Zuppa di Porro: rassegna stampa del 25 ottobre 2019

Il sessismo di Repubblica contro la Meloni

Condividi questo articolo


00:00 La morte di Luca ucciso da due criminali mentre cercava di difendere la fidanzata. Roma città violenta, ma la colpa è di nessuno. Per non parlare del fatto che se l’assassino è italiano si puo’ dire.

04:25 La polemica tra Salvini e Conte sulla morte di Luca Sacchi.

05:22 Ancora manovra e ancora manette per gli evasori.

05:54 Nella zuppa dico e faccio quello che voglio, se voglio criticare Salvini lo faccio!

07:35 I dubbi di Davigo sulle manette agli evasori. E se lo dice lui…

08:30 La “sforbiciatina” alle detrazioni spiegata dal Sole 24 Ore.

09:52  Il procuratore di Arezzo considerato amichetto della Boschi secondo il Csm.

11:17 Minigonne e dress code alle borsiste. Il magistrato Bellomo viene archiviato ma in pochi ne parlano.

12:35 Il ministro Provenzano e il sottosegretario Turco nello stesso governo ma con posizioni diverse sull’Ilva. Trovatevi d’accordo!

13:31 L’articolo sessista di Merlo su Repubblica contro la Meloni. Dove sono gli indignati contro il sessismo?! Tutti zitti come sul caso del Prof. Gervasoni cacciato dalla Luiss.

16:28 Andate in libreria e comprate il mio nuovo libro Le tasse invisibili. Oppure acquistatelo su Amazon.

Se l’assassino è italiano lo si può dire

Il ministro del Giustizialismo


Condividi questo articolo


4 Commenti

Scrivi un commento
  1. Giorgia Meloni è tra le poche figure politiche che non offende mai nessuno, concreta e stabile nelle sue decisioni.
    la sua forza deriva dalla buona fede nel voler aiutare gli italiani pulita da ogni estensione falsa o da compromessi, in altre parole è una donna da imitare e seguire sia come persona che in veste politica.

  2. Buonasera Nicola. Ti stimo tantissimo e condivido sostanzialmente ogni ingrediente della Zuppa. Stasera Ti ho ascoltato da cruciani: super!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *