Macché mascherine: qui il guaio è un governo sempre in ritardo

Il ministro della Salute, Roberto Speranza (a sentirlo parlare, diresti che è Roberto Disperazione), ci invita a «non farci illusioni» sulla seconda ondata di Covid. Colpirà e sarà dura. Da oggi dovrebbe scattare l’obbligo di mascherine all’aperto, anche se rimodulato: l’orientamento è di costringerci a indossarle solo se, per strada, non sarà possibile mantenere la distanza di sicurezza dagli estranei. Intanto, proseguono i bollettini quotidiani e i titoloni di giornali, arrivati a conteggiare, tra i morti di coronavirus, persino un annegato (notizia apparsa sul Centro, quotidiano abruzzese).

Lo scopo è arcinoto: il governicchio del nulla cosmico si aggrappa all’epidemia. Il trucco è altrettanto vecchio: si sparge il terrore, si dà la colpa agli italiani irresponsabili, li si punisce con le restrizioni. Viene da invidiare quell’irresponsabile di Donald Trump, che la sua gente l’ha esortata a non «lasciarsi dominare» dal Covid. Oltreoceano, un governo che incoraggia i cittadini a non aver paura. Qui, un governo che fa di tutto perché la paura ci assalga.

Si credono i primi della classe

Se emergenza è, tuttavia, bisogna fare almeno due considerazioni. La prima: non è andato tutto bene e i giallorossi non sono stati bravi come raccontano. Il principio di non contraddizione non è un’opinione: se sei un tale fenomeno da meritarti le lodi dell’Oms, non dovresti ripiombare nel panico; e se ti ritrovi in allarme rosso, significa che non sei stato proprio un asso. La verità sta nel mezzo, probabilmente: non siamo inguaiati come a marzo, ma non grazie a chi ci governa. Sì, i contagi aumentano rispetto a quest’estate, così come ospedalizzazioni e ricoveri in terapia intensiva. La stragrande maggioranza degli infettati, però, presenta sintomi lievi o non ne ha nessuno. E che siamo allo stesso numero di casi giornalieri della scorsa primavera, è una balla sesquipedale: viaggiamo su un numero di tamponi che qualche mese fa ci sognavamo. Come disse sempre quello sconsiderato di Trump, i contagi aumentano se li cerchi. D’altronde, chi ha riaperto i confini? Chi ha distribuito i bonus vacanza? Chi ha tenuto aperte le balere, per accorgersi dell’imperdonabile delitto a baldorie di Ferragosto ultimate?

E con questo veniamo alla seconda considerazione. Di ramanzine, paternali, politicanti da predica igienista e dottorini che ci chiedono di lavarci le mani, ne abbiamo abbastanza. Il punto non sono i nostri comportamenti, responsabilissimi. Il punto sono le omissioni di chi, cessata la strage di anziani, s’è addormentato. Perché, caso unico in Europa, sussiste ancora uno stato d’emergenza? L’emergenza, per definizione, è qualcosa che “emerge” all’improvviso: non si può prevedere, coglie impreparati. Già è stato imperdonabile che, dichiarata l’emergenza il 30 gennaio, un mese dopo il Paese fosse sprovvisto di reagenti e Dpi (spediti intanto a Wuhan). Ma dopo otto mesi, davvero era impossibile premunirsi? Davvero siamo sorpresi dagli infetti che crescono? Dai nosocomi che pian piano si riempiono?

Terapie intensive? A carissimo amico

Eccolo, il punto. Il ministro Disperazione dice che bisogna “aumentare il livello di controllo”. Ma quello che si doveva aumentare era il livello di assistenza. E invece, la situazione delle terapie intensive è la stessa di primavera. Anzi, è peggiorata: circa la metà di quelle provvisorie, installate in fretta e furia perché i pazienti cadevano a grappoli, è stata dismessa. E il solito Domenico Arcuri, alias The Flash, si è ricordato il primo ottobre di pubblicare un bando per predisporre i “piani di riorganizzazione della rete ospedaliera”. Gli operatori economici potranno presentare le loro offerte entro il 12. Poi, comincerà la corsa contro il tempo. Come con i reagenti. Come con le mascherine. Come con i banchi. Achille Arcuri che insegue la tartaruga.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
33 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Mario Alberto Sandonati
Mario Alberto Sandonati
8 Ottobre 2020 6:58

INDAGABSULLE MASCHERINE DATE A SCUOLA!! SONO ILLEGALI,NON HANNO IL FERRETTO SOPRANASALE E VISTO CHE GLI ELASTICI SI ROMPEVANO ,ORA HANNO I LEGACCI
PER FAVORE INDAGA SONO MOLTO PREOCCUPATO

Cristina
Cristina
7 Ottobre 2020 22:41

Carneade ha perso la ragione.
Durante la presentazione del nuovo DPCM ha detto qualcosa del tipo ” non potrà essere che uno si trova in strada anche da solo e che si abbassi o alzi la mascherina. No questo non sarà possibile ” E poi “consigliamo le mascherine in casa se ospitate persone estranee al nucleo famigliare”
E certo, perché veniamo a chiedere il permesso a te per abbassarci la mascherina.
Non ho mai visto un signor nessuno credersi importante come questa macchietta venuta dal nulla, il dittatore dello Stato libero di Bananas al suo confronto era uno statista.
Però, virgulti all’opposizione, ce la diamo una svegliata? Altrimenti qualcuno si chiederà cosa diavolo serva votarvi, se non siete in grado di ridimensionare il dittatorello da operetta.

Angela
Angela
7 Ottobre 2020 20:34

Nuovo decreto di giuseppi prescrive l’uso della mascherina anche in casa in presenza di persone non conviventi e/congiunti
Questa è la follia di un pazzo che fra un pò verrà anche a controllare quante volte andiamo al bagno

stefano
stefano
7 Ottobre 2020 20:14

Intanto fanno quello che vogliono,probabile uso mascherine all’aperto fino al 31 gennaio 2021 e stato di emergenza come la app immuni ,non a caso fino al 31 dicembre 2021.
Quindi Buon Natale e Felice Anno Nuovo.

German
German
7 Ottobre 2020 20:01

“Coronavirus, la Lombardia apre gli ospedali alla Campania: una lezione a Vincenzo De Luca dopo mesi di sfottò”

Coronavirus, la Lombardia apre gli ospedali alla Campania: una lezione a Vincenzo De Luca dopo mesi di sfottò

Coronavirus, la Lombardia apre gli ospedali alla Campania: una lezione a Vincenzo De Luca dopo mesi di sfottò

E de luca adesso che dice, che dice?

Antonio Cossu
Antonio Cossu
7 Ottobre 2020 18:52

Il vero virus che attanaglia l’intera penisola è chiamato mandronite, che tradotto in italiano standard si potrebbe dire poltronite acuta. Da questo virus ne sono particolarmente affetti tutti i nostri politici. Non esiste antivirus o vaccino per questa malattia. Neanche le preghiere servono a molto. Per guarirne si può contare solamente su se stessi e su una grande forza di volontà.

Cristina
Cristina
7 Ottobre 2020 17:31

7 ottobre 2020
3678 positivi in più
337 persone in terapia intensiva
3782 persone ricoverate
58457 in isolamento domiciliare
(I dati sono de Il sole 24 ore, che si è ben guardato dal mettere il numero dei tamponi fatti )

7 aprile
3039 positivi in più
3792 persone in terapia intensiva
28718 persone ricoverate
61557 in isolamento domicilaire

E qualcuno ancora crede che la motivazione della proroga dello stato d’emergernza non sia la smania di potere di Carneade.

Angela
Angela
7 Ottobre 2020 17:17

Opzione 2 “…. ai pieni poteri qualcuno ci sta prendendo gusto”
Uno a caso.. giuseppi