in ,

La decrescita? Una balla colossale!

Negli ultimi anni sono cresciute le teorie favorevoli alla decrescita. Secondo alcuni staremmo meglio se crescessimo di meno. Una balla colossale che cerco di smontare in poco più di tre minuti. Guardate il video 

Condividi questo articolo
  • 1
    Share

6 Commenti

Scrivi un commento
  1. La crescita è un delirio
    La decrescita felice una balla colossale fatta per indorare la pillola
    La decrescita infelice e controllata è l’unico modo per evitare :
    La decrescita incontrollata è catastrofica a livelli biblici
    A causa della crisi ecologica , agroalimatare, di risorse , energetica e della bolla mondiale del debito; ovvero in soldoni il fatto che siamo già oltre i limiti sostenibili e che anche restando così collasseremo lo stesso fra pochi decenni

    Tutte le critiche a questa visione “Maltusiana” si basano su un uomo di paglia che ignora una tesi fondamentale:
    “Le società che collassano per motivi ambientali collassano a causa delle stesse cose che le hanno create e non riescono quasi mai a disfarsene…” In soldoni non è strano che il capitalismo/consumismo o quel che volete crei benessere , lo aveva già fatto (in proporzione ai tempi) la civiltà sumera (e molte altre dopo di lei in tutto il mondo) , prime Città , prima grande agricoltura . Non è altrettanto strano che essa e tutte le successive civiltà della mezzaluna fertile siano collassate per un crollo agrario dovuto alla perdita di fertilità dei suoli causa agricoltura . Ogni civiltà sorgeva dalle ceneri della precedente dopo generazioni di barbarie quando i suoli si erano un po’ rifatti , e dopo qualche secolo cadeva in un collasso ecologico più grave di quello della Civita precedente , fino a quando la un tempo mezzaluna fertile è divenuto l’arido medioriente di oggi e il ciclo si è fermato
    Una caterva di civiltà anno seguito la strada che stiamo seguendo , dall’antica civiltà della valle dell’indo all’isola di Pasqua . E tutte sono morte poiché gli stessi mezzi che le hanno dato prosperità anno superato la soglia dei loro limiti ambientali causando collassi immani

    C’è però una differenza fra noi e loro :
    Loro l’hanno fatto a livello locale e senza intaccare i veri limiti strutturali più seri poiché non ne avevano i mezzi tecnologici
    Noi avendo ed avendo avuto i mezzi più potenti della storia abbiamo ottenuto una prosperità che gli surclassa tutti e sommati, superando i limiti in maniera estrema e globalizzata , quindi cadremo in modo altrettanto più grandiosa . Il nostro si che sarà un tracollo spettacolare

    Gli ecologisti seri sono coloro che vogliono limitare il più possibile i danni , o almeno provarci . Ma sanno che difficilmente riusciranno perché il giorno che la gente sentirà veramente l’impulso di fare il necessario , sarà troppo tardi .
    I sostenitori della decrescita sono illusi che pensano che se dici alla gente che le dolorose misure necessarie sono … Beh non dolorose allora le farà , bugiardi a finn di bene ai loro occhi , un piano irrealizzabile ai miei occhi
    Alcuni sono tizi che credono veramente a sta balla , rari addescati da quelli qui sopra

  2. Il concetto della decrescita vale per tutto il mondo tranne che per gli Stati Uniti. Sapete qual’è lo stato americano con meno delinquenza comune ? Il TEXAS, e sapete qual’è lo stato con più milionari sempre il TEXAS. Secondo voi il malessere sociale va di pari passo con la povertà diffusa oppure è una mia sensazione. Circa 30 anni fa si lavorava tranquillamente , poi una sera sono andato a letto, ed alla mattina sui giornali ho letto “siamo in crisi”, da quel momento vedo anziani che rovistano nella spazzatura, imprenditori che si sparano un colpo in testa, e extracomunitari senza nessun documento che vivono in albergo.

  3. Ho visto il video dove il Dr. Porro spiega perche’ la decrescita per vivere meglio, secondo certi signori, e’ la soluzione.
    A questi signori si deve fare una domanda: ditemi quando un povero ha dato lavoro e ha incrementato le entrate di un altro povero. La decrescita significa meno soldi per tutti. Un povero non diventa piu’ ricco facendo che un ricco diventi piu’ povero.

  4. Porro e tutti quelli che pensano si tratti di recessione sono completamente fuori strada. Basterebbe informarsi, ma in Italia la superficialità fa da padrona. La decrescita non è soltanto una critica ragionata e ragionevole alle assurdità di un’economia fondata sulla crescita infinita della produzione di merci, ma è un’alternativa radicale al suo sistema di valori. E’ il rifiuto razionale di ciò che non serve. La crescita della produzione di cibo che si butta, della benzina che si spreca, del consumo eccessivo di medicine, non comporta una crescita del benessere, ma un peggioramento delle condizioni di vita. La decrescita felice, invece, è il miglioramento “qualitativo” legato alla riduzione dell’inquinamento, del consumo abnorme di risorse, delle energie, dei rifiuti e dei costi. E’ incentivare l’auto-produzione e la vendita di prodotti locali. È una rivoluzione dolce finalizzata a sviluppare le innovazioni tecnologiche che diminuiscono il consumo di energia e risorse, l’inquinamento e le quantità di rifiuti. E’ l’economia circolare. E’ il riuso dei materiali post-consumo. E’ la riqualificazione e il riuso di edifici e fabbricati dismessi e disabitati, senza la necessità di colate di cemento in un territorio già devastato. E’ il contenimento della dispersione energetica. E’ la promozione di una saggia politica che valorizzi il bene comune e la partecipazione delle persone alla gestione della cosa pubblica. E’ la riscoperta dei rapporti umani e della collaborazione.
    Fa male sentire questa “demolizione sistematica”, specie da un personaggio pubblico, di quella che di sicuro è l’unica strada per evitare che il pianeta vada irresponsabilmente, a tutta velocità, a sbattere contro un muro.

    • tutto bellissimo andrea, ma il concetto del capitalismo o del sistema di mercato che comporta un peggioramento delle condizioni di vita, mi sembra un tale scemenza che è difficile da confutare.

  5. Sbaglia anche l’economista francese Piketty che sembra invertire inoppugnabili valori reali, visto che oggi le persone più umili, in quasi tutto il mondo, vivono molto meglio che in qualsiasi altro periodo del passato. Non è assolutamente vero che l’ingiustizia nel mondo stia aumentando, al contrario.

    Bernard de Mandeville nella sua FAVOLA DELLE API, già nel 1725, sosteneva che mai prima del suo tempo l’umanità era vissuta così bene:

    “Se seguiamo le nazioni più fiorenti fino alla loro origine, troveremo che nei lontani inizi di ogni società, gli uomini più ricchi ed importanti mancarono per lungo tempo di moltissime di quelle comodità della vita di cui ora godono gli ultimi e più umili poveracci; così che molte cose, che un tempo considerate dei ritrovati di lusso, oggi sono consentite perfino a coloro che sono tanto poveri da essere oggetto di carità pubblica; e, anzi, sono considerate tanto necessarie, che pensiamo che nessuna creatura umana dovrebbe esserne priva.”

    Chissà cosa scriverebbe Mandeville oggi che tutti hanno l’acqua corrente calda, il gas e la luce elettrica in casa, senza contare tutte le restanti comodità?

    Pertanto, per dare un po’ di ottimismo ai pessimisti di turno, forse, sarebbe utile la lettura di autori come Oscar di Montigny convinto – come me – che viviamo il migliore periodo della storia umana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.