in

Il lettore che mi augura la morte

Dimensioni testo

È incredibile come le questioni ambientali possano “scaldare” gli animi. Nei giorni scorsi ho scritto un articolo, se volete neanche troppo originale, sui conti della Tesla. La società automobilistica americana che da anni brucia cassa e che nell’ultimo trimestre non solo ha venduto un terzo delle auto previste, ma ha fatto anche segnare un rosso da 700 milioni, con dieci miliardi di debiti accumulati. Roba che sanno più o meno tutti gli analisti del settore automotive.

Ho ricevuto, molte critiche, un sito di quelli verdi mi ha detto che ho scritto cose false (quali?), molti lettori che possono sborsare almeno 40 mila euro si sono indignati per il presunto “fascismo” retrogrado di non capire che Tesla sarebbe come Amazon, e questo deficiente qua sotto mi augura la morte. Leggete il commento di Emanule Morsucci, che sull’altare della prossima fine del mondo si augura intanto una rapida fine della mia di vita. Si tratta chiaramente di un cretino, non vale neanche la pena denunciarlo.

Leggete il suo post.

Emanuele Morsucci
Ciambu@hotmail.it
80.117.12.182
Spero di non incappare più in un articolo del genere e di non capitare più su questo sito,perché non meritate un centesimo.
Spero che i “giornalisti” della sua pasta muoiano con le loro idee sigillate nella tomba, lei compreso.
Siete persone difettose e dannose per l’ambiente e per gli altri. Meritereste la galera per andare contro il buon senso.
Mi limito con un semplice vergognatevi!

Questo minus habens e i suoi simili (l’altro giorno mi hanno fatto un agguato radiofonico a Radio Radio o come diavolo si chiama la radio di questo Fabio Duranti, e il giorno dopo sono stato sommerso da suoi ex dipendenti che lamentavano l’ipocrisia del loro ex editore tanto green, quanto poco rispettoso dei loro diritti del lavoro) sono come i talebani o i fondamentalisti islamici: non vogliono discutere, il loro avversario è il nemico e lo vogliono morto.

Dovrebbero invece esserci riconoscenti. Siamo noi, siete voi che pagate le loro costose auto elettriche. Leggetevi il pezzo di Telese su questo sito in cui spiega come il malus sul diesel sia una tassa sui poveri. Siamo noi, siete voi, che paghiamo un assurda tassa del 22% medio delle nostre bollette elettriche per incentivare ricchi signori che hanno istallato costosissimi e inefficienti pannelli solari e che godono di conti energia miliardari.

Ma di questo, in modo acceso, non si può parlare. Dobbiamo morire, come ci consiglia Morsucci. Vorrei vedere la faccia di questo sincero ambientalista.

Nicola Porro, 6 maggio 2019

 

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
109 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
brasello
brasello
8 Maggio 2019 10:39

Ho dimenticato la chiosa. La morte non è poi un pensiero così sgradevole, se serve a separarci da questa massa di idioti. con la speranza che, nell’aldilà (se esiste), ci sia un minimo di selezione all’ingresso e il Morsucci (e simili) venga ammesso ma relegato in uno spazio apposito.

brasello
brasello
8 Maggio 2019 10:32

caro Porro, noi viviamo in una società che ha perso i suoi valori tradizionali e per colmare il vuoto lasciato, se ne crea di nuovi. in un mondo avviato all’ateismo bisogna crearsi dei nuovi Messia da seguire stolidamente. Una volta l’oppio dei popoli era la religione (una fiction inventata millenni orsono piena di eventi mirabolanti e inverosimili non meno di Harry Potter, ma che per il fatto stesso di essere narrati da millenni vengono presi per buoni). Adesso invece ognuno può scegliere il suo guru personale (oggi si chiamano influencer): chi segue la Ferragni, chi segue una ragazzina norvegese autistica , chi qualche salvatore del mondo vegano. Gente che non ha nulla da offrire se non la propria inutile persona viene elevata a idolo delle folle idiote. Elon Musk e Steve Jobs, sono anch’essi dei guru seguiti da masse isteriche – non so come altro definire chi sta in coda tutta notte per comprare un telefono da 1000 euro senza poterselo permettere o chi si compra un’auto elettrica credendo così di salvare il mondo – ma almeno hanno prodotto qualcosa.
Concludendo, questo Morsucci è sono un degno esponente delal succitata questa massa acefala che sposa una causa e dedica tutte le sue energie e i suoi due neuroni a difenderla con una violenza degna di miglior causa.

Orlo
Orlo
7 Maggio 2019 14:49

Eheheh…caro Porro,pure sulla tua “morte” i tuoi fideisti hanno trovato il modo di anteporre la loro “Battaglia contro i gretini”!!!
Nn preoccuparti,le tue idee nn moriranno con te…ormai sei entrato nei loro cuori e porteranno avanti tutto ciò che il “Porresimo” instillerà sotto forma di verbo…sto scherzando neh!!!…nn pubblicarmi la mail… :)

Sandra
Sandra
7 Maggio 2019 7:36

Voltaire diceva: “Non la penso come te …ma darei la vita per farti dire quello che pensi.”. Questo signore invece vorrebbe vedere chi non la pensa come lui non poter mai esprimere le proprie idee fino al giorno della propria morte ( non le augura la morte Porro, fa peggio…la morte la augura alle sue idee ).Non amo particolarmente questi commenti così violenti, noto con rammarico però che sui siti in generale , anche questo, spesso ci sono commenti poco rispettosi ( es. la Murgia sepolta da insulti) se ne faccia una ragione. Semplicemente in questo caso è toccato a lei.

Cesare Pieraccini
Cesare Pieraccini
7 Maggio 2019 3:17

Persona senza spina dorsale. “Mi limito a un vergognatevi” dopo aver augurato la morte. Mollusco.
Oggi in certi ambienti e`normale augurare la morte, ma non sanno che arriva per tutti e quanto meno l`aspetti e non dipende da me o da quel torsolo che apre bocca.
Sapete un fatto! Qui in Brasile l`altro giorno una modella famosa e`andata con il marito e i suoi due cagnolini in mare con il Catamarano, un cagnolino e`finito in mare e lei si e`tuffata per recuperarlo, il mare era tempestoso ed anche il marito si e`gettato, ma si e`salvato, la donna no e`stata recuperata il giorno dopo. Morale: Esci di casa e non sai se torni la sera ed e`cosi`in tutto il mondo, non ci sono distinzioni. Quindi il signore che augura la morte pensi bene a quello che dice!

Andrea
Andrea
7 Maggio 2019 1:39

Porta pazienza… Scusami se ti do del tu, ma siamo più o meno coetanei, credo, oppure ce li portiamo bene entrambi. Quel commento lì potrebbe averlo scritto mio figlio (ovviamente no!), come anche il tuo, forse, purtroppo… Non hai idea delle idiozie con cui mio figlio (verace in ciò più che vero) mi apostrofa, denigra, contesta, biasima, dispregia…
Detto questo, io ti proporrei una sincera e schietta riflessione. I ventenni di oggi sono i bimbi del telefono azzurro, quelli che non potevamo permetterci di educare se non seguendo i canoni di quello che era il “politicamente corretto” di 20 anni fa, quando non sapevamo ancora identificarlo perché non aveva ancora un nome.
Cosa ne facciamo?
Una volta acquisita la loro assoluta inutilità, non possiamo certo smettere di amarli. Darli in pasto ai coccodrilli, oppure rimetterli nel circolo dell’umido non è cosa buona e, forse, neppure giusta.
Dunque: che cosa ne facciamo?

verena
verena
7 Maggio 2019 0:55

Caro Nicola, non puoi denunciare un decerebrato….
Questi arrogantelli che credono di sapere tutto, ma che invece sanno solo odiare, sono cosi’ manipolati che non riescono piu’ a pensare, non comprendono che il loro odio è molto piu’ inquinante delle polveri sottili o del diesel!
c’è un terapia ottima per loro: quando usano troppo la lingua come un’arma senza controllo, bisogna prenderli a cinghiate nei polpacci, poi mandarli in delle belle zone isolate a spaccare le pietre per qualche anno, in questo modo le mani e le gambe si ricollegano sanamente con il ..cervello…metodo antico e saggio per tutte queste teste pericolose e piene di segatura!
Ad ogni modo le Macchine elettriche sono piu’ inquinanti del diesel e sono una sciagura per l’umanità!

mario galaverna
mario galaverna
6 Maggio 2019 23:08

Scusate se insisto, ma si crede veramente di poter sovvertire l’equilibrio economico planetario basato sullo scambio petrolio vs energia per produrre a favore di ecosogni climatici validi UNICAMENTE perchè si è ben pasciuti tanto da dover ricorrere a ciclopedalate salutari per smaltire la ciccia o per essere fighetti alla moda? Si svendono borghi appenninici per ripopolarli, dove sono i giovin virgulti con la voglia di vangare?