Le palle (rosse) di Natale - Seconda parte

Poi ci sono appunto le madonne novantenni che se la godono un mondo nel farsi portare in processione da 600 sindaci amorevoli e antifascisti, benedicono le sardine come “sentinelle della memoria” ma la prima smemorata è lei, visto che sta sul palco con alcuni sindaci di estrema sinistra che hanno concesso la cittadinanza onoraria a notori terroristi e apologeti dello sterminio degli ebrei.

Poi, salate in fundo, arrivano le sardine, questo branco di fannulloni di cartapesta il cui capintesta, ogni ricciolo un capricciolo di vanità, a domanda sugli orientamenti politici risponde: ah, non lo so, non ho un’idea su niente però vengo bene in televisione e le cinquantenni mi si vogliono fare. Riciclati dell’estremismo di sinistra duro, che in rete diffamano, minacciano, insultano, impediscono accessi a luoghi considerati loro. Le “sentinelle della memoria” assumono un significato assai sinistro, e non solo in senso ideologico, con buona pace della loro benedicente Madonna in tour.

Vi bastano, come addobbi natalizi, queste cascate di palline rossefuoco, di palloncini già gonfiati, di pupazzetti di neve rossa? Poi vengono a dirti: ah, però, non sapevo della tua svolta destrorsa. No. Se è lecita una trascurabilissima parentesi personale, chi scrive non si sente particolarmente di destra, anzi non si sente proprio niente; non gliene può fregare di meno dei sovranisti, non perde le notti a pensare al destino di Salvini e (io sono) Giorgia, si ispira se mai a Frank Zappa, convinto che “l’elemento più diffuso in natura non è l’idrogeno, è la stupidità”.

Ora, non è colpa nostra se in questa disgraziata epoca di politicamente corretto manicomiale, la stupidità più stentorea, più possente fluisce copiosa da una certa casta, spelacchiata, ringhiosa, rifatta, caramellata di tromboni che sparano le loro grandi palle di fuoco e non si accorgono di quanto sono arroganti, patetici, imbarazzanti. E ridicoli. E, soprattutto, sempre meno ascoltati.

Max Del Papa, 24 dicembre 2019

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
57 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
trackback
Le tre blasfemie (rosse) di Natale | www.agerecontra.it
30 Dicembre 2019 17:58

[…] dell’imbecillario di sinistra, che meno voti piglia e più cazzate mitraglia. Ecco dunque un aggiornamento alle palle di Natale, perché proprio in questo santo giorno se ne sono sentite di nuove, tali da far stramazzare […]

trackback
Le tre blasfemie (rosse) di Natale - Max Del Papa
26 Dicembre 2019 15:00

[…] dell’imbecillario di sinistra, che meno voti piglia e più cazzate mitraglia. Ecco dunque un aggiornamento alle palle di Natale, perché proprio in questo santo giorno se ne sono sentite di nuove, tali da far stramazzare […]

Savina
Savina
26 Dicembre 2019 14:32

Vedo che qualcuno più colto e informato di me.. La pensa come me..

Rosa
Rosa
26 Dicembre 2019 10:07

Quanta verità in questo articolo,mi sembra di essere tornata a scuola(50/60anni fa)quando le insegnanti stimavano solo i figli di…e i figli di operai e fruttivendoli venivano rimproverati al posto degli altri.E se il popolino era più bravo dei rampolli “blasonati” si beccava un 6 che il 7 non gli toccava.Purtroppo certe caste non crescono e vivono una vita falsa in pubblico e frustrata in privato!

Norbi
Norbi
26 Dicembre 2019 6:09

Geniale!!

Antonio
Antonio
25 Dicembre 2019 18:40

Max Del Papa santo subito. Il tuo articolo capolavoro deve essere letto da Feltri , così rivaluta il Natale che ci ha dato l’opportunità di leggere questo meraviglioso elenco di sinistre stupidità . Devo ancora finire di ridire poi me lo rileggo. Buon Natale Max

Arminius
Arminius
25 Dicembre 2019 12:04

Basta guardare le figure che accompagnano i titoli degli articoli qui sopra del “leggi anche”. Sette su nove riportano le facce brutte dei comunisti. E poi non mi si venga a dire che non fate loro pubblicità! Almeno nel periodo natalizio oscurate gli osceni sinistri e scrivete una bella letterina a Babbo Natale che non darete mai più spazio a loro e alle loro scemenze. Auguri!

Fel Men
Fel Men
25 Dicembre 2019 7:59

Salvini è il male, soprattutto per il consenso che ha. Ma un male legale, come un adulto che con i suoi soldi fuma 80 sigarette al giorno. Gli italiani lo useranno per farsi del male, ma non potranno dare la colpa alla non libertà e non democrazia, che invece ci sono in modo più che sufficente. Questo è il periodo storico dove la gente è la più cattiva dalla fine della seconda guerra mondiale, però è comunque certo che sì va verso il bene, con due passi indietro e tre in avanti. Una volta i razzisti dicevano che i neri sono razza inferiore e quindi si estingueranno. Oggi i neo razzisti, loro discendenti, hanno paura che la razza bianca europea si estinguerà. Ci faremmo del male, ma la strada verso il bene non l’hanno fermata neanche Hitler Stalin e Mao messi assieme. Tra il bene e il male non vi sono dubbi su chi vincerà, e il problema è solo nel prezzo per la vittoria che è spesso troppo alto. Del resto la festa religiosa più importante dei battezzati è la Pasqua e non il Natale.