in

Perché è ora della pace fiscale - Seconda parte

Dimensioni testo

4. Il crollo dell’economia questa volta non è nato da una crisi dei mercati, ma da una decisione dei governi. Peraltro l’Italia ha chiuso prima e più degli altri. Insomma è il governo, in virtù della dichiarata emergenza, che ha creato la crisi. Non si capisce come possa oggi essere intransigente per una situazione che, obtorto collo direbbe qualcuno, ha esso stesso cagionato.

5. C’è infine un ultimo punto, forse il più importante. Tutti hanno paragonato questa pandemia ad una guerra. Non vi è guerra che si risolva senza un’indulgenza. Keynes, che tanti a parole apprezzano e pochi conoscono, nel 1919 scrisse: «Se noi miriamo deliberatamente all’impoverimento dell’Europa centrale, la vendetta, oso predire, non tarderà». Se impoveriamo ancora di più autonomi e pmi, per gli affari di tutti noi le cose finiranno male.

Nicola Porro, Il Giornale 9 settembre 2021

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Utnapishtim
Utnapishtim
10 Settembre 2021 15:46

Nicola Porro, cerchiamo di fare chiarezza. Se si tratta di “rottamare” cartelle esattoriali dichiaratamente inesigibili, è un conto. E mi pare saggio farlo. Se si tratta di varare un nuovo condono, sono molto contrario. Lo spazio concesso per il post non consente di motivare adeguatamente la mia posizione contro un nuovo condono, dico solo che certificherebbe ancora una volta il fallimento dell’Amministrazione Finanziaria nel fare il suo lavoro.

giorgiop
giorgiop
10 Settembre 2021 10:59

Postato dal bravo Nicola Porro alle ore 18.44 di ieri….alle 11.00 di oggi ancora nessun commento.
Argomento che non parla di vaccini ? No post, no interesse, no dialogo.
Epperforza…si parla di economia, di tasse, di pmi ed autonomi.
Non c’è internet ad offrire duemila link di cavolate da postare come per i vaccini.
Complimenti.