in

La verità (che non vi dicono) sul Recovery fund - Seconda parte

Dimensioni testo

Alla fine purtroppo il paese ha la classe dirigente che si merita. Gli italiani, legittimamente, nel 2018 hanno scelto. Nessuno poteva immaginare che la peggiore squadra possibile giocasse la partita più difficile. Ma siamo qui e la crisi impone una scelta prima di tutto al Presidente della Repubblica che ha oggi un enorme responsabilità, ai partiti, almeno quelli che esistono davvero, e in particolare alla Lega, Forza Italia, Pd, Italia Viva (171 senatori in totale e quindi ampia maggioranza) che devono scegliere se coltivare il “particulare” o fare il bene del paese, e ad alcune persone chiave tra cui Renzi, Berlusconi, Salvini, D’Alema, Prodi che oggi hanno l’autorità o l’autorevolezza per definire il futuro dei nostri figli. I 5 Stelle pur di non sparire nei prossimi due anni dal Parlamento e dalle sue ricche prebende voteranno chiunque e hanno ampiamente dimostrato di non sapere esprimere nulla e nessuno se non… pagliacci.

È il momento di scegliere. La prova è simile a quella di Churchill nel 1940 quando assunse l’incarico di primo ministro. Nulla di meno. Uso perciò, per chiudere, una citazione di Winston Churchill perché penso che quello che ci aspetta è molto simile a una guerra, non tradizionale ma piuttosto moderna senza armi, ugualmente difficile e faticosa, e anche perché penso che Churchill sia l’esatto opposto, direi il personaggio storico antinomico di Giuseppe Conte.

“In guerra non devi riuscire simpatico, devi solo avere ragione”. D’Alema pensa che il primo ministro debba essere “popolare” che è molto diverso da eletto. Io penso all’opposto che debba essere capace, coraggioso e competente. Questione di punti di vista naturalmente.

Giovanni Cagnoli, 28 gennaio 2021

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
18 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Benny
Benny
30 Gennaio 2021 8:19

Purtroppo, caro Cagnoli, credo che la sua soluzione sia peggio del male. Non me né voglia, e non me ne vogliano gli altri lettori del giornale, ma questi che Lei cita appartengono, quando non sono, direttamente o indirettamente, i responsabili dei danni (che Lei chiama cattocomunisti, ma si legge neoliberisti/traditori sto) degli anni ’90. Che non a caso è stata l’epoca d’oro dei governi dei migliori e dei sostegni trasversali. A me pare che ogni volta che si chiama un ‘aristos’, un migliore, lo si faccia per infinocchiare al popolo italiano qualche bella diretta per via non sempre gradita, che fa danni agli italiani. Danni che poi, dopo anni di incapaci di rieletti e non rappresentanti, si vuole riparare nuovamente con i migliori…che faranno danni ulteriori perché loro non rispondono al popolo. Magari questo chiede solo per sé. Magari non sempre sa che cosa è meglio. Ma là sta la differenza tra democrazia e stato di polizia. Che Lei alla fine invoca. Ma non sarò meglio il Sacro Romano Impero, chiedo provocatorio a me stesso?

Raffaella ORSERO
Raffaella ORSERO
29 Gennaio 2021 12:15

Assolutamente d’accordo su tutto.
Il problema è come arrivarci
Le parti sociali sono troppo silenti mentre bisognerebbe fare le barricate

Gianluca M
Gianluca M
29 Gennaio 2021 11:51

Caro Giovanni,
Tutto verissimo. Ma sara’ dura cambiare. Il sistema della “banca dei ricatti” esplode di “ attivita’ (e passivita’) finanziarie” – un po come i titoli italiani in pancia a BCE e banche italiane- colpa di 50 anni di malgoverno e cultura politica.
Il progetto Euro era basato su crescita e sviluppo, altrimenti ci avrebbe impoverito. A 19 anni dall’introduzione dell euro ancora non abbiamo fatto riforme serie ma i populisti sanno solo accusare L’Europa. L’Europa ha tantissimi difetti ma per tanti aspetti ci ha salvato (vogliamo per esempio parlare di tassi di interesse ??) sta a noi guadagnare un posto al vero tavolo delle trattative.

Mario
Mario
29 Gennaio 2021 11:03

A proposito di mettere in campo la squadra migliore: tra un po’ si svincola la Merkel, l’ingaggio a fine carriera non dovrebbe poi essere troppo…

Sono anche orgoglioso di essere italiano, duemilacinquecento anni di storia e arte, un territorio incredibile, un popolo generalmente mite: ma forse quando si deve essere vincenti non siamo più capaci?

Sono tifosissimo della Ferrari, bandiera delle nostre capacità anche nel campo della tecnica, ma tocca constatare la differenza di risultati tra quella autarchica attuale (con i responsabili incollati alla poltrona… ) e quella mutuata dall’incipit delle barzellette: “c’erano un francese (Todt), un inglese (Brawn) e un tedesco (Schumacher)…”

Io vorrei tanto la Thatcher, ma ahimè non c’è più, e allora intanto opzionerei la Merkel…

;)

Sandro Cecconi
Sandro Cecconi
28 Gennaio 2021 22:22

@Nedo Micci. Lei scrive: ” non e’ capace di……compreso ” i cervelli di quegli altri “. Ricorda coloro che hanno fatto il Nome di Mario Draghi? Non mi dica che non lo hanno pronunciato perché lo pensavano davvero in quanto lo hanno immediatamente bruciato, i saccenti e ipocriti. Lei crede che Gualtieri e Misiani $ Co. siano in grado di elaborare un benché minimo straccio di piano strategico? Se lo tolga dalla testa immediatamente. Lei crede che i nominativi dall’autore del presente intervento siano in grado di poterlo elaborare? Ora le dico una cosetta semplice semplice. Non sono in grado nwel modo più assoluto poiché per poter elaborare un piano strategico reale occorre avere una visione di insieme cosa costoro non hanno e non potranno mai avere per più che manifeste incapacità. E le spiego anche i motivi, Hanno mandato i propri cervelli, già di infimo valore, all’ammasso. Lei ama questa UE? Una UE comandata a bacchetta dai barbari germani e galli. Questa non può e non deve essere l’Europa. Poiché è ben altra la vera Europa a cui credo fortissimamente sin dai primissimi anni ?6 del 1900 quando in Geografia ci facevano studiare il progetto europeo. L’attuale è la vergogna e la negazione totale di quel progetto iniziale. Per non parlare poi dei vetero democristiani e vetero comunisti, entrambi… Leggi il resto »

Gianluca
Gianluca
28 Gennaio 2021 21:36

A me è piaciuto molto il passaggio in cui si esortano i 5 Stelle a mettere in campo i loro rappresentanti di maggior peso. Chi, le Castelli, le Lezzi le Taverna, le Grillo oppure per par condicio i Di Maio, i Di Battista, i Fico e i Crimi? Lo vede che siamo alle comiche finali? Anche oggi scovati migliaia di percettori di reddito di cittadinanza organizzati dalla camorra, milioni di euro finiti nelle tasche della malavita, come era lecito attendersi da una misura demagogica presa per rimpolpare i propri bacini clientelari del sud. Voglio la Troika, ma non mascherata!

Nella
Nella
28 Gennaio 2021 19:58

Conte ter conte 4…conte 5 ….ok ma porka di quella zozza la volete aprire o no sto Paese???? Con quali soldi pagherete gli operai gli impiegati, le pensioni???? Sempre a DEBITO???

STI CAZZI!!!!

Sandro Cecconi
Sandro Cecconi
28 Gennaio 2021 19:00

Il Recovery richiede di progetyti realizzabili nei sei anni prossimi, tutti rendicontati e verranno erogati a stato avanzamento lavori Riforma totale del pianeta Giustizia che così congegnata non funziona assolutamente. Richiede la riforma della PA che nessuno di questi all’esecutivo ha intenzione di fare come non hanno intenzione di fare tutte le altre riforme di cui in precedenza. In pi abbiamo allo stato attuale 35/Mld a disposizione derivanti da fondi europei non spesi che sono scaduti il 31/12 u.s.. Richiede una visione di insieme per le opere pubbliche che è completamente assente e fuori dai cervelli di questi qua. Richede la digitilizzazione spinta attraverso le infrastrutture immateriali e quelle materiali secondo un piano strategico ben preciso. Richiede gli investimenti sul green ma quello vero e non le farloccate a cui credono costoro. La riforma delle aliquote fiscali che attualmente sono sbilanciate completamente a totale carico di lavoratori, pensionati e imprese. Richiede un completa ristrutturazione della spesa pubblica poiché a fronte di 900/MLD di spesa il 98% è spesa corrente e solo il 2% opere pubbliche. E così è da sempre o quasi. Inoltre tra le righe richiede sempre giustamente un assetto istituzionale completamente diverso se si vogliono esecutivi ben diversi dagli attuali e quanto sta oggi avvenendo è la dimostrazione lampante dello stato dell’arte. Invece questi sprovveduti stanno portando avanti… Leggi il resto »