapevamo!
      Gratta gratta, di Sal emergono le qualità nascoste: è un futurista. Prossimamente fascista.
      In fondo, dal rosso al nero la differenza è minima. Quasi nulla.

      Dico bene, Sal?

  5. Carissimo Capezzone, tutta la
    Mia stima per la tua grandezza di giornalista e persona! Detto questo, con sommo dispiacere , ti dico che quelli come noi hanno voglia a sperticarsi a proferire verità altrimenti subdolamente nascoste: il vero problema italiano è tutto in quel 43 % di escrementi sostenenti le varie sinistre associate insieme ai 5 stalle. Guarda caso lo stesso numero di consensi – a detta dei sondaggi ti vari – che avrebbe giuseppi contucolo attualmente!

  6. Caro Capezzone,condivido tutto,come al solito, e sottolineo che la paura è il loro lasciapassare fino a nuovo ordine o dpcm.

  7. Qualche contagiato libero di girare per il Paese è verosimilmente funzionale a chi vuole trovare (o creare) a tutti i costi argomenti con cui giustificare una proroga ad libitum dello stato di emergenza. A questo punto non mi stupirei più di nulla.

  8. Lo stato d’emergenza è dover affrontare giorno per giorno questo
    governo incapace, avanti così, non una parola sull’arrivo di gente
    con covid, noi invece in attesa di un altro decreto, speriamo di no;
    poi: “contagi in aumento anche oggi”! Fermare gli sbarchi no?

  9. @Fabio Bertocelli
    Sig. Fabio, il Suo tentativo conciliante di accompagnare nel Suo ragionamento il nostro simpatico sig. Sal-bastian contrario è apprezzabile, ma temo non sortita’ l’effetto desiderato…oggi è super-scalmanato in tutti gli articoli!

      • No, spesso perde la trebisonda e si comporta molto peggio. I suoi passati commenti – a centinaia – sono tuttora a disposizione per chi desideri controllare di persona.

        • I vostri dialoghi mi fanno venire in mente perseguiti e persecutori.
          L’apostolo Paolo,sulla via di Damasco,si convertì al cristianesimo e da persecutore qual era divenne perseguito.
          Non vorrei fare nessuna morale cristiana,prova a dialogare con Sal con moderazione,non attaccarlo e magari farà lo stesso.
          Io uso questi metodi di persuasione facendo un passo indietro,spesse volte funziona.

      • @Francesco

        Dovresti leggere le migliaia di insulti, dileggi e minacce del sig. Fabio Bertoncelli con le sue virgole da demente!
        Una vergogna!

        • Non ho letto tutti i vostri diverbi;da quel poco che ho letto ritengo che la moderazione da entrambe le parti,indipendentemente dalla propria ideologia, è la via maestra per un buon dialogo,non crede?

          • Guardi Francesco, lei non sa quanto mi fa piacere dialogare con Fabio Bertoncelli, anche animatamente.
            Tuttavia lui resiste per massimo 3 (TRE) risposte. Dopo la terza comincia a dileggiare e insultare.
            E io non mi faccio insultare.

  10. @Fabio Bertoncelli

    Sorvolo sul solito tono pierinesco e insultante della tua misera prosa da somarone con “tonfi spessi e lunghe imbecillate” (vedasi l’uso a c a z z o di cane del passato remoto che ha fatto ridere tutti e le citazioni sballate di romanzi) ed anche sulla ridicola smargiassata finale dello sbeffeggio (come fa un analfabeta a sbeffeggiarmi?)

    LEGGI!
    “Pur non sussistendo una specifica norma costituzionale che disciplini lo stato d’emergenza questo non significa che le diverse situazioni emergenziali non trovino copertura costituzionale. Come sottolinea il Colonna: “i costituenti ritennero che, senza prevedere particolari situazioni di emergenza, la possibilità di interventi straordinari in casi eccezionali di necessità e urgenza, era prevista in alcuni casi espressamente indicati (13.3, 21.4 e 77 Cost.)”[26].
    Nel caso specifico dell’“emergenza Covid-19” è il costituzionalista Azzariti[27] a sottolinearne la copertura costituzionale con specifici riferimenti agli art.16, 17 e 32 cost. Difatti, se è vero che, ex art. 16 “ogni cittadino puo’ circolare e soggiornare liberamente in qualsiasi parte del territorio nazionale”, può farlo “salvo le limitazioni che la legge stabilisce in via generale per motivi di sanità e sicurezza”

    STUDIA CAPRONE CHE POI TI INTERROGO PER VEDERE SE HAI CAPITO!

    • Sal, la Costituzione parla chiaro. CHIARISSIMO.
      Ora, stanco di discutere con un criceto, dichiaro l’emergenza: IRRECUPERABILE.

      P.S. Un criceto in malafede.

        • Sal, con tutte le tue lauree, i master e i supermaster, mi sbagli ancora la punteggiatura! E io allora che ti ho insegnato in passato?
          Belle soddisfazioni mi dai…

          Si scrive: “Finite le argomentazioni, vero, deficiente?”. In una frase di sole cinque parole hai omesso ben due virgole.
          Sei uno svirgolato.

    • Visto che si aggrappa alla Costituzione,come ancora di salvezza(solo se fa comodo),i citati articoli da lei menzionati valgono anche per i clandestini che arrivano indisturbati in Italia e alcuni soggetti pure positivi al covid che scorazzano in lungo ed in largo per lo stivale?
      Stiamo parlando di cittadini ovviamente ,non di clandestini mantenuti a sbafo.

  11. Ottimo articolo, ma non serviva sottolinearlo.. d’altra parte, è difficile far capire a certe persone questo semplice concetto, forse con questi elementi bisogna usare i disegnini, forse così, riusciranno a capirlo. E poi, ribadiamo il concetto che, questi non sono immigrati ma ben si CLANDESTINI. L’immigrato è colui il quale vuole entrare in un altro paese LEGALMENTE e per LAVORARE!! peccato che per taluni questi due vocaboli sono sconosciuti

  12. Vabbé che pignoli che siete…centocinquantamila casi o sei sette in rianimazione dove sta tutta sta differenza…visto penso si sia capito che Scienza di esatto no ha granché…questa epidemia deve pure averci insegnato qualcosa!…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *