in

Quanto ci costa la Russia fuori dallo Swift

L’esclusione da tutte le transazioni da e per la Russia effettuate attraverso il solido e consolidato sistema Swift creerà vantaggi per la Cina

Dimensioni testo

Si va verso una esclusione della Russia delle transazioni Swift: il sig. presidente del Consiglio Mario Draghi ha poche ore fa dato il suo assenso e ulteriormente confermato da Dow Jones alle 19 CET. Questo comporterebbe l’esclusione da tutte le transazioni da e per la Russia effettuate attraverso il solido e consolidato sistema Swift (Society for Worldwide Interbank Financial Telecommunication). Non tutti comprendono cosa significhi e i risvolti che comporterebbe il blocco.

Cos’è lo Swift

In primissima analisi questa decisione si tradurrebbe – qualora definitivamente approvata – in una sanzione finanziario commerciale globale e soprattutto non selettiva come le altre. Le ricadute -dirompenti e tali da essere molto complesse da definire con precisione – molto gravi sul sanzionato ma forse anche più serie su chi sanziona. Lo ripetiamo: a differenze della altre misure appena decise e sulle precedenti, quella del Ban Swift non è selettiva ma totale ed in quanto tale coinvolgerebbe tutte le economie mondiali (i paesi aderenti sono 246) e i diversi settori con effetti gravissimi per la Russia ma forse ancor più rilevanti per tutte le altre nazioni e per l’ “economia” in senso esteso, laddove si intende la possibilità di una  minore crescita a livello mondiale. Minor crescita molto più significativa ove le singole nazioni e settori siano più fortemente legati commercialmente alla Russia, tanto come importazione che come esportazione.

Un primo esempio pratico: nella giornata di ieri Phillip Lane – il bravissimo capo economista della Bce ed ex banchiere centrale della Irlanda – ha presentato nel suo scenario peggiore una diminuzione del Pil europeo del circa 1%, laddove la componente crisi Ucraina-Russia rappresenterebbe un 0.3-0.4%. E questo scenario non teneva conto – riteniamo – di una decisione così grave come lo Swift Ban. La stragrande maggioranza delle transazioni mondiali sono regolate attraverso il sistema Swift. Il sistema è solido, funziona perfettamente e riguarda ogni tipo di strumento finanziario ed anche i semplici trasferimenti e pagamenti bancari internazionali ovviamente non regolati da altri sistemi paralleli. In via generale se vuoi trasferire denaro o effettuare un pagamento devi usare Swift.

Danni non solo per la Russia

Un Ban della Russia dal sistema avrebbe come semplicissimo risultato la immediata interruzione da e verso la Russia di ogni transazione. Già da qui si incomincia a capire che i danni non sarebbero solo per la Russia – incapacitata nel ricevere e effettuare i pagamenti per le merci e beni che vende o compra – ma anche e soprattutto per quelle nazioni ed economie che di tali beni sono venditrici o compratrici o – nel caso del sistema bancario – creditrici di flussi costanti di somme che non possono essere altrimenti compensate. Ovviamente questo non avrebbe effetti sui sistemi di pagamento interni alla Russia e soprattutto non ne avrebbe per quanto riguarda le transazioni con la Cina dove esiste un sistema di pagamento alternativo.