in

Ma Greta è popolo o élite? - Seconda parte

Dimensioni testo

Ricordo che c’è pure un nobile “ecologismo esigente” dei liberali nature che tace, ma che sarebbe pronto a pagare il prezzo proporzionalmente giusto per avere un mondo più pulito (se interessa sono tra quelli). Così come non sono accettabili quelli che usano il clima in termini ricattatorii, altrettanto non lo sono quelli che vogliono il perpetuarsi del modello (fallimentare) del Ceo capitalism (inquinante per definizione). Ma guai a te se lo critichi, ti fanno passare come un nemico del progresso.

Quello che dobbiamo capire è che tipo di rivoluzione propongono questi ragazzi. Se fosse quella markettara tipo Sessantotto sarebbe intrattenimento, pardon infotainment in purezza. E allora inutile perdere tempo a discutere del nulla: sfilino pure, invecchiando nei cortei, come fanno da sempre quelli dei centri sociali. Il giochino delle classi dominanti è noto: automobiline elettriche, a guida autonoma, che non inquinano dove circolano e vivono lor signori, tutti gli altri rimangano dove viene prodotta, da fossili, l’energia per le loro ricariche.

Riccardo Ruggeri, 5 ottobre 2019

Zafferano.news

Sgarbi contro Greta – Seconda parte

Il Prof Battaglia, Fo e la setta dei gretini – Seconda parte

Le peggiori gretinate del venerdì ecologista – Seconda parte

Greta, quando l’Ego adolescenziale diventa politica – Seconda parte