in

Il miglior alleato del fascismo? L’antifascismo - Seconda parte

Dimensioni testo

Viviamo ormai in un revival assurdo e artificioso di antifascismo, con un Quirinale che non rinuncia a gettare benzina sul fuoco. “Non abbassare mai la guardia – così Sergio Matterella si è rivolto alle Forze Armate – e non sottovalutare tentativi che negano o vogliono riscrivere la storia contro l’evidenza, allo scopo di alimentare egoismi, interessi personali, discriminazioni e odio”. Ma a chi si riferisce il Presidente? Non certo agli esaltati (beneficati da Franco Basaglia) che inviano alla Segre deliranti minacce e insulti. E allora a chi? Alla storiografia revisionista? E a che titolo? Dispiace doverlo dire ma quanti dicono che in giro c’è un odio eccessivo, intollerabile, mai visto prima, contribuiscono a trasformare in un fiume i rivoli neri che affiorano qua e là nella penisola. È in questo clima esasperato – mi si perdoni il rilievo cattivista – che si giustifica la nomina di senatrice a vita di una gentile Signora non per quello che ha fatto o scritto ma per quello che ha subito (solo in Italia poteva accadere…) e che l’ha resa un simbolo rispettabile per tutti gli Italiani.

Ci si chiede, però, se non sarebbe bastato conferirle la più alta onorificenza della Repubblica o la direzione di un Museo dell’Olocausto. Forse occorre rivedere i poteri concessi al presidente di nominare senatori a vita (Giorgio Napolitano, il cui senso dello Stato non era quello dei piemontesi Einaudi e Saragat, ne nominò quattro tutti di sinistra, per rafforzare il traballante Governo Prodi). Nessuno di loro ha fatto buona prova, nessuno, quando si è impicciato di politica, lo ha fatto in maniera misurata e super partes. A cominciare dalla Segre le cui esternazioni sulla crisi della democrazia e l’avanzata dei populismi non si distinguono dagli allarmi lanciati dalla comunista Laura Boldrini.

Dino Cofrancesco, 11 novembre 2019

Atlantico Quotidiano

Chi c’è dietro l’attentato ai nostri soldati

La sinistra ha un problema: gli elettori

Conti correnti a rischio, il trucco della Germania