Il giallo dei quattrini di Maduro ai grillini

Il quotidiano spagnolo ABC pubblica in esclusiva la notizia sul finanziamento di 3,5 milioni di euro elargiti nel 2010 dal governo venezuelano di Hugo Chávez al Movimento 5 stelle. L’inchiesta di ABC riporta documenti riservati della Dirección general de inteligencia militar (Dgcim), agenzia di intelligence venezuelana, nei quali il cofondatore del M5s Gianroberto Casaleggio è descritto come “promotore di un movimento di sinistra rivoluzionario e anticapitalista”. ABC ha pubblicato sul suo sito uno di questi documenti.

Qualora la notizia fosse confermata sarebbe grave che un Paese democratico come l’Italia annoveri un ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, espressione di un Movimento che ha intascato ingenti risorse in nero dal governo chavista. Ricordiamo che i grillini nella crisi venezuelana adottarono la formula ipocrita della neutralità, schierandosi di fatto con il dittatore comunista Nicolas Maduro, che all’epoca della presunta “donazione” era ministro degli Esteri, e boicottando l’autorità di Juan Guaidó come timoniere del processo di transizione, nonostante l’investitura dell’Assemblea nazionale di Caracas.

I fautori del reddito di cittadinanza hanno pensato prima al reddito di sottomissione ideologica a un regime che ha affamato il suo popolo? I grillini, da parte loro, negano tutte le accuse e annunciano querele, ricordando che la notizia era uscita più volte, l’ultima nel 2016. Davide Casaleggio ha parlato di una vera e propria “fake news”. Fatto sta che la vicenda è l’occasione per tornare a discutere della posizione geopolitica del M5s. L’Italia ha una tradizione filoatlantica e di adesione ai valori della democrazia liberale e non può essere rappresentata nelle relazioni internazionali da un Movimento i cui esponenti hanno spesso difeso una dittatura comunista.

Quanto alla vicenda dei presunti finanziamenti, il premier Giuseppe Conte ha la responsabilità dei servizi segreti e dovrebbe riferire alle Camere le informazioni in suo possesso, congedandosi dall’opacità della sontuosa residenza Pamphilj per ossequiare quei principi di trasparenza estranei a chi ne ha garantito l’ascesa nel Palazzo. Non ci scordiamo che Giggino Di Maio nel 2017 propose per la Libia una “conferenza di pace che coinvolga i sindaci e le tribù, mediata da Paesi senza interessi, tipo quelli sudamericani di Alba”. Il progetto Alba richiama l’alleanza bolivariana, con finalità di cooperazione politica, sociale ed economica, tra Paesi dell’America Latina e Paesi caraibici, caldeggiato dal Venezuela e da Cuba. Dunque, l’attuale titolare della Farnesina legittimava il dittatore comunista Maduro, al quale voleva affidare la mediazione nell’instabile teatro libico.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Condividi questo articolo

21 Commenti

Scrivi un commento
  1. Sono un italo venezolano che ha vissuto la tragedia di Chavez e di Maduro.
    Questi hanno regalato miliardi a tutti i partiti rivoluzionari in tutto il mondo. Brasile di Lula, Argentina di Cristina, tutte le isole dei Caraibi e i paesi del Africa. Il partito spagnolo è stato notoriamente finanziato dal Venezuela. Persino il movimento di Black Life Matter in USA.
    Anche se non lo so, non ho dubbi che ci sia stato questo pagamento. Quello che mi sorprende è che siano stati così pochi quando al Argentina hanno pagato l’intero debito esterno e al isola di San Vincent l’aeroporto e un ospedale.
    Curiosamente una delegazione del M5S ha partecipato ufficialmente al funerale di Chavez

  2. Probabilmente è una polpetta avvelenata del PD per liberarsi dei grillini. La sinistra ha avuto sempre contatti sottobanco con Maduro come il partito Comunista Italiano con la Russia.

  3. Una parte della sinistra italiana che prende soldi da una dittatura liberticida?!?
    Capirai che novità! Il PCI ha intascato per 50 anni finanziamenti dall’URSS…

    La vicenda Venezuela-M5S magari è vera, magari no, chi lo sa…ma se fosse confermata, niente di troppo sbalorditivo: diciamo che starebbero solamente portando avanti le care vecchie tradizioni…

  4. Al di là delle conferme o meno sui fatti emersi, trovo interessante un aspetto.
    Il giornalista che ha firmato lo “scoop” tal Marcos Garcia Rey, è stato protagonista dell’inchiesta che ha fatto emergere i Panama Papers.
    E’ membro di ICIJ. I giornalisti di questo consorzio sono sicuramente bravi ma hanno avuto accesso a informazioni estremamente protette.

    Suggerisco la lettura di un articolo meramente suggestivo del Sole24 ore https://st.ilsole24ore.com/art/mondo/2016-05-06/parla-007-cosi-ci-infiltriamo-stanare-evasori-fiscali-153351.shtml?uuid=AD55x1B

    Quando certe notizie vengono divulgate la domanda è non che cosa ma perchè viene divulgata. Per rispondere a questa domanda vi sarebbe un’utile risposta qualora fosse disponibile: chi è la fonte ?
    Diamo per scontato che non lo sapremo mai anche se mai venisse dichiarato. Nel caso dei Panama Papers si è indicato Falciani, uno specchietto per le allodole. Abbiamo un nome e cognome e siamo tutti contenti.

    Fatti.
    I 5 Stelle protendono verso sistemi finanziari e di potere che bramano un nuovo ordine mondiale, primo fra tutti la Cina. Il mercimonio vi è anche con altri paesi ma sono di secondaria importanza.

    L’Italia, che è potenza economica mondiale e di importanza strategica solo per il fatto di essere dove è geograficamente, per gli equilibri atlantici ( leggi interessi USA ) non può pensare , nè lo ha mai potuto , di fare di testa sua.
    Il pentapartito caduto il muro è stato cancellato. Non era accettabile di poter continuare a gesttire il nuovo ordine con una classe politica che conosceva tutti gli scheletri nell’armadio.

    Craxi poi si portava dietro l’aggravante di Sigonella.

    Ma come si riesce ad azzerare un politico o una classe politica ? Accumulando dossier su fatti oggettivamente compromettenti. E questo è possibile perchè in politica il più sano ha la rogna, quindi è ricattabile. Metodo Hoover.

    Probabilmente la linea dei 5 stars non quaglia con gli interessi dei 50 stars

    Viviamo tempi interessanti.

  5. Chi si ricorderà tra un paio d’anni di elementi catapultati in Parlamento per virtù di Vaffaday ideati da un comico e rivelatisi capaci solo di distribuire denaro pubblico in modo populisti o e dilapidatorio?

  6. Domanda facile facile anche per Porro. I 5 stelle è l’unico partito i cui parlamentari si sono ridotti lo stipendi.
    I 5 stelle e il partito che ha votato a favore del taglio dei parlamentari. Il centro destra e contrario
    Toc toc Porro. Chi è attaccato alla poltrona e ai 14000 euro al mese?

    • Ho il vago presentimento – solo un leggerissimo accenno di sospetto – che Andrea sia un grillino. Grillino doc doc.
      Infiltrato in missione di disturbo e spionaggio oltre le linee nemiche.

      Niente paura, Andrea! Qui, come hai già compreso, il buon Nicola non imbratta nessuno di vernice.
      … … …
      P.S. Sto scherzando!

      • Sono grillino ma soprattutto terrone con il reddito di cittadinanza parcheggiatore abusivo e suonatore di mandolino come dice Feltri il Superiore. Sono fannullone e cialtrone e mi mangio tutto quello che il Nord produce come ha detto l’altro razzista Zaia.
        Purtroppo i terroni queste parole quando si vota non se lo ricordano.

        • I grillini, piu’ veloci della luce, hanno rinnegato in un baleno tutti i loro slogans e tutte le loro parole d’ ordine. Gli era rimasto il grido di tutti gli imbecilli che non hanno nessuna idea politica: onesta’! Ora non hanno piu’ neanche quello. Forza cosi’, ragazzi….

    • Siiiii, caro Andrea, ma alla fine sembra che il “taglio” l’ abbia subito Maduro. D’ altro canto, la maggior parte degli ottimati,
      all’ obolo per il partito rispondono picche. Bisognera’ pur arrangirsi: “la politica cooosta….”. Basta essere onestiiiii!

    • i 5s su 100 cose di giusta ne hanno fatta mezza…nel frattempo ti consiglio un corso accelerato di italiano..almeno per imparare i verbi e congiunzioni che li insegnano alle elementari…forse non hai fatto nemmeno quelle

    • Andrea non hai centrato il punto.
      Il punto è che voi grillini avete costruito l’ascesa politica fondandola su accuse e attacchi agli altri partiti derivanti da gossip!
      Ora una notizia (falsa, vera) vi ha colpito e quelli che erano diversi, quelli che erano puri, quelli che erano incorruttibili, quelli che al minino gossip chiedevano di riferire in parlamento, di mollare la poltrona, che mettevano alla gogna, quelli che gridavano nelle piazze onestà, onestà, onestà, sono offesi e non pretendono da loro stessi lo stesso trattamento che hanno preteso dagli altri per 10 anni …
      Cari grillini non funziona così.
      E questo è anche peggio del fatto che la notizia si riveli fondata.

  7. I grillini sono consapevoli di quello che dicono e professano? Hanno una idea minima della diplomazia e la sua pratica? Hanno una idea dello scacchiere geo-politico mondiale attuale e passato? Hanno una pallida idea delle posizioni da loro assunte in politica estera negli ultimi anni e specialmente nei due appena passati che li vedono con i 2/3 dei parlamentari e la responsabilità che dovrebbe competere loro per la salvaguardia internazionale dell’Italia?
    Viene da chiedersi:
    se il finanziamento di un carnefice come Maduro venisse confermato non sarebbe il caso di un intervento a gamba tesa da parte della massima carica dello Stato, il Presidente Mattarella sciogliendo subito le Camere e ridare la parola agli Italiani, stanchi di questi improvvisati, scellerati e sgangherati attori della politica italiana?
    Certo che le coincidenze menzionate nell’articolo, lasciano molti dubbi, e necessitano chiarimenti in Aula da parte del nostro Giuseppi XIV (clone mal riuscito di Luigi XIV di Francia).
    Certo anche che i 5S gridano già al complotto, alla delegittimazione da parte dei “poteri forti” a loro tanto cari, e che contestano, ma al contempo accarezzano essendo ormai loro stessi parte della tanto vituperata casta. Se solo si chiedessero di quante autentiche stronzate si sono resi artefici, sarebbe quella la svolta vera. Ma il mantenimento delle poltrone alla Camera e al Senato da 14 mila euro/mese ricorda abbastanza quanto sia attaccato al potere un qualsiasi caudillo di qualunque parte del mondo. I 5S come i nuovi caudilli in salsa italica?

    • Sul finanziamento di 3,5 milioni non si può dire nulla perché non ci sono né prove né elementi. Per i 14.000 euro ai parlamentari di cui accennava anche Porro saranno anche attaccati alle poltrone ne più ne meno degli altri. Però i 5 stelle sono gli unici ad essersi ridotti lo stipendio e sono favorevoli al taglio dei parlamentari mentre il centro dx (dove fra l’altro figurano i più assenteisti) è contrario.
      Perché secondo lei?

  8. A questo punto, la domanda da farsi è una e una soltanto: è un caso che “il premier Giuseppe Conte ha la responsabilità dei servizi segreti” o è la norma? Perché, se in passato, questa responsabilità, è stata generalmente delegata a un sottosegretario, allora gatta ci cova.

    • Post Scriptum

      Schema.

      Berlusconi stringe accordi sul gas con Putin e Gheddafi e ha fatto la fine che tutti conoscono
      .
      Nella storia più recente, la lega viene accusata di trattare con i russi.
      Tutto viene negato con forza. Passa qualche giorno e zac..esce l’audio dell’intercettazione.

      Ammesso che la mia ipotesi sia valida potrebbe accadere qualcosa di simile.
      Esce un documento. Viene liquidato come un falso. In fondo un pezzo di carta scritto a macchina chi lo può validare ?
      Tutti si stracciano le vesti e dopo un pò magari ne esce un altro pezzetto. Ossia fare in modo che si scavino al fossa con le loro mani.

      Questa mia fantasiosa narrazione contiene anche la risposta alla domanda di honhil. La delega hai servizi è cruciale. Altrimenti perchè scegliere di andare al governo anche con il diavolo se non per mettere il naso nel sancta santorum del potere ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *