in

Una mascherina è per sempre - Seconda parte

Dimensioni testo

Da piccolo avevo sempre paura di ammalarmi, di infettarmi, gli animali mi facevano schifo, a scuola stavo in banco da solo e non ho mai bevuto a collo o da un bicchiere di qualcuno. Mi fanno tutti schifo. Non ho mai avuto rapporti. Pensavo che eravamo destinati a morire tutti di epidemia e infatti aspetta e aspetta è successo proprio così. Mascherina, e sai cosa ti copri. Mascherina, per il cittadino che non deve chiedere mai. Io la mascherina me la porto a letto. Per me non è cambiato niente, anzi la porto più di prima e in giro se la gente è scema peggio per lei. Tanto a ottobre ci chiudono e ben gli sta. Io sono contento se ci chiudono. Così c’è meno gente in fila per il vaccino. Io ho già prenotato la terza dose. Se dovremo farne sei all’anno a me sta benissimo, mica voglio morire io. Però la mascherina la porterò sempre perché ormai è parte di me. Oh potrò fare come mi pare. Siete voi i negazionisti, mica io. La pandemia è colpa vostra, no della Cina. Basta poco a premunirsi. Dovrebbero fare tutti come me sarebbe un mondo migliore. E poi sai quante varianti ancora debbono trovare. Non ne usciremo mai. Non smetteremo mai di portare la mascherina, e più ve la togliete più ve la rimetteranno. Siete tutti malati e non lo sapete, ha ragione Speranza, io mi fido di Speranza. Io spero in Speranza.

Max Del Papa, 29 giugno 2021