in

Il triplo salto mortale del figaro Conte

Dimensioni testo

Quando Massimo D’Alema nel 1998 scalzò il governo Prodi – senza passare per le urne imbarcò Mastella e i suoi prodi che Cossiga, garante dell’operazione, chiamava gli straccioni di Valmy –   e così andò a Palazzo Chigi diventando il primo (ex) comunista a ricoprire la carica di presidente del Consiglio, Giampaolo Pansa gli affibbiò il nomignolo di figaro. In effetti, D’Alema la faccia da barbiere un po’ l’ha sempre avuta e con quei baffetti da playboy di provincia che ricordano Pino Caruso nel film La seduzione riuscì a fare pelo e contropelo a un bel po’ di professoroni e soloni della politica nostrana e sedusse prima di tutto sé stesso ammirando la sua spregiudicatezza. Eppure, quella operazione con cui si sostituì Bertinotti con Mastellotti e si partecipò, come volevano gli americani, alle operazioni militari nella guerra del Kosovo, non è nulla rispetto al triplo salto mortale fatto da Giuseppe Conte.

Il professore di Volturara Appula è riuscito a dare un nuovo significato alla sigla PdC che con lui non significa più presidente del Consiglio ma presidente della Contraddizione che lui, peraltro, sopporta benissimo e porta in giro con una faccia di bronzo al cui cospetto la celebre figura guicciardiniana dell’uomo del particulare tratteggiata da Francesco De Sanctis nell’omonimo e famoso saggio è poco più di un ingenuo ragazzo di campagna. La contraddizione, manco fosse Hegel, è l’arte del professor nonché “avvocato del popolo” Conte.

Il governo Conte 1 fu definito da chi non aveva nulla da fare – Gigi Di Maio – “governo del Cambiamento” ma da subito fu chiaro che in realtà era l’ottavo governo Andreotti, senza la perizia politica del divo Giulio, perché il massimo del cambiamento fu ispirarsi alla massima andreottina “meglio tirare a campare che tirare le cuoia”. Il professor Conte, che da buon docente universitario è fornito di speciali antenne per sintonizzarsi sull’onda del potere del momento, ha dimostrato di saper tirare a campare soprattutto quando Capitan Salvini ha tirato le cuoia. Uscito di scena il Conte 1 è entrato in scena il Conte 2. Il primo era sovranista e populista fino al punto da teorizzare il sovranismo in chiave anti-europea e ritenere il populismo iscritto nella Costituzione, il secondo si mostrava mite fino alla ferocia, fieramente anti-sovranista ed europeista convinto della penultima ora. Un autentico capolavoro con cui l’elegante professor Conte, proprio come l’uomo del Guicciardini, ha pronunciato parole alte e nobili come “coscienza”, “dovere”, “libertà” per formare un governo con il principale partito d’opposizione che, giustamente, fino a quel momento, non solo si era opposto al Conte 1 ma lo riteneva “imbarazzante”.