in

Non solo Mattarella al Colle: quel piano segreto per il 2023

Le tre profezie di un vecchio democristiano si stanno rivelando vere. Ecco cosa aveva rivelato durante un pranzo

Mussolini

Dimensioni testo

di Salvatore Di Bartolo

È un torrido pomeriggio del luglio 2020, e a Palermo l’aria è quasi irrespirabile. Il Paese è da poco uscito dalla devastante prima ondata della pandemia da Covid-19, e la stampa decanta il fantomatico “modello Italia”, imitatissimo in tutto il mondo, l’unico ad aver messo alle corde il terribile virus di Wuhan.

Il Presidente del Consiglio è Giuseppe Conte, e la bestia social orchestrata dall’allora potentissimo portavoce Rocco Casalino acclama la grandezza del “Churchill italiano” per aver strappato nel vertice Ue di Bruxelles sul Recovery fund un accordo senza precedenti che assegna al nostro Paese ben 209 miliardi di euro per la ripartenza post-pandemica. Roberto Speranza lavora al suo Perché guariremo – Dai giorni più duri a una nuova idea di salute, il libro mai uscito che avrebbe dovuto celebrare la gestione della pandemia operata dal ministro della Salute. Per i giallorossi è un momento trionfale. Purtuttavia, non destinato a durare a lungo. Probabilmente né Conte, né Casalino e né tantomeno Speranza immaginano che in quegli stessi giorni qualcuno lavori alacremente per scrivere i titoli di coda sull’esperienza di governo giallorossa.

Contestualmente, in un bar del capoluogo siciliano tra uno sfincione ed un cannolo alla crema di ricotta si discute di politica. Tra i commensali, anche un importante esponente politico del passato, nato politicamente nella Democrazia Cristiana e poi transitato in vari schieramenti nella prima parte della Seconda Repubblica. Tra l’incredulità generale (la mia in primis), l’ex democristiano delinea un piano politico per il triennio successivo apparentemente fantascientifico per quel preciso momento storico, che tuttavia, col senno del poi, si sarebbe invece rivelato profetico. Nel dettaglio, il piano in questione prevedeva:

1. defenestrare Giuseppe Conte e portare a Palazzo Chigi Mario Draghi (che da qualche mese aveva concluso la sua esperienza alla guida della Bce) per spendere le risorse del Recovery fund;

2. lasciare ben saldo al Quirinale Sergio Mattarella anche dopo il 2022 e comunque almeno fino al 2024;

3. approvare una legge elettorale proporzionale e costituire una federazione centrista con vista elezioni politiche 2023.