in

Esclusivo: strage della funivia, fanno fuori il Gip garantista

Dimensioni testo

Vi ricordate la querelle giudiziaria seguita alla strage del Mottarone? Il pm aveva arrestato tre persone, di cui una aveva confessato di aver manomesso il sistema frenante. Pochi giorni dopo un Gip, coraggioso, mette il reo confesso agli arresti domiciliari e fa scarcerare gli altri due. Il motivo era semplice e banale. Non c’era rischio di fuga. È la base del nostro diritto: in carcere si va preventivamente per gravi motivi stabiliti dalla legge e non dall’opinione pubblica. Comprensibilmente scossa dalla strage.

Ebbene stamattina il presidente del Tribunale di Verbania ha esonerato la Gip che si era opposta alle carcerazioni della Procura. Quante volte avete sentito che ad un giudice si toglie un fascicolo specifico e per di più così importante? E che giudice, la signora è anche presidente della sezione penale del medesimo tribunale. E senza mai un’ombra sul suo operato.

O meglio un problema evidentemente Donatella Banci, la gip di cui stiamo parlando, ce l’ha: è una garantista. Legge le carte, non ascolta i giornali, non segue la piazza. Minacciata di morte per la sua decisione impopolare, ora viene ferita da questa scudisciata in casa. Le hanno tolto il fascicolo, riassegnandolo proprio a quel giudice (a Verbania, la sezione penale, ne ha sei), che la stessa Banci dal primo febbraio aveva esonerato per i suoi  ritardi, ritenuti cronici, nella redazione delle sentenze (anche due anni).

Nicola Porro, 7 giugno 2021

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
72 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Fabio Bertoncelli
Fabio Bertoncelli
9 Giugno 2021 12:33

Caro Orbiter, ci fu un tempo, passato alla storia come Mani Pulite, in cui i magistrati indagarono tutti i partiti. Tutti, tranne il MSI, che, ostracizzato dall’Arco Costituzionale, non aveva alcuna possibilità di delinquere, neppure volendo.
Tutti furono indagati, compreso il Partito Comunista Italiano.
Tutti, dopo le indagini, furono massacrati e poi dovettero sciogliersi. Tutti, tranne il PCI: un partito che per decenni e decenni incassò enormi fondi in nero dall’URSS, Stato ostile all’Italia.

Tu mi sapresti spiegare ‘sta faccenda? Beninteso, spiegare bene; non con slogan.
Grazie.

Angelo
Angelo
8 Giugno 2021 13:49

Finalmente c’è qualcuno che ci informa correttamente e in modo completo.

Max
Max
8 Giugno 2021 10:26

Ulteriore prova, per chi non lo avesse ben compreso, che ormai è prevalentemente il processo “mediatico” che precede di gran lunga il processo “vero”, condizionandolo il più delle volte.

Davide V8
Davide V8
8 Giugno 2021 2:37

Secondo me continuate a sbagliare.
Appurato che l’uso dei blocchi dei freni era *abituale* (andava avanti da mesi se non da anni – ci sono le prove), nella nostra dimensione spazio temporale una cosa del genere non accade senza la *complicità* di chi comanda e gestisce l’impianto.
Basta con le favole.

Porro prende un altro granchio: il paese è marcio anche perchè i cialtroni la fanno sempre franca.
E sì, ci hanno provato anche stavolta, non dicendo nulla PRIMA che uscissero le foto dei “forchettoni”, ergo ci stavano chiaramente provando.

Questa mania di volerla fare sempre passare liscia a tutti non è “garantismo”, ma tutt’altro.

Maria B.
Maria B.
7 Giugno 2021 23:33

Ponte Morandi oltre 40 morti.
Non mi ricordo che ci siano stati arresti immediati di colpevoli eccellenti.
Inchiesta di Bergamo, nonostante la documentazione acquisita, nessun arresto.
Maxiprocesso di Grattieri frotte di persone in arresto preventivo, prove scarse (leggere Il riformista).
In Italia di esempi con o senza arresti si potrebbe scrivere un’enciclopedia!

Flavio Pantarotto
Flavio Pantarotto
7 Giugno 2021 23:20

Mi colpisce il particolare: “esonerato per i suoi ritardi, ritenuti cronici, nella redazione delle sentenze (anche due anni).” Ovvero, un condannato in primo grado deve attendere “anche due anni” per poter ricorrere in appello? Come le parti civili davanti all’assoluzione di un imputato, per sperare di un secondo grado che renda loro giustizia? Non ne so abbastanza, ma in due anni si scrive “Guerra e Pace” in otto lingue diverse; la “sete di giustizia” della quale parlavamo qualche giorno fa deriva anche da questo. L’impunità aleggia nell’aria.
Ah, i mafiosi al 41bis scarcerati causa Covid, sono rientrati tutti?

WlaZuppa
WlaZuppa
7 Giugno 2021 21:02

Bene, ottima cosa la garanzia per gli imputati, la scarcerazione se non sussistono le ragioni per metterli in prigione e atteso che il pericolo di fuga e la reteirazione del reato non sussistendo… e ho dubbi sull’inquinamento delle prove… ma ci dimentica che in questo caso
… la carcerazione può essere utile ad impedire accordi/versioni da dare ai giudici da parte degli imputati… e credo ci sia anche la questione dei c.c. da bloccare onde evitare di risultare nullatenenti nel caso in cui saranno stabiliti dei risarcimenti alle vittime.
Però dico tutto questo senza nulla sapere di legge.

bruno bonelli
bruno bonelli
7 Giugno 2021 20:11

succede dapertutto che sostituiscono un gip dopo aver scarcerato degli innocenti,ha roma e cosi quasi sempre .magari non fanno notizia come per la funivia.ma in giro esistono i giudici seri e che non anno paura di nessuno,ma vengono fatti fuori lo stesso.