in

Spuntano i negazionisti della protesta - Seconda parte

Dimensioni testo

E nemmeno i Satolli che ridacchiano sotto i baffi, compiaciuti di trovarsi nel mirino di una telecamera ad impiccarsi da soli, ne usciranno salvi, non avranno più nessuno da tutelare. Nemmeno loro stessi. I buoni pasto non li prenderà più nessuno. Incredibile e agghiacciante è l’astrazione al potere, l’incomprensione degli eventi, la perdita di ogni senso di realtà, la rimozione di quanto si prepara e velocemente si prepara. A meno che non sia un copione preciso, da rispettare alla lettera, un copione cinese.

Comunque sia, non è più tempo di perdere tempo, di trastullarsi con la pornografia ludica e gossippara, con l’egocentrismo osceno. Fuochi si levano ovunque, ne spegni uno a Milano ne appiccano un altro a Roma, a Napoli, a Palermo. Odore del Napalm di notte e presto anche di mattina. Odore di perdita di sicurezza e di libertà, di democrazia. E una sensazione di tutto sospeso, precario, di totale incertezza su quello che verrà, ignoto ma spaventoso. Se hai l’età giusta, certi fantasmi li riconosci dal primo frusciare. Brutto, bruttissimo momento.

Max Del Papa, 28 ottobre 2020

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
27 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Emanuele
29 Ottobre 2020 12:09

Mentre ascoltavo Satolli durante la diretta passavo da risate sguaiate a rabbia profonda.

adl
adl
29 Ottobre 2020 11:33

Satolli, omen nomen è il personaggio che ci mancava per meglio definire anche in senso “cognonimo”, il perimetro della debacle italiana. Valanghe di Trplico strapagati tra Roma e Bruxelles, alcuni di questi sedicenti bellacciao, la Triplice sindacale in Italia, lo spudorato mega investimento in Smart Fun Katzing pubblico a carico di Pantalone, in contemporanea con l’evidente collasso della Sanità, i Rutte ueiani ed i loro paradisi fiscali, a cui bellacciao ossequiosi ed a stipendio triplice, chiedono l’elemosina a debito di Mes e dei Fondi Ricoveri, gli utili iperbolici dei giganti del Web in periodo di Covid, molti autonomi affamati e la progressività dell’imposta mista a redditometri spesometri e puttanometri per chi chiude le saracinesche è ridotto alla fame e non ha diritto ai buoni pasto per i satolli.
Se il Covid è opera di Belzebù, non si può dire che gli manchi il senso dello humor (nero) ed il sarcasmo realistico di chi si diverte a smascherare gigantesche bugie istituzionali. Quando mai gli evasori scendono in piazza a protestare ???

Laval
Laval
29 Ottobre 2020 9:04

Rinaldo Satolli è il coordinatore Generale FLP BAC, il nuovo sindacato dei dipendenti pubblici nato nel 1999 con 10 comparti singolarmente rappresentati.
Nel 2014 Brunetta ha ridotto i comparti riducendoli da 10 agli attuali 5, ma come si sa per le zucche vuote occorre trovare un impiego e la F.L.P. ha dato vita ad una ulteriore confederazione, denominata C.G.S. (confederazione generale sindacale).
Dalle zucche vuote di sinistra riempite con slogan e frasi fatte ecco la grande soluzione al pubblico impiego di cui tutti conosciamo gli scandali.
La grande soluzione per migliorare i tentativi del non fare nulla a parte il votare, durante lo Smart working i BUONI PASTO STATALI.

fabio d'alessandro
fabio d'alessandro
28 Ottobre 2020 21:10

Satolli è la versione sindacalista e antipatica di Librandi

Fabio Bertoncelli
Fabio Bertoncelli
28 Ottobre 2020 20:58

Dobbiamo proprio occuparci di questo Satolli? Dobbiamo proprio portare in televisione questo Satolli? Dobbiamo proprio regalargli visibilità?

Carlo
Carlo
28 Ottobre 2020 20:37

Io non mi fermerei agli anni 70. Io andrei un pò piu indietro nel tempo e precisamente alla fine della prima guerra mondiale. Le condizioni ci sono tutte: gente che si arricchisce e gente che viene ridotta alla fame, gente che ha il ristorino o che va alla caritas per mangiare, gente che non avrà più un futuro. Al momento manca solo un capo, un soggetto forte, carismatico, capace di coalizzare la miseria e la democrazia, come quella che conosciamo, finirà.

wisteria
wisteria
28 Ottobre 2020 19:02

L’Infiltrazione di facinorosi nei cortei porta acqua al mulino governativo e mette nell’angolo l’opposizione dei moderati.
Che fare? O si smette di protestare o si va in piazza (se non ora quando?) pronti e disposti a picchiare certi compagni di strada.

Maurizia piva
Maurizia piva
28 Ottobre 2020 18:23

E Cottarelli,che è una persona intelligente,rideva.Peccato,non ho visto la risposta.Questo figuro è imbarazzante