Napoli: la civiltà del caffè resiste a De Luca

Condividi questo articolo


Intorno al caffè sono fiorite tutta una serie di civiltà. Poi arriva la pandemia ed ecco che lo Sceriffo De Luca impone la sua legge: niente caffè dopo le 11.

A Napoli? Persino le forze dell’ordine non danno retta al Governatore. Ve ne parlo nel mio video-commento.

Giancristiano Desiderio, 23 dicembre 2020

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


14 Commenti

Scrivi un commento
  1. Dovete smetterla con questo genere di notizie.De Luca non nega a nessuno un caffè. Gli italiani e in particolare i napoletani sono ostici a seguire le regole.Altrob che libertà questo è libertinaggio.Altro che democrazia siamo in piena anarchia.E soprattutto voi giornalisti smettetela di bacchettare chi è fuori dal coro.

    • Si usa anche qui in Puglia. E non è leggenda. Deriva soprattutto dalla convinzione tipicamente meridionale che il piacere del caffè vada sempre condiviso con qualcuno.
      Al sud è raro trovare un avventore solitario che consumi un caffè da solo. Allora lo si condivide con qualcun altro. Non si tratta di elemosina ma di condivisione, per l’appunto.
      A proposito, Buon Natale.

  2. Desiderio, è sempre un piacere ascoltarLa/leggerLa!
    Sono convinta che la riscossa verrà dal sud e che l’informazione ci racconti poco di ciò che realmente stia accadendo attualmente nel meridione…
    Come disse il grande Luciano de Crescenzo:
    “Napoli è l’ultima speranza che ha l’umanità per sopravvivere”
    (Grandi anche le forze dell’ordine, se ignorano chi si concede il caffè fuori orario)

  3. La cosa “divertente” è che in Campania da una parte si restringe ancor più la libertà e si minacciano lanciafiamme e dall’altra i cittadini, pur approvando De Luca, quando c’è la Coppa, Maradona, il caffè e così via, se ne fregano.
    Sono invidiosa…

  4. Non ho seguito troppo la vicenda De Luca covid….avra’ sbagliato come tanti governatori di Regioni o Governo , accidenti al meglio.
    Ma De Luca al di la del suo pittoresco modo di comunicare non e’ il primo fessacchiotto che passa per strada eh . Ha una fama di ottimo amministratore ; quando era sindaco di Salerno applicando metodi alla Giuliani tolleranza zero trasformo’ e in meglio quella citta’ e , visto con questi occhi , con un lungomare degno di Montecarlo.
    Le frequenti critiche sono avvenute spesso , come quelle del sindaco di Napoli De Magistris , per i suoi atteggiamenti ” chiusuristi ” con supporto dei ben noti lanciafiamme.
    D’altronde si riscontra che e’ tutta Europa , oggi ad essere ” chiusurista ” .
    Quindi…

  5. POCO MALE: Tanto, il caffè “pur ‘n carcere ‘o sanne fa’ “. Con la ricetta della mamma di Cicirinella, è ovvio (parola di Fabrizio de Andrè e Massimo Bubola).

  6. La civiltà del caffè!
    Desiderio si è confuso con la prestigiosa rivista dell’ Illuminismo fondata dai fratelli Verri! Ogni sorseggiata una tazzina di cultura!
    La nostra costituzione è la più bella del mondo solo quando gli fa comodo: quando si è formato il Conte bis la costituzione andava buttata nel cesso vero?

  7. Per come ha infinocchiato gli elettori campani, Vincenzo De Luca avrebbe meritato un parte nel film “Totò truffa”, quello della vendita della fontana di Trevi ai turisti americani. Ora mi si farà notare che l’atteggiamento vessatorio nei confronti dei cittadini ridotti a sudditi è ormai una costante a varie latitudini, ma lui riesce sempre ad andare oltre, pervaso dall’impeto del novello Redentore. C’è di bello che al di là del teatrino ad usum mass-media, i campani fanno poi ciò che vogliono e vedrete a Capodanno, quando dal coprifuoco si passerà all’inferno di fuoco in un niente.

    • Buonasera prof. Desiderio, è sempre un piacere ascoltarla….il caffè è rituale troppo importante per noi italiani….Penso a domani, in zona rossa con i bar chiusi….che disperazione….

  8. La sospensione della comunità del caffè è solo la fotografia della sospensione delle nostre vite. Non delle abitudini, ma di tutta quella socialità che gira attorno a quei piccoli nostri gesti quotidiani.
    Sapremo ritrovarli o, talmente abituati all’isolamento, non li ricorderemo più?
    Grazie Desiderio per la sua capacità di raccontare piccole cose di una grande umanità.

  9. Desiderio, informati sul No Paura Day che si svolge a Cesena con una certa regolarità.
    Finora ne sono stati organizzati 5.
    Ti vedo molto bene a tenere un intervento in una delle prossime occasioni in piazza.
    Per come la vedo io, saresti perfetto.
    Max Del Papa c’è stato sabato scorso 19.12. Ha parlato benissimo , ed è stato applaudito molto.
    Senti, eventualmente da lui.
    Complimenti per il commento video.

  10. Grande Desiderio! Ho appena finito di leggere il suo “La verità, forse”: davvero un bel saggio, come i precedenti e seguenti. Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *