in

Natale ai domiciliari perché la libertà è passata di moda

conte covid

Dimensioni testo

Lo ha spiegato in modo mirabile la grande Juliet Samuel sul Telegraph, che ha ragione due volte. Una prima volta, come vedremo, nel merito degli argomenti che usa. E una seconda volta, nel metodo, perché ci ricorda che – nei tempi liberticidi in cui viviamo – quasi non ha più senso parlare dei dettagli: occorre concentrarsi sui principi di libertà per opporsi ai nuovi tiranni di Stato.

Il Natale – ha scritto la commentatrice britannica – non è un “frivolo cocktail party” che il governo ha il diritto di cancellare con un tratto di penna. Ma, anche al di là del significato religioso che ha per i cristiani, è un momento essenziale della vita delle persone e delle famiglie. Ecco, che ne sa lo Stato delle nostre vite? E come si permette di interferire? Che ne sa se in una famiglia qualcuno ha perso il lavoro, e il Natale doveva o poteva essere un momento di consolazione e calore speciale? O se c’è stato un lutto, ed era l’occasione per affrontarlo ed elaborarlo insieme? O se qualcuno è malato? O se una coppia sta vivendo una crisi e vuole tentare di salvare il rapporto?

Apparentemente, sono solo piccoli esempi, casi minuti: ma è la nostra vita, è la nostra libertà, è il cuore e il senso stesso della nostra esistenza. E non occorre aver letto Hayek per sapere che è fatale la presunzione dei pianificatori, di chi ritiene che la mano pubblica abbia il diritto e il potere di dirigere le nostre vite come se fossero tutte uguali e tutte di “proprietà” dello stato. Non c’è dubbio, le crisi espongono il meglio e il peggio di noi, ma soprattutto richiamano ciascuno alle proprie radici culturali e di pensiero. E sono in pochi, in questi tempi, a mostrare inquietudine per la libertà.

In fondo, ciò che angoscia di più non è l’insensibilità del Giuseppe Conte di turno, la sua pretesa di normare ogni passo e ogni atto, ma la “normalità”, direi quasi la rassegnata naturalezza con cui quasi tutti assistono a questa deriva. Confidiamo però nel “quasi”: anzi, tocca a noi, a pochi, essere quel “quasi”, e tenere accesa la fiammella di un’alternativa ideale, prim’ancora che politica.

Daniele Capezzone, 21 dicembre 2020