in

Quarta Repubblica, l’editoriale della puntata d’esordio

Dimensioni testo

Quarta Repubblica, l'editoriale della prima puntata

Quarta Repubblica? Qualcosa inevitabilmente cambierà nelle settimane che seguiranno (come è normale che sia) nella speranza di correggere imperfezioni e punti deboli. Una cosa però ci è chiara: non avremo pregiudizi, cercheremo di capire. Senza sconti per nessuno.

Il mio editoriale nella puntata inaugurale di lunedì 18 settembre 2018.

 

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
35 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Daniele
Daniele
15 Settembre 2020 14:56

Finchè ci sarà gene gnocchi, non guarderò più la trasmissione.
Essere indefinibile

Giuseppe
Giuseppe
28 Luglio 2020 0:18

Non sapendo dove scrivere scrivo qui perché portare nella trasmissione politici corrotti e ladri mi fa vomitare pensando che anche io sono italiano Nicola porro giornalista dei miei cogl……. si deve avere il coraggio di fare qualcosa contro i nostri politici di ***** e non fare audience e pensare sempre per se.

Basilio
Basilio
28 Aprile 2020 0:32

Buonasera sig. Porro ma perché con i stipendi dei 480 tecnici assunti dallo stato non li davano a artigiani come me che ancora oggi 27/04/2020 non è arrivato il bonus di 600€ con Dur regolare serviva Colaio a dire che massimo 15 persone ai funerali e se si esce stare distanziati e mascherine ragazzi bisogna scendere in strada con i forconi altrimenti ci vendono a tutti e noi siamo costretti a lemosinare per strada alziamo la testa e non gli facciamo prendere l’Italia a questi politici di mer…. sono stanco altrimenti andiamo via e poi non bisogna pagare di nulla tutti poi vediamo cosa fanno
Saluti
Basilio P
Roma

Luigi
Luigi
4 Marzo 2020 15:00

Buongiorno Nicola, ho seguito la trasmissione di lunedì ed ho visto che hai invitato nuovamente Sgarbi. A tale proposito debbo segnalarti che ho letto la lettera inviata dallo stesso a Il Giornale, ove spiegava il significato di “raccomandazione”, mal interpretata (o giustamente interpretata) dalla D’Urso. La lettera è vomitevole ed evidenzia chiaramente che Sgarbi non vuol perdere il cachet che egli percepisce con la partecipazione come opinionista. Non a caso tu hai parlato di raccomandazione durante il primo collegamento e penso che in pochi abbiano capito il senso del tuo intervento, senza aver letto la miserevole lettera inviata al quotidiano di cui sei vicedirettore. Ho anche intuito che da parte di Mediaset avevi avuto il veto ad invitarlo. Circa l’intervento di Tremonti mi trova d’accordo, ma ha sbagliato a dire che le “clausole di salvaguardia” siano opera di Monti. Quella è una lettera inviata nel luglio 2011 dal Governo Berlusconi alla UE a garanzia della solvibilità italiana. Questo ha dato spazio ad Alessia Morani (che non capisce una mazza di economia) per fargli fare la figura del bugiardo. Spero di non tediarti con i miei interventi, ma è difficile trovare un conduttore che è esperto in economia e quindi può controbattere direttamente le castronerie dette da buona parte dei politici in merito alla materia. Concludo con una mia utopia personale!… Leggi il resto »

Sergio davide
Sergio davide
1 Marzo 2020 19:43

Abbiamo un virus Vip esce dopo le 18 non si siede ai tavoli si trastulla al banco. Mettiamigli ovviamente per decreto di non rec

Sergio davide
Sergio davide
1 Marzo 2020 19:36

Svuotiamo gli oepedali del Nord e rendiamo tutti gli ammalati non residenti nelle regioni. Basta mantenere la Sicilia e gli ischitani

WALTER
WALTER
24 Febbraio 2020 22:18

Buona sera, ho visto il filmato appena trasmesso in TV ,dove si espone la diramazione del Coronavirus nei vari paesi: c’è un imperfezione; il paziente 1 non era andato a Madignano, ma ha giocato a calcio a Sabbioni di Crema – “si è volutamente omesso per lasciar fuori Crema ,che ha il sindaco del PD”?

giuseppe pucci
giuseppe pucci
24 Dicembre 2019 15:11

Salve sono un tabaccaio di Viareggio , scrivo perché sono stanco di promesse vane e futuri rosei che le grandi ditte ci promettono per poi guadagnare su di noi e prendersene poi i meriti. Nello specifico vorrei sottoporvi il caso di SISAL e LOTTOMATICA, le due ditte sono concessionarie dello Stato per Giochi numerici e gratta e vinnci. Hanno entrambe avuto mandato dallo Stato nel raccogliere il gettito usando tecnologie e apparecchiature di loro proprietà ma nessuno dice che tutte e due hanno messo una grossa gabella au ricevitori circa 2000,00 l’anno. Avendo SISASL circa 30.000 punti vendita fa 60.000.000,00 l’anno, LOTTOMATICA circa 50.000 fa 100.000.000,00 l’anno, e di questa possibilità non si parla nei contratti di appalto. Sisal peraltro ha perso, in primo e secondo grado, una causa in MILANO contro i canoni che aveva nell’appalto dei 9 anni precedenti questo, ma attraverso i servizi al ricevitore li ha rimessi. Qui vi inviterei a leggere questi contratti dentro i quali non vi è nulla che ne giustifichi il costo (salvo per SISAL la fidejussione pari a circa 500,00) Cosi facendo andiamo ad ingrassare le già grosse ditte che hanno capitali all’estero e, con la complicità dello STATO diamo in mano a qualcuno la possibilità di arricchirsi in modo non leale e (secondo me) giusto. Inoltre se con questa gabella molti rivenditori… Leggi il resto »