Risparmi a rischio, il pericolo delle banche tedesche

Fondo Salva Stati, Assicurazione europea sui depositi, tassi negativi, commissioni aggiuntive sui conti correnti. Si parla tanto di tali argomenti in questi giorni. Ci sono scontri parlamentari, ce ne sono a livello di Comunità Europea. In realtà tutti dicono la loro, ma è dei nostri soldi che stanno parlando, dei nostri risparmi. E le normative europee rischiano di avere ancora un impatto difficile proprio sui nostri risparmi. Ricordate il Bail-In? Entrato in vigore nel 2016 era stato votato anche dai parlamentari italiani, che probabilmente non si erano resi conto davvero di cosa comportasse.

Quanto è stata contestata successivamente quella norma che impone ad azionisti, a obbligazionisti ed eventualmente ai correntisti di rispondere in solido al fallimento della banca a cui hanno dato fiducia? Ebbene quella legge è ancora in vigore. Non dimenticatelo. E tra poco ne riparleremo molto dettagliatamente, nella speranza che situazioni come quella di Banca Marche, Banca Popolare dell’Etruria, Cassa di Risparmio di Chieti, Cassa di Risparmio di Ferrara, Popolare di Vicenza e Veneto banca, non si ripetano ancora. E non dimentichiamo la situazione ancora difficile di Carige e della Popolare di Bari.

Ma torniamo agli impatti delle normative europee sui nostri risparmi. Il Fondo Salva Stati, meglio noto come MES e di cui ci occuperemo meglio in uno dei prossimi articoli, rischia di avere un impatto molto forte sul nostro Paese, soprattutto perché va a rimettere l’accento anche sulla sostenibilità del nostro Debito Pubblico. Di commissioni aggiuntive sui conti correnti, di quello 0,50% di cui si parla tanto in Nord Europa e di cui vorrebbero beneficiare anche alcuni istituti italiani, abbiamo già scritto in altri articoli che trovate qui su questo sito. Vorrei invece tornare oggi a parlare della situazione del sistema bancario, europeo e del nostro paese.

La notizia di questi ultimi giorni, la vera notizia, passata molto in sordina, è stata l’acquisto da parte di Goldman Sachs di 50 miliardi di sofferenze in carico a Deutsche Bank. Il colosso tedesco che rappresenterebbe, secondo molti analisti, anche tedeschi stessi, un potenziale di rischio, tra i più alti nel mondo finanziario, sta cercando di liberarsi di quote importanti di passività. Ma i numeri veri si fa fatica a conoscerli davvero. Da un lato ci sono le sofferenze, e queste sono misurabilissime, dall’altra i derivati che hanno un effetto leva, difficile da quantificare. Ho già scritto in altri articoli di come appaia strano che Scholz, ministro delle finanze della Merkel, inviti proprio in questo momento storico l’Europa ad aprire alla garanzia dell’Unione sui depositi. Quando era l’Italia ad averne bisogno era stato il suo predecessore Schauble a dichiarare di non voler pagare per i guai degli altri. Il riferimento alla situazione bancaria italiana non era mai stato nascosto. Era proprio all’Italia che l’ex ministro faceva riferimento con le sue critiche.

Che ancora una volta vogliano farci pagare a livello comunitario i loro guai interni? Del resto grazie all’Euro la Germania ha avuto dei benefici straordinari nella corsa alla riunificazione interna dopo la caduta del muro di Berlino. La storia si ripete? Ma la storia si ripete se le persone non imparano dagli sbagli del passato e agiscono sul futuro. C’è dell’altro. Ed è un problema bancario più legato al nostro Paese. Milano Finanza, all’inizio della settimana ha pubblicato un articolo, che non mi sembra sia stato mai smentito da nessuno e che, stranamente non è stato ripreso, almeno che mi risulti, da altre testate. In tale articolo Francesco Ninfole, ha evidenziato con dovizia di numeri e particolari, come, rispetto agli ultimi Stress Test effettuati da Banca d’Italia siano emerse importanti criticità per dieci piccole banche italiane. Per sei di queste addirittura i parametri di solidità scenderebbero, in caso di stress finanziario, sotto il 4,5% di Cet1. Nell’articolo si dice anche che Banca d’Italia non ha fornito i nomi delle dieci piccole banche.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Condividi questo articolo

4 Commenti

Scrivi un commento
  1. Il problema vero sta nel fatto che l’economia è fatta dalle imprese non dalle mercato finanziario. Le banche hanno fatto soldi facili con carta da bagno titoli senza garanzia d’impresa, dimenticando che sono nate per gli investimenti non per il mercato, con la conseguenza che adesso piangono per le sofferenze bancarie. Ma chi può pagare se l’economia è fatta di carta e no di industria piani industriali risanamento investimenti collocamento del risparmio in attività produttive in una parola solo crescita economica. Piangiamo la despecializzazione bancaria e tutte le balle create dalle riforme bancarie dal 1981 ad oggi. Mi scusi per l’intervento

  2. Speriamo che Conte l’abbia imparata. Non sono CURIOSO di sentire le ulteriori BESTEMMIE che giornalmente ci ammansiscono PD e 5 STELLE.
    Capre come Librandi ( PD) e tulipani come il viceministro alle Finanze – quello che sembra un grillo parlante – e il migliore di Tutti : ZINGARETTI:
    testuale ” BISOGNA GUARDARE AVANTI . . . . ” ( perchè se ti guardi indietro non smetti di contare tutte le volte che ti hanno infilzato.. . . . )
    Vogliamo lasciare indenne il Guarda sigilli – attuale Bonafede- che inneggia alla trasparenza quando è il primo a coprire le magagne del proprio dicastero – la giustizia –
    ( sulle orme di Andrea Orlando – governo Renzi ) proteggendo Giudici del Civile e
    chiede a gran voce il rispetto INDISCUSSO per dei SACCENTI INCAPACI – sicuramente CORROTTI (quando regalano qualche centinaio di mila euro a Bancarottieri conclamati,
    tutto all’insegna ” ZITTI ZITTI . . . che non si sappia in giro .. . . ” !

  3. Tutto vero, ma solo il ministro dell’agricoltura Marcora si fece sentire in Europa “da Italiano, senza mettersi a 90° ( dimenticato perché democristiano). Tutti gli altri italiani ( forse con un paio di eccezioni che non ricordo) parlamentari europei e ministri nei vari congressi collegiali della UE si sono sempre
    “appecoronati” alla Germania e Francia. Ora è troppo tardi per , non dico di alzare la voce, ma almeno di farsi sentire. Anche Conte ha imparato la lezione.

  4. In questo fondo ci sono soldi di tutti contribuenti in Italia. Una grande parte di questi soldi sono di contribuenti che sanno gestire bene le proprie finanze.
    Serve dare questi soldi buoni per salvare l’imprese malate di cancro in stadio di metastasi?
    La Chemioterapia è qualcosa diversa che dare zucchero al malato. Serve essere attenti agli effetti collaterali.

One Ping

  1. Pingback:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *