in

La Germania ci invia i “migranti secondari”

Zuppa di Porro: rassegna stampa del 7 ottobre 2018

Samsung Galaxy Watch

00:00 Manovra, Repubblica (attaccata da Di Maio) parla di beffa fiscale in prima pagina. Ma nell’articolo interno…

03:15 Fubini ossessionato da manovra, governo e mercati: parla dei cds, ma non fa numeri.

04:40 Intervista a Luigi Di Maio: nulla di nuovo. Condono da 11 miliardi per Il Fatto Quotidiano.

05:50 Pensione a 62 anni e divieto cumulo. Ma perché nessuno si ribella?

07:00 La Germania ci (ri)invia i migranti secondari.

08:00 Assurdo. Siete parrucchieri e volete aprire un salone? Ecco quanti adempimenti dovrete fare…

09:25 Il sindaco di Riace a pugno chiuso e De Bortoli sfotte Giuseppe Conte (per Padellaro è lesa maestà).

11:05 Vittorio Feltri sempre contro Mediaset.

11:40 Arriva Tamburini al Sole e Minenna, il cigiellino grillozzo che caccia in presidenti Consob, scrive in prima pagina. Lunga vita al nuovo direttore.

12:40 Declino dell’Onu e nazionalizzazione Alitalia.

  • 147
    Condivisioni

12 Commenti

Scrivi un commento
  1. Quota 100 è una presa in giro; perchè non è affatto quota 100 in quanto per raggiungere il diritto l’unico parametro che vale sono i 38 anni di contributi effettivi ripuliti dagli anni figurativi.
    Seppure raggiungi quota cento es.:età 63 con 37 di contributi oppure età 64 con 36 0 37 anni di contributi ecc.ecc. pure raggiungendo quota 100 non vai in pensione.
    Se non hai 38 anni di contributi non ci vai nè a 62 – 63 – 64 – 65 -66- ma solo a 67 e 10 mesi.
    Sarebbe il caso di spiegarlo bene a chi stà aspettando di andare in pensione.
    Se una persona va in pensione con un assegno insufficiente, Il divieto di cumolo diventa un sopruso
    ( l’aveva inventato Bertinotti nel 1997 ).Siamo in mano ai comunisti?

  2. Croxa talento sprecato come tanti in questo dissolvente paese…politica corrompe ogni cosa persino il gatto di casa.
    https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  3. Quanto hai ragione sulla questione del parrucchiere caro Porro, ma chi l’ha creata sta macchina burocratica? Ecco perché chi c’è oggi ha il 60% di consenso, per mancanza d’alternative, tutto ma non quello che c’era prima. Repubblica, Corriere e compagnia bella, ma certo che non gli crede più nessuno, solo i fedelissimi che gli credevano ciecamente prima del 4 marzo anzi diciamo pure che gli credono da sempre. C’è una cospirazione dei media? Non penso. Sono tutti schierati? Certo e da sempre. La maggioranza del paese urne alla mano e vendite in calo ha mangiato la foglia. Voli dalla Germania, provocazione pure, la Germania punta ad alzare il livello di scontro, temo che l’esplosione dell’euro sia più loro che nostro come piano, sbaglierò sicuramente augurandomelo. Ultima cosa sul commento finale del tuo amico Francois, Prodi INTERESSANTE??? Ma questa si che sarebbe una grande novità! Per altro lo sarebbe stato trattando l’argomento della decadenza della NATO, argomento molto originale. Beh visto che in settimana ha suggerito al PD di schierarsi con Macron alle europee (e Tsipras!!! Giuro) mi sembra che riprenda il filo del discorso, avrà fatto marketing al PESCO. Il guru della sinistra ha parlato ancora suggerendo l’alleanza con il più odiato nemico dell’Italia, poi si stupiscono che sono al 17%, io mi stupisco che ci siano il 17% d’imbecilli che li vota, magia dell’indottrinamento

    • La burocrazia genera corruzione e lavoro in nero. Non solo i parrucchieri, ma anche altre categorie riflettono le stesse problematiche per cui in tanti vivono nella clandestinità. Per uscire da questa illegalità diffusa dove in tanti sguazzano occorre un patto tra Stato e cittadini che semplifichi procedure ed oneri. Su questo fronte ho creato un progetto inclusivo (a costo zero per lo Stato ) che permette perché conveniente per tutti di chiudere definitivamente ogni tipo di lavoro sommerso, ma non trovo ascolto in nessun ambiente politico, sociale, sindacale o ecclesiastico. Nessuno vuole perdere un po del suo tempo per capire se quanto fin qui dichiarato risponda al vero preferendo misure palliative

  4. La Germania ci rimanda gli immigrati secondari come se fossero sacchi di patate, senza nessuna umanità per gente che, ormai da anni, vive lì. Nessuno parla, nessuno lancia anatemi, UE, Papa, Caritas,gli immancabili Boldrini, Saviano, Lerner e company dove sono? Macron non definisce i tedeschi vomitevoli? Niente tutto tace, va tutto bene è nel loro diritto farlo. Questo mi fa andare in bestia, questa ipocrisia, questo dare addosso soli all’Italia, ma la penso loro io così?

  5. La Merkel che ci vuole rimandare gli immigrati secondari è ridicola. Se davvero fosse, il trattato di Dublino va impugnato! E comunque qualsiasi azione in questo senso va bloccata. CHI cavolo ha approvato e soprattutto FIRMATO quell’ accordo??

  6. Caro Porro, mi fa specie che ad un giornalista economico attento come te sia sfuggito, ma repubblica nell’articolo da te citato lo dice chiaramente perchè aumenteranno le tasse alle partite IVA sopra i 65000 EUR. Infatti, si cita, che nei piani del governo sarà abolita la cosiddetta IRI, ovvero la (già esistente a legislazione vigente) FLAT TAX per le società di persone ed imprese individuali al 24%, ovvero lo stesso livello dell’IRES (società di capitali), almeno per i redditi che si lasciano in azienda. E ritornano in auge per le citate categorie gli scaglioni IRPEF imputati a ciascun socio, che ben raramente saranno inferiori al citato 24%. insomma, FLAT TAX che va e FLAT TAX che viene.

    • Roberto l’iri ancora non esiste, e pensa che abbia capito che non si tratta di una riduzione fiscale, ma di una corretta imputazione fiscale so,o al. Omento della cassa. Semmai scompare l’ace

  7. Ieri sera ho visto Crozza in TV, un pianto e nemmeno una risata, ma la cosa che mi ha fatto cambiare canale è stata una battuta sulla assunzione del figlio di Marcello Foa nello staff che cura la comunicazione di Salvini, cosa che viene vista come dimostrazione lampante di RACCOMANDAZIONE in atto. Invece il “ragazzo Foa” lavora in quello staff dal 2017 NON DA ADESSO ed è stato assunto perchè:
    – ha una laurea alla Bocconi;
    – ha un master in una “Ecole…” svizzera
    – parla tre lingue.
    Un “ragazzo così” fa un affare chi lo assume.
    Per quanto riguarda il comico Crozza invece, il suo show sembrava un comizio scritto da Martina del PD, tutte invettive e NEMMENO UNA RISATA!! Forse è meglio che cambi mestiere.

    • Potremmo andare a controllare quanti rampolli PD e dintorni sono stati “apparentemente raccomandati”! Scommettiamo che ce n’è per tutti i gusti? Crossa è penoso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *