in

Paraculi. Il bluff dei vitalizi e dei costi dipendenti Camera

Il bilancio della Camera dei deputati per l’anno prossimo aumenterà. Di quanto? Secondo Il Messaggero di 19 milioni di euro.

Samsung Galaxy Watch

Non è finita. I vitalizi. Poiché non sono sicuri che il taglio regga davanti ai ricorsi alla Corte Costituzionale, le somme eccedenti non saranno date indietro al ministero del Tesoro. Nel video, seppur in maniera semplice, spiego meglio la procedura.

Last but not least. Che cosa hanno fatto questi paraculi della Camera dei Deputati? Ricordate il tetto di 240.000 mila euro di stipendi pubblici che aveva messo Matteo Renzi? Anche qui guardate il video per vedere che fine faranno i risparmi…

  • 2.2K
    Condivisioni

26 Commenti

Scrivi un commento
  1. Scusa Porro, ma è lei che dice quel cazzo che gli pare!
    Perché tutto ciò, riferito agli aumenti, è la conseguenza dei precedenti governi.
    Mentre i tagli, di questo governo, semmai verranno contestati presso la Corte Costituzionale, dagli ex deputati sempre dei precedenti governi. Quindi come farebbe lei se ha di fronte gente senza scrupoli che se ne frega di una riforma alla quale dovrebbe solo chinare il capo riconoscendola giusta, nel rispetto di tanta gente che campa con 500 euro al mese, invece di ricorrere ed opporsi!?

  2. Ma forse la differenza, che non è poca, sta nel fatto che prima con soli 3170 euro il consigliere avrebbe preso un vitalizio (a vita) completando un solo mandato a totale spesa della collettività e senza proporzionalità tra il versato ed il percepito. Mentre ora non più anche se una parte dei contributi previdenziali sono versati dalla Regione.

  3. Mi fai tenerezza. Continua a difendere i tuoi padroni che stavano portando l’Italia verso il baratro. #senzanima

  4. Congratulazioni! Ora le svelo che c’è di peggio per i contribuenti prendo la Regione Lazio ad esempio per cui nel 2012 anno della trasformazione da vitalizio in pensione succedeva questo: coi vitalizi il consigliere regionale versava il 27% della sua retribuzione lorda pari a € 3.170 al mese e la Regione non versava nulla. Con la trasformazione in pensione da quell’anno il consigliere regionale versa € 900, il 8,33%, e la Regione € 2.400, il 24,66%, non c’è che dire un bell’affare per i contribuenti.

  5. La cosa più buffa, se non fosse tragica per i contribuenti, è che da anni la “questione vitalizi ” costa molto di più di prima e nessuno ne ha mai parlato. Prendo ad esempio la Regione Lazio che, fino al 2102 anno della scomparsa dei vitalizi trasformati in pensione, aveva da sempre a tal riguardo questa legge: il parlamentare regionale versava da solo, e senza oneri per la Regione, il 27% dei suoi emolumenti pari: a € 3.170 al mese la Regione: Zero. Dall’anno in questione il consigliere regionale versa l’8,33% pari a € 900 e la Regione Lazio il 24,66% pari a € 2.200. Pura follia sulle spalle dei contribuenti.

    • Ma forse la differenza, che non è poca, sta nel fatto che prima con soli 3170 euro il consigliere avrebbe preso un vitalizio (a vita) completando un solo mandato a totale spesa della collettività e senza proporzionalità tra il versato ed il percepito. Mentre ora non più anche se una parte dei contributi previdenziali sono versati dalla Regione.

  6. Grazie ai 5 stelle sappiamo un po’ di più sulla politica che ha vissuto sulla ignoranza degli italiani. I privilegi sono iniziati dal dopoguerra. Mi chiedo ma Berlinguer di quale questione morale parlava? E di seguito tutti gli altri. L’unico che aveva capito tutto era stato Craxi che piuttosto che affrontare quella mafia scappò!

  7. non mi pare che l’abbattimento del tetto dei 240.000 euro sia opera di questo governo… anche perché pare sia stato deliberato nel 2017, col governo Gentiloni ancora in carica.
    In attesa della chiusura dei ricorsi costituzionali è cosa saggia non incassare ancora nel bilancio stato le somme dei vitalizi, altrimenti poi far riuscire un eventuale euro in favore dei ricorrenti costerebbe sicuramente di più. Ovviamente i risparmi per vitalizi, pensioni, assicurazioni o altro si vedranno dal momento in cui tutte le nuove disposizioni saranno in vigore e si faranno i primi rendiconti. Adesso si sta pagando e rendicontando tutto quello che è stato fino ad ora, non solo da marzo in poi! Paraculi mi sembrano quelli che scrivono le notizie a metà!!!

      • Nicola Porro, hai perfettamente ragione, i veri paraculi sono quelli che fanno finta di non capire, per non ammettere che il cambiamento che gli avevano promesso era una delle tante bufale, sparate durante gli ultimi 5 anni dai maestri dell’Onestà !!!! ti seguo per la tua imparzialità, continua così !!

  8. Spero di avere da lei informazioni corrette … ho deciso di seguirla cosi’ come seguo Calenda ! La scelta insolita e’ indicativa di questa stagione politica nella quale non mi ritrovo !
    Ps : sempre votato a sinistra ( centro sinistra!)

  9. Lestofanti della politica ma… la colpa non e’ loro. La colpa e’ di tutti quei boccaloni che hanno abboccato e continuano ad abboccare le cagate che continuano a promettere. Ieri Di Maio ha detto in merito ai disaccordi sulla nomina del Presidente RAI queste testuali parole…”Io e Salvini troveremo sicuramente un accordo perché NOI ci intendiamo al volo” Non avevamo dubbi, gli xenofobi razzisti si comprendono fra di loro.

  10. per come la vedo siete una cricca di sinistronzi,l’unica soluzione è Giorgia Meloni,sicuramente non ci prendera’ per il c…o, quando gli Italiani si sveglieranno????????????

    • …gli italiani già si sono svegliati. Anche e molto prima del 4 marzo.. il paraculo è questo che parla che addossa le storture della Corte Costituzionale al nobile intento di trattare tutti allo stesso modo!

      • La corte costituzionale è quella che fa rispettare “la costituzione più bella del mondo” che così chiamavate quando renzi la voleva modificare, ora che non fa più comodo, farla rispettare è una stortura… Che brutta cosa la fede cieca…

  11. qUESTO MI RICORDA LA PROMESSADEL DEFUNTO CHAVEZ DEL VENEZUELA DI RIDURRE I MINISTRE VOLEVA RIDURLI A SETTE, OGGI DOPO 16 ANNI DI REGIME CHAVISTA NE ABBIAMO UNA TREBTINA, IN ITALIANO SI DIREBBE PER OGNI PISCIATA DI GATTO. APROPOSITO DELLA ALTRA MINCHIATW DEL N5S CHE É IL DIRITTO DI CITTADINANZA, FU LA FILOSOFIA DI CHAVEZ E SEGUITORE CHE HA PORTATO IL VENEZUELA ALLA BANCAROTTA DI UNA INFLAZIONE DEL NILIONE, DICO E RIPOTE MILIONE, PER CENTO ANNUALE..

  12. E COSA DIRE DI QUANTO COSTA L’ASSSTENZA SANITARIA INTEGRATIVA DEI DEPUTATI? SI TRATTA DI COSTI PER CURE CHE NON VENGONO EROGATE DAL SISTEMA SANITARIO NAZIONALE MA DA UNA ASSISTENZA PRIVATA FINANZIATA DA MONTECITORIO. LA CAMERA INOLTRE ASSICURA UN RIMBORSO SANITARIO PRIVATO NON SOLO AI 630 ONOREVOLI MA ANCHE A 1109 LORO FAMILIARI COMPRESI I CONVIVENTI MORE UXORIO.
    ALTRO CHE LEGA E GRILLINI. E’ PROPRIO UNA SCHIFEZZA.
    NEL 2010 DEPUTATI E PARENTI VARI HANNO SPESO COMPLESSIVAMENTE 10 MILIONI E 117MILA EURO.

  13. Ma se gli aumenti non fossero concessi, che cosa accadrebbe? I dipendenti se ne starebbero a casa? Benissimo: si riveda tutto e…avanti un altro!
    La paura è un’altra, però: che, dopo tutti i fatti e i contraffatti ai quali i commessi hanno assistito fino ad oggi, complici furbacchioni, altro che l’autocisterna scoppiata sulla A4, salterebbe per aria l’intera Repubblica Italiana.
    E, si sa, chi è a capo dell’azienda non licenzierà mai la segretaria sua amante…

  14. Il tacchino non si mette in forno da solo!I dipendenti(FUNZIONARI) della camera sono la continuità burocratica che consente anche a degli ignoranti politici neo eletti permette di potere legiferare pena il blocco della camera. Ergo avendo il predetto potere “ricattatorio” , coniugato con la conoscenza dei pseudo scheletri di tutte le forze politiche ,non solo non si mettono al forno da soli ma non consentiranno mai a chi che sia di farsi mettere al forno.

  15. Cambiano i suonatori ma la musica e la stessa…..”Chi cambia la strada vecchia per la nuova, sa quel che lascia ma quel che trova….Insomma più li mandi giù e più vengono su…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *