in

L’unico a non essere una Bestia è Morisi

morisi

Dimensioni testo

Su i fatti di Roma.

1. la violenza no! Va condannata!
2. la gestione del corteo da parte della polizia è discutibile.
3. la violenza metterà in ombra contraddizioni, insufficienze, incostituzionalità del green pass.
4. dire che chi ha criticato il pass ha legittimato la violenza è da squadristi.

A conti fatti, Luca Morisi è l’unico a non essere una Bestia.

Tutto ciò che non è sinistra (Pd) è, secondo la sinistra e il circo mediatico-politico, fascista. La destra è fascista, la Lega è fascista, Calenda è fascista, Renzi è fascista. La sinistra è ferma al 1945 quando Togliatti impose la subordinazione intellettuale e morale al Pci e chi si sottraeva era immediatamente bollato come fascista. Conte oggi non è fascista perché accetta la subordinazione. La equivalenza di destra e fascismo è una pura invenzione comunista per la quale è esemplare la posizione dei liberali: “Tutti i democratici sono antifascisti ma non tutti gli antifascisti sono democratici”. Infatti, gli antifascisti comunisti o ex e post-comunisti sono tuttora imbevuti di subcultura totalitaria. Il male della politica italiana è prima di tutto culturale e dà origine a quello che ho definito “individualismo statalista”.

La questione non è non aumentare le tasse.

La questione non è diminuire le tasse.

La questione è tagliare drasticamente le tasse.

Ora che inizia a piovere e ritorneranno alla carica con il cambiamento climatico dite loro:

1. è autunno;

2. studia la storia delle alluvioni in Italia;

3. cari giornalisti il megafono serve ai venditori di pentole, se non avete senso critico avete sbagliato mestiere;

4. la Natura ignora l’uomo;

5. l’uomo non è Dio;

6. l’umanità è una malattia della pelle della Terra (Nietzsche);

7. cura il territorio se non vuoi disastri, frane… ;

8. l’emergenza climatica è l’effetto della vera emergenza, quella culturale

9. la “bomba d’acqua” è solo pessimo italiano;

10. il lamento per il tempo è iniziato con l’uomo.

Non voglio un Capo dello Stato che parli del clima come un guru e indichi la transizione ecologica come un imperativo. Voglio un Capo dello Stato che abbia come suo riferimento la Costituzione e i limiti legislativi e gnoseologici che il costituzionalismo indica per consentire a ognuno di vivere dignitosamente secondo libertà. Nulla di più, nulla di meno.

Il Pd chiede a Calenda i voti di Calenda (che non sono di Calenda come ha già detto Calenda). È nella logica delle cose. Solo una considerazione piccola e poco significativa: a parti capovolte, il Pd avrebbe votato Calenda?

L’Italia è quel paese in cui le elezioni per il rinnovo di quattro consigli comunali diventano questione di vita o di morte. Perché, purtroppo, la politica conta più di ciò che vale.

Il pianto di gioia di Sonny Colbrelli dopo aver vinto un’epica Parigi – Roubaix è bello. Il pianto di gioia è, forse, la felicità. Dura poco, altrimenti non si potrebbe vivere. Ma vale una vita.

A Giorgio Parisi hanno dato il Premio Nobel per la Fisica. Se gli dessero anche un parrucchiere per i capelli non sarebbe male.

Giancristiano Desiderio, 8 ottobre 2021