in

L’avvertimento di Giorgetti: “Cambiate la tv o si spegneranno tutte”

Dimensioni testo

Avete presente il vostro televisore, cui siete probabilmente affezionati? Ecco: tra poco dovrete dirgli addio. O almeno dovrete spendere dei soldi per comprare un decoder nuovo di zecca, altrimenti resterete senza più programmi serali da vedere comodamente seduti sul divano.

L’occasione per lanciare il campanellino d’allarme, Giancarlo Giorgetti l’ha colta durante la kermesse La Ripartenza organizzata del nostro sito al teatro Petruzzelli di Bari. Intervistato da Nicola Porro e Alessandro Sallusti, mentre si apprestava a parlare di 5G (e problemi connessi), il ministro dello Sviluppo Economico ha ricordato a tutti che presto una rivoluzione piomberà sulle nostre case. E sulle nostre tasche.

Una delle conseguenze del 5G, infatti, è che per dare spazio alla nuova tecnologia il ministero sta lavorando ad una riorganizzazione delle frequenze delle tv pubbliche, locali e private. “Noi abbiamo iniziato ad avvisare che entro giugno del 2022, quasi tutti i televisori delle vostre case si spegneranno e non vi faranno vedere i programmi”. Dunque, due opzioni: “O li cambiate, e abbiamo fatto il bonus televisore, oppure prendete il decoder”. Poi la battuta: “Gli anziani un bel giorno accenderanno la tv per guardarsi Porro, ma non lo vedranno più. E sotto un certo punto di vista potrebbe essere un bene…”. Risate al teatro.