in

L'ultima follia Covid

Mascherine pure all’asilo, genitori furiosi: eccovi la “normalità”

Le regole Covid peggiorano invece di migliorare: all’infanzia bimbi costretti a indossare un Dpi

Dimensioni testo

“Siamo l’unico Paese al mondo in cui, finito lo stato di emergenza, si aggiungono le restrizioni anziché toglierle”. La riassume così, una mamma umbra, questa ultima stranezza tipicamente italiana targata Roberto Speranza e governo dei migliori. La pandemia regredisce, i ricoveri non preoccupano, il Cts se ne va a casa con tanto di festicciola, mezzo mondo si butta alle spalle l’epidemia mentre l’Italia no: qui s’inventano nuove regole che mandano su tutte le furie genitori, mamme, papà, nonne e nonni. Il solito pandemonio.

La nuova direttiva sulle mascherine all’asilo

Con l’ultimo decreto legge del 24 marzo del 2022, quello che in teoria doveva far ripartire il Belpaese, si è creata infatti l’ennesima polemica. Parliamo di scuola. Se fino a qualche giorno fa le circolari ministeriali prevedevano che le mascherine in classe dovessero essere indossate in base alla classe (i bimbi dell’infanzia ne erano esentati, dalla primaria in su diventava obbligatoria), adesso si ritorna alla differenziazione per età. A coprirsi naso e bocca dovranno essere tutti i pargoli dai sei anni in su.

Piccolo problema: ci sono dei bimbi che compiono la fatidica età mentre sono ancora all’ultimo anno di asilo, e così si ritrovano ad essere gli unici mascherati in mezzo ad un’intera classe libera dal dispositivo individuale. “È arrivata comunicazione dal ministero – ci spiega Federica, madre di due figli – quindi si ritrovano in classe ad esempio quattro bambini con le mascherine e 15 senza. Anno scorso, quando il Covid era più pesante e c’erano tanti casi, all’infanzia nessuno doveva portare il Dpi. Adesso che siamo tuti vaccinati e il virus colpisce di meno, devono invece indossarli: che cagata pazzesca”.

Le nuove regole del Miur sulle mascherine

In effetti la circolare del ministero dell’Istruzione parla chiaro: all’asilo, in assenza di infetti o fino a tre casi, “solo per i bambini che abbiano superato i sei anni di età è previsto l’utilizzo di dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo chirurgico”. Mascherina che diventa FFP2 “per dieci giorni dall’ultimo contatto” in caso di quattro casi di positività o più.

Scuole colte di sorpresa

La Faq del Miur sulle regole per le mascherine valide fino al 31 marzo 2022

In una scuola di Corciano, in provincia di Perugia, la direzione scolastica ha chiesto ai genitori dal primo aprile (data di entrata in vigore delle nuove norme) di portare i figli a scuola “con la richiesta mascherina”. Il motivo? “La scuola attualmente non è in grado di provvedere alla fornitura in quanto tutte le mascherine disponibili sono state consegnate alle scuole primarie, le uniche fino a due giorni fa destinatarie di tale provvedimento“. Un errore di valutazione? I bambini allo scoccare dei sei anni avrebbero dovuto indossare il Dpi all’infanzia già dall’inizio dell’anno? No. Il decreto legge del 6 agosto 2021 prevedeva (fino a ieri) l’obbligo per tutti gli alunni “fatta eccezione per i bambini che frequentano i servizi educativi per l’infanzia“. Anche le Faq del ministero dell’Istruzione non mentono: il discrimine era la classe di appartenenza, non l’età. Sintomo che le regole sono effettivamente cambiate solo dal primo aprile. In peggio.