Politica

Mattarella, solidarietà a senso unico: chiama solo i giornalisti di sinistra

Il comunicato del Colle per Molinari contestato all’Università. Silenzio per Capezzone. E i violenti di Napoli stessa razza di quelli difesi dal Presidente a Pisa

Non ho sentito Mattarella. Voglio dire, l’avrà sentito Molinari, sicuro, ma io non l’ho sentito. Una questione tra repubblicani: il presidente della Repubblica chiama il direttore della Repubblica, contestato, impedito a partecipare ad un incontro all’Università Federico II di Napoli, e poi fa in modo che lo sappiano tutti a mezzo nota inzuppata in un tiramisù di retorica: “Quel che vi è da bandire dalle università è l’intolleranza, perché con l’università è incompatibile chi pretende si imporre le proprie idee, impedendo che possa manifestarle chi la pensa diversamente”.

Bene bravo bis, difficile obiettare, il luogo comune o è ontologicamente indiscutibile o non è. Ma il luogo comune, per sua natura, sembra dir tutto e invece dice niente: quel che vi è da bandire dalle università, se mai, è l’università: perché ormai l’università dell’intolleranza è il tempio e non lo ripulisci, o lo butti giù come Cristo o te lo tieni così; è irrecuperabile, irreversibile. Quel che vi è da ripulire, caro Mattarella, sono i fannulloni balordi in kefiah e diritto di prepotenza che nessuno mai sindaca, argina o impedisce; sono, per intenderci, la stessa razza che proprio lei, Presidente, ha difeso di recente, con una uscita spericolata, ma di quelle alle quali ci sta sempre più abituando, purtroppo.

Sono i teppisti e i cialtroni con licenza di bloccare e devastare in nome del pianeta. Sono gli anarchici al limite del terrorismo. Sono le puttane di Hamas, come in questo caso. E noi, il Presidente non l’abbiamo sentito: non l’abbiamo mai sentito sul teppismo climatico, sui provocatori e i balordi a prato basso, sugli intolleranti, come li chiama adesso, che volevano spaccare la testa a Capezzone, al ministro Roccella, a Silvia Sardone, alla troupe di Fuori dal Coro che si infilava nelle loro manifestazioni deliranti in idolatria delle care vecchie Brigate Rosse.

Questa volta i benemeriti se la sono presa con uno dei loro, un direttore percepito come democratico, dal sistema, dal regime ma non dai pro Hamas, ed è scattata la solidarietà telefonata e diffusa. Troppo comodo, presidente: o tutti o nessuno. Che facciamo? La democrazia, la tolleranza la difendiamo a fasi alterne, a facce alterne, a seconda di chi ci sta più simpatico? E gli altri li lasciamo alla mercè, liberi di farsi legnare se mai?

Qui affiora non tanto l’annosa questione della faziosità del Colle di turno, che storicamente più pretende di porsi a rappresentanza dell’intero Paese e più si distingue per partigianeria, espressa in tutti i modi consentiti dalla Costituzione e magari anche qualcuno al limite: dalla “suasion”, assai poco “moral”, alle ripicche procedurali, ai sabotaggi istituzionali, ai siluri mediatici eccetera. Va precisato che non è questione concernente tanto o solo l’attuale inquilino: il quale, se mai, non fa che ribadire una tradizione, discutibilissima, ereditata a suo tempo. Se mai, si può osservare che più gli inquilini scorrono e più la disinvoltura appare marcata, se non sfrenata. Sarà segno di questi tempi influencer, ne discende tuttavia come una pretesa di insindacabilità più da monarca che da presidente democratico. Ed è quanto meno curioso che ad osteggiare una possibile riforma in senso presidenziale sia proprio chi incarna uno strapotere, ostentato, concentrato nella figura del presidente, con la massima serenità, indifferente a qualsiasi esigenza e conseguenza.

No, noi non abbiamo mai sentito il Presidente a proposito delle prepotenze, delle violenze universitarie contro personaggi, politici e intellettuali non di sinistra; così come mai lo sentimmo in occasione delle spaventose torsioni democratiche operate dai governi Conte e Draghi col pretesto della sicurezza sanitaria, non lo sentimmo dire una sillaba quando portuali, cittadini indifesi venivano aggrediti con gli idranti mentre stavano seduti a pregare, fermi, inermi; non sentimmo un fiato di fronte ai ricatti, alla privazione della libertà e del lavoro, del pane e della dignità; non sentimmo un solo invito a dominare un odio verso i cosiddetti “novax” che tracimava nella banalità del male, con inviti a farli fuori, a torturarli, a rinchiuderli in lager, a prenderli a cannonate, ad avvelenarli, a sputare nei loro piatti, a farli mangiare dai cani.

Fu la demenza fanatica delle dittature, non il dissenso più o meno rispettoso delle democrazia. Ma il nostro primo cittadino, il nostro notaio democratico non riteneva di intervenire, mai, neppure una volta, se non per ribadire a modo certe pratiche ben oltre i limiti tracciati da una Carta che nel frattempo si aveva avuto cura di rinchiudere nell’armadio: “Non si invochi la libertà per non vaccinarsi”, “Non si lasci spazio ai novax, alle loro espressioni”. Due anni dopo un tale disastro politico e democratico, tutto fa tranne che stupirci l’aperto boicottaggio dal Colle alla stentata commissione d’inchiesta sul Covid, destinata, l’abbiamo capito subito, a sortire non più che fumo.

Il regime protegge se stesso, questo è normale; almeno però che sia capace di farlo, e ci si lasci almeno osservare qui che i fervorini presidenziali arrivano, come spesso accade, abbondantemente fuori tempo massimo. Al Presidente e al direttore, della Repubblica, si potrebbe obiettare che questo è quello che succede quando si coccolano i farabutti, i violenti e, appunto, gli intolleranti: e si possono coccolare in tanti modi, dalle articolesse lesse e pelose al silenzio distratto o comprensivo.

Sarà una osservazione troppo facile, ma o la fai o persisti nell’equivoco, nell’ambiguo, e davvero non è il caso. Perché quanto successo all’Università di Hamas, Napoli, Italia, non riguarda solo Maurizio Molinari ma tutto il Paese, la sua tenuta democratica, la sua serietà: in prospettiva la sua stessa esistenza se è vero che l’Islam politico che si è già mangiato il Belgio, che già strangola Francia, Spagna e, sempre più, Germania, dice apertamente dell’Italia: sarà la prima a cadere sotto il nostro dominio e sta già succedendo. E i balordi che bivaccano all’università reggono il gioco, reggono una conquista sempre meno dolce, sempre più traumatica. Sulla quale non abbiamo mai e ripetiamo mai ascoltato mezza parola non si dica di allarme, ma almeno di attenzione, da chi, oggi, telefona a un direttore gradito, al quale è stato con furia impedito di esistere.

Max Del Papa, 16 marzo 2024

Nicolaporro.it è anche su Whatsapp. È sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati (gratis).

Iscrivi al canale whatsapp di nicolaporro.it

SEDUTE SATIRICHE

www.nicolaporro.it vorrebbe inviarti notifiche push per tenerti aggiornato sugli ultimi articoli