in

Buco nero, tutti Einstein…

Zuppa di Porro: rassegna stampa dell’11 aprile 2019.

00:00 Buco nero, tutti Einstein…

01:50 Berlusconi, Il Fatto s’inventa il giallo del polonio.

02:45 Def, il libro dei sogni. Ma da sempre. Ha sempre raccontato numeri rivelatisi poi non veri.

03:28 Sale la produzione industriale, ma nessuno lo dice…

04:55 Polemiche sulla flat tax.

05:30 Marino assolto, Nordio ci racconta l’assurdità della vicenda, mentre Travaglio fa il giustizialista a corrente alternata.

.08:35 Facebook, l’algoritmo dittatoriale.

09:46 Di Maio arrabbiato per le foto sexy della fidanzata.

10:00 Il Quotidiano Nazionale scopre due grandi investimenti scappati dall’Italia per colpa della buricrazia.

11:15 Tutti contro Netanyahu.

Condividi questo articolo
  • 66
    Shares

21 Commenti

Scrivi un commento
  1. Buonasera,
    scrivo un po’ in ritardo, ma vorrei lasciare un commento di approfondimento sul discorso dell’abitudine di Facebook di bloccare, penalizzare o chiudere unilateralmente dei profili per motivazioni politiche.
    Da quando è stato eletto Trump negli Stati Uniti il fatto che egli abbia usato i social (diversi controllati dal solo Zuckerberg) come contatto primario con i sui elettori è stato visto dai liberal come una cosa scandalosa. Pertanto è stato deciso, contemporaneamente con le minacciose influenze russe, che ciò non dovesse accadere così facilmente, da qui i seguenti algoritmi applicati da Facebook hanno regolarmente chiuso profili conservatori per incitamento all’odio razziale.
    L’ anno scorso è stata fatta un’udienza da parte del Congresso degli Stati Uniti sull’argomento social tra cui Facebook. Zuckerberg è stato interrogato dai deputati americani in merito a diverse politiche aziendali tra cui la gestione dei dati, la privacy e la censura operata bloccando i profili. Oltre a Zuckerberg hanno parlato due influencer americane Diamond&Silk che usavano Facebook come fonte di reddito derivato dalle visualizzazioni dei loro video politici. Queste due esplosive e nerissime signore sono passate dal sostenere politiche democratiche al sostenere molto animatamente Trump, per questo sono si sono trovate il profilo bloccato, ricevendone un danno economico. Il loro profilo è poi stato sbloccato (più tardi di quanto abbia detto al Congresso Zuckerberg) e loro hanno ripreso a fare video, così il caso è andato in sordina.
    Facebook è un servizio smaterializzato, ma l’azienda è statunitense e perciò segue le leggi americane in materia di libertà di parola in un contesto privato. Poichè anche i nostri profili sono al momento sotto questa giurisdizione è interessante riportare un minimo del dibattito accesosi in quel tempo e poi spentosi per mancanza di contenziosi aperti. Secondo alcuni giuristi, ma non è certo, Facebook seguirebbe una sentenza della Corte Suprema Americana (che ha effetto di legge se non viene sovvertita da una sentenza seguente e non è ancora successo) del 1946 Marsh v Alabama. Secondo tale sentenza “la proprietà non significa il dominio assoluto” e che di fronte alla scelta tra la tutela dei diritti dei proprietari e i diritti costituzionali dei cittadini questi ultimi avevano il sopravvento. Nel caso specifico la libertà di parola. Sfortunatamente il dibattito sull’argomento si è spento negli Stati Uniti e Facebook ha piena libertà di decisione sui suoi algoritmi decisamente partigiani.
    Grazie

    • Io mi chiedo cosa aspetti qualche concorrente a fare social che operino in senso uguale ma contrario, conquistandosi i clienti conservatori, che sono di sicuro parecchi.
      Nel frattempo, bisogna boicottare il più possibile tutti questi signori.

  2. Amo il detto “il meglio è nemico del bene”,ma nel caso specifico (la pseudo flat tax applicata ai pochi) non mi pare si possa definirlo un bene. Fatta per pochi e per bandiera insieme ai provvedimenti rovinosi dei 5S,penso che servirà a cancellarla per sempre dall’agenda politica futura. Non sarebbe stato più sensato attingere alle proposte fatte dall’istituto Bruno Leoni,meno spinte ma più realistiche? Inoltre le proposte della Lega sono divisive e creano una distorsione concorrenziale enorme fra inclusi e esclusi.
    Comunque sarà, essersi legati mani e piedi ai prepensionamenti di quota 100 e alla sciagura del Rdc non consentirà la realizzazione della proposta su cui la Lega ha preso i voti,insieme al CDX,non coi 5S. E allora altro che flat tax…….torneremo ad un nuovo Monti.

    • Sarà difficile avere un altro Monti o fornero hanno fatto il loro tempo e i loro disastri. Si spera sempre in futuro di politici (sic) migliori.

  3. Buon giorno Signor Porro,
    seguo, con un certo piacere, la Sua rubrica giornaliera, ma ci liberi dai saluti in diretta a chi si collega in diretta… ma che ce ne frega !
    Lei sostiene il non protagonismo, quando lo fa sistematicamente.
    Grazie

    • Dica la verità, un po’ é invidioso che Porro saluti quelli collegati su Facebook e instagram e non si ricordi di noi commentatori che lo seguiamo in differita ! Perdoni l’insinuazione scherzosa.

  4. Sfortunatamente la notizia sul buco nero è stata resa, da tutta la stampa, in modo decisamente errato, anche perche’ quella in senso stretto e’ un’immagine a falsi colori di una caratteristica ben precisa di un buco nero. Nel tentativo di semplificare, come sempre, la stampa ha preso un certo numero di cantonate mica da ridere….
    Da astrofisico sicuramente preferisco questo tipo di “buco” (ma buco non e’, tecnicamente parlando) rispetto ai buchi di bilancio che questo governo sta combinando…

    • Condivido, non è la foto di un buco nero, ma una ricostruzione algoritmica di segnali a radioonde provenienti dal disco di accrescimento di un buco nero e leggendo l’articolo originale su Astrophysical Journal Letters, pare che già sapevano a priori l’aspetto che doveva avere.

  5. hanno spacciato l’ecografia del cervello di dimaio per quella di un buco nero….in effetti c’è poca differenza.

  6. Ti apprezzo sia come commentatore sia come conduttore. Però da uno liberale come te non mi aspetto che tu cancelli un mio commento, seppur critico. Provo a ripubblicarlo per la quinta volta (!!)… ripeto, sei un liberale non un comunista che vuole il pensiero unico. E non desisto proprio perché sono un liberista. Non desisto per una questione di principio.

    Nicola, posso capire che tu attualmente abbia preferenze per la lega e che, se ne devi scegliere uno, simpatizzi per Salvini (anche se non ha ancora fatto nulla di veramente liberale, specie in economia. Non sta aiutando le imprese) però basta invitarlo ogni lunedì a quarta repubblica. Ogni volta mi tocca sorbirmi il suo solito monologo/comizio. Mi sto stufando e non solo io. Passa più tempo in tv ( e a quarta Repubblica ) che al Viminale. Ci sono molti altri ospiti caro Porro da invitare. 2 lunedì su 3 c’e Salvini (e 1 volta su 3 con Di Maio).

    Capisco anche la tua necessità di fare share… però basta

    • Salvini va informato, educato, e convinto a scegliersi collaboratori validi in campo economico.
      Cioè molto molto diversi da quelli che ha ora (Borghi, Bagnai, ecc.), che farebbe bene a ripudiare in toto.
      Magari un giorno lo capisce anche lui che bisogna essere liberisti in economia, non comunisti-soft cioè keynesiani.

  7. Io al contrario dei buchisti neri, guardo la foto pubblicata e non so vedere niente che ad una persona normale, possa cambiare la vita a breve e media scadenza. Certo che per gli addetti ai lavori, è un evento straordinario ma per noi…..? Accendo la Tv ed al contrario degli astrofisici, mi compaiono due buchi rossi. Vorrei guardare “Stasera Italia” ed ecco quel buco rosso della Palombelli che mi presenta solo ospiti dai culetti rossi comunisti……! cambio! La7 chi ci sarà? Ecco l’altro buco rosso: “la Gruber” rossa lei ed altrettanto rossi quei culetti dei suoi ospiti. Due buchi rossi; intanto leggo…. mi consolerò dopo con Porro.

  8. Apprezzabile, come sempre del resto. Sarebbe carino però un suo commento su tale Mario Furlan, che su un blog ospitato da “Il Giornale” dà degli “Stronzi” a tutti coloro che criticano Greta, i suoi seguaci, con la solita prosopopea di essere “superiore”, perché si preoccupa e lotta per un mondo migliore.

  9. Buco nero buco nero…il balengo si incanta davanti ad indecifrabile…potrebbe essere opera surreale…sarebbe filo meno banale…scienza scienziati da tempo immemore ci menano per naso…se devi andare di fantasia leggi poeti lascia stare ciarlatani universo…
    https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  10. Ti apprezzo sia come commentatore sia come conduttore. Però da uno liberale come te non mi aspetto che tu cancelli un mio commento, seppur critico. Provo a ripubblicarlo per la quarta volta (!!)… ripeto, sei un liberale non un comunista che vuole il pensiero unico.

    Nicola, posso capire che tu attualmente abbia preferenze per la lega e che, se ne devi scegliere uno, simpatizzi per Salvini (anche se non ha ancora fatto nulla di veramente liberale, specie in economia. Non sta aiutando le imprese) però basta invitarlo ogni lunedì a quarta repubblica. Ogni volta mi tocca sorbirmi il suo solito monologo/comizio. Mi sto stufando e non solo io. Passa più tempo in tv ( e a quarta Repubblica ) che al Viminale. Ci sono molti altri ospiti caro Porro da invitare. 2 lunedì su 3 c’e Salvini (e 1 volta su 3 con Di Maio).

    Capisco anche la tua necessità di fare share… però basta

  11. Grande Porro. Anema e core. A differenza di quei giornalisti sinistri pallosi, noiosi e tristemente negativi e deprimenti che ti fanno venire voglia di cambiare canale in TV o di strappare il giornale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.