in

Minacciano gli italiani, ma il virus lo portano i clandestini - Seconda parte

Dimensioni testo

Saremmo tenuti a distinguere tra pericolo cattivo, quello indigeno, degli italiani da movida o da spiaggia, e contagio buono, dei clandestini che scappano, non si capisce da cosa. Hanno perfino inventato lo stigma del “negazionismo”, come già per il fantomatico riscaldamento globale: se non credi che a ottobre moriremo tutti sei un nazista, uno che rifiuta il Covid. Sono cose che, a lungo andare, neanche tanto lungo, si pagano. Poi entri in un qualsiasi supermercato, vedi la commessa che stramazza sotto la mascherina e le chiedi: ma come fai a resistere? “Non me ne parli, li odio tutti, non serve a niente, ma bisogna farlo”. Bisogna? In nome di che? È sbottato Zangrillo, e veniva voglia di gettargli le braccia al collo: “Sono stanco, comincio ad averne le palle piene”. Sapesse noi, professore.

Max Del Papa, 23 luglio 2020

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
71 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Eva Fodor
Eva Fodor
3 Settembre 2020 11:15

I CLANDESTINI, con Covid o no vengono trasferiti su grandi navi, bene, ma queste navi quanto costano, e quando le avranno devastate e distrutte, come hanno fatto, tempo fa, con i treni, o le case occupate e gli alberghi che li hanno ospitati, chi pagherà questi danni. Quanto costa il noleggio di una grande nave al giorno? Costerebbe molto meno, caricarli sì, su grandi navi e riportarli nei porti di partenza. Invece alle navi delle ONG propibirei l’approdo ai porti italiani come ha fatto Salvini. Oppure, se come si sa, queste ONG sono tedesche, che i CLANDESTINI, li portino in Germania. Per quanto mi risulta in Tunisia non c’è guerra e nemmeno in Bangladesh, quindi cosa vengono qui in modo clandestino invece di chiedere il visto e comprare un biglietto aereo che certo costerebbe meno soldi e molto meno sofferenze, che per mezzo di questi trafficanti d’esseri umani, i scafisti e le ONG.

Marina
Marina
24 Luglio 2020 17:28

50 migranti trasferiti da Lampedusa a Potenza e 26 sono risultati positivi al Coronavirus, nonostante il certificato di non positività rilasciato dai medici siciliani.

La Basilicata ringrazia il ministro Lamorgese per la sensibilità dimostrata alla popolazione locale!

La fonte è Repubblica, prima che si alzi qualche scudo anti berlusconiano.

Corsaro Nero
Corsaro Nero
24 Luglio 2020 12:14

Rassegnatevi, oramai l’italietta rossa è un paese MORTO. Siamo in fondo al sacco della UE che con la scusa dei soldi (ancora un’utopia….) ci conterà anche i peli del c……se non faremo ciò che dice, i cialtroni al governo ci resteranno a vita perchè di elezioni non ce ne sarà l’ombra visto che vincerebbe la destra e la UE non lo vuole perciò state buoni e zitti invasi e contagiati sotto al terrore del virus fin che il regime rosso (altro che fascismo…….) lo deciderà e voi siete schiavi.

Sal
Sal
24 Luglio 2020 11:54

@Geometra 67
HA SCRITTO:
“Appello a tutti i frequentatori di questo blog :ignorate i commenti di Sal. Prima o poi smetterà.”

Io invece propongo di specificare il nome del destinatario di ogni risposta perchè, diversamente dal passato, il sistema le manda tutte in fondo al post e non si capisce più a chi era destinata la risposta stessa.
Queso per maggiore chiarezza e democrazia.

Sal
Sal
24 Luglio 2020 11:49

@Enrico
Secondo me devi essere più sintetico.

Enrico
Enrico
24 Luglio 2020 11:46

Sono le infinite sfumature di rosso che fanno dell’Italia un pollaio con molti galli che si azzuffano per farsi le galline. Purtroppo la massa degli elettori non percepisce questa realtà. Vale, ora, ciò che è stato l’antifascismo; quello caro all’ANPI, ai centri (a)sociali, alla Signora Boldrini ecc. Guardiamo: Il PD, già PCI, ha cambiato il pelo, qualche vizio forse; non certo quello di combattere gli avversari politici con la sfumatura più satura di rosso: certa magistratura. Grillo: Aveva addirittura chiesto la tessera del PD. Nel suo M5s sono confluiti i fuoriusciti dal PCI per non rinunciare a chiamarsi comunisti e alla bandiera rossa con falce e martello. E Renzi? Un altro gallo rosso nel pollaio italiano. Salvini: Difficile non vedere quanto resta in lui del leoncavallino fondatore di comunismo padano. Ha fatto il governo con i Grillini. Poi a sfiduciato Conte. Una beccata non ben mirata. Quando si è accorto che non sarebbe stato, lui, il nuovo PdC ha addirittura cercato di ricucire… Ciò che infastidisce di più i suoi fan è sentir parlare bene di Berlusconi Berlusconi! Lui, s’è reso conto, dopo le macerie politiche lasciate da “mani (sinistre) pulite”, che era l’onda rossa che bisognava fermare. Lo hanno punito duramente con sistemi degni dei peggiori tribunali stalinisti… La (dis)UE: Con tutto il bla bla sullo “stato di diritto”,… Leggi il resto »

trackback
A UNO POI PIACEREBBE CAPIRE | ilblogdibarbara
24 Luglio 2020 10:49

[…] Max Del Papa, 23 luglio 2020, qui. […]

Marco Piumi
Marco Piumi
24 Luglio 2020 10:42

Il mio conforto è leggere questi articoli, altrimenti mi sento uno dei pochi ******** a non sopportare più tutta questa messinscena … mascherine, distanziamento, banchi a rotelle, migranti ammalati, tasse non rinviate e neanche un pò diminuite, gente al governo a cui non farei gestire neanche un banco di caldarroste e così via …
Un mondo di pazzi ed imbecilli, ecco cosa è diventato …
Ed in Italia abbiamo i migliori … tra gli imbecilli …