in

Salvini, il mitra e le mummie benpensanti in odor di molotov

Dimensioni testo

Ha fatto grande scalpore, sotto Pasqua, la foto di Salvini con il mitra postata dal suo consigliere per la comunicazione Luca Morisi. Subito si sono sollevati le reazioni indignate, soprattutto a sinistra. Non poteva mancare, chiaramente quella di Roberto Saviano, che un giorno sì e l’altro pure attacca il ministro degli Interni e invoca i porti aperti: “Questa di Morisi, oltre a essere una grave minaccia alla nostra Democrazia, è istigazione a delinquere, reato procedibile d’ufficio”, scrive Saviano. “Ognuno di noi può denunciare questo atto. Vi invito a farlo”.

Vale la pena leggere Pietrangelo Buttafuoco nella sua rubrica sul Quotidiano del sud:

“Mummie benpensanti dalle dita ancora bruciacchiate da antiche molotov si stracciano le vesti per Luca Morisi. Il famoso guru social di Matteo Salvini è reo d’inappropriato post: la foto del suo ministro armato di tutto punto, un mitra nientemeno, come neppure il più duro tra i duri a Marsiglia. Con una chiave inglese in pugno, non avrebbero avuto da eccepire. È l’arma con cui nel 1975 è ucciso a Milano Sergio Ramelli – 17 anni – quello stesso cui le suddette mummie, per interposto prefetto, hanno negato la cerimonia in ricordo. Ucciso da dita bruciacchiate da molotov.”

E Salvini? “Sono polemiche fondate sul nulla”, ha tagliato corto. “Quelli hanno polemizzato anche sui peluche…”