in

Risparmi italiani a rischio? Cosa c’è dietro la preoccupazione di Mattarella

Dimensioni testo

Nei giorni scorsi il presidente della Repubblica Sergio Mattarella è tornato a mettere l’accento sulla tutela del risparmio. Il Capo dello Stato ha affermato che bisogna tenere i conti del Paese a posto per far crescere l’economia e tutelare la ricchezza privata. La sottolineatura di Mattarella suona come una sorta di “mettiamo le mani avanti”, prima che, con le possibili tensioni autunnali tra Italia ed Europa sui conti del nostro Paese, non si torni ad una situazione tale in cui spread, mercati finanziari e proprio i risparmi tornino a finire nuovamente sotto pressione.

Ma quando parla di pericolo per la ricchezza privata a cosa si riferisce davvero il Presidente?

Mattarella pensa e si preoccupa delle possibili accelerazioni di volatilità sui mercati o si preoccupa di qualcos’altro, magari di un possibile prelievo forzoso (leggi patrimoniale) che vada ad appesantire le tasche dello Stato alleggerendo quelle dei cittadini italiani?

Del resto, debito pubblico da una parte e ricchezza privata dall’altra continuano inesorabilmente nel loro ritmo di crescita: il primo arrivando alla somma straordinaria di 2373mld, la seconda continuando a registrare accantonamenti soprattutto in liquidità, così come riportato dall’Abi Monthly Outlook, aggiornato al dato di giugno, che evidenzia come: “…i depositi sono aumentati, a maggio 2019, di circa 55 miliardi di euro rispetto a un anno prima.…”.

Insomma, se da un lato lo Stato continua a a far aumentare il suo debito, dall’altro gli italiani continuano a fare le formiche e a creare una sorta di garanzia privata eventualmente “spendibile” a favore del Paese. Proprio Moody’s, una delle più importanti agenzie di rating internazionali, nello scorso autunno aveva in qualche modo assicurato sulla tenuta dei conti italiani dichiarando e scrivendo che: “Le famiglie italiane hanno un alto livello di ricchezza che rappresenta un’importante cuscinetto contro gli shock futuri e potrebbe rappresentare anche una fonte potenziale di finanziamento per il governo”.

Sulla scia di Moody’s nei mesi scorsi sono stati in molti a chiedere all’Italia di riequilibrare ricchezza privata e debito pubblico. Prima il fondo monetario internazionale, quindi l’OCSE stessa. Comunque sia, basterebbe leggere i report del Fondo Monetario Internazionale che parlano dell’Italia con dovizia elevatissima di particolari, per comprendere quanto il nostro Paese, sia considerato un malato in osservazione, un malato, però in grado di rigenerare se stesso grazie alle grande ricchezza privata.