in

La Murgia scrive (coi piedi) che siamo tutti razzisti

Rassegna stampa del 7 giugno 2021

Dimensioni testo

00:00 Buongiorno ai commensali.

00:50 Più che con il buonsenso la Murgia ha dei problemi con l’italiano. Scrive quasi peggio del cuoco di questa zuppa. Oggi per dire che gli italiani sono maschilisti e razzisti e che dobbiamo farci schifo (Marchisio dixit) per il suicidio di Seid, utilizza quattro negazioni per fare un’affermazione così banale e superficiale.

06:15 Michele Brambilla sul silenzio su Saman.

07:50 Un monumentale Giuliano Ferrara sulla retorica della giornata sull’ambiente e sulle nostre presunte responsabilità.

09:08 Zitti tutti parla Conte, come direbbero i miei amici del Giornale, e non dice niente.

11:40 Fusione Forza Italia-Lega per Luca Ricolfi già tutto scritto, ma Salvini non speri così da arginare la Meloni.

12:00 Parola ai commensali.

12:40 Biden arriva in Europa mentre in Sassonia, quella ad est e piccola, rivince la Cdu.

13:45 Adesso si inventano Bella Ciao per legge dopo l’Inno di Mameli.

14:15 Black lives matter si inventa le donazioni.

14:50 Parola ai commensali.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
95 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
nicola
nicola
11 Giugno 2021 10:52

sta maiala col rossetto e’ una fascistella, ma di quelle vere,donna murgia

Nella
Nella
8 Giugno 2021 16:33

Non siamo tutti razzisti!!!!

Nedo Micci
Nedo Micci
8 Giugno 2021 10:15

3) …Gervasoni…guardate che tutte ‘ste cose che ho detto sono una finzione…in realta’ sono parole di un americano , un vecchio professore di storia a Yale che da giovane partecipo’ allo sbarco sul bagnasciuga siciliano con Patton e In Normandia ( che sfiga ! ) convinto della mostruosita’ del Nazismo. Lo giuro…ha scritto tutto lui e Gervasoni non gli e’ propriamente troppo simpatico.Cose della sua gioventu’…ma di cui e’ ancora convinto .

Nedo Micci
Nedo Micci
8 Giugno 2021 10:10

2) SEGUE…ci sono limiti dunque alla liberta’ di opinione? Ribadisco:ma Porro,liberale e democratico I presume,non si sente in imbarazzo a pubblicare Gervasoni che tecnicamente sembra un nazi?E non veniamo fuori col Kommunismo e i suoi orrori perche’ si sfonderebbe la classica porta aperta;detti orrori non giustificano certe cose.Noi valutiamo sic et simpliciter alla luce della storia lo spirito,l’humus del pensiero di Gervasoni.Io prendo atto,pur con sgomento,di tanti entusiasmi ma d’altronde sappiamo come va il mondo.Quindi alla Segre Auschwitz e a Gervasoni il Gulag?MEGLIO DI NO VA.Magari Polibio:HISTORIA MAGISTRA VITAE, eh prof ? SEGUE

Nedo Micci
Nedo Micci
8 Giugno 2021 9:48

Io riprendo un tema proposto da “Antonio”su Gervasoni:razzismo e antisemitismo.In tema il prof. pone un bel problema:la liberta’ di opinione e i suoi limiti.A parte l’episodio Mattarella di cui poi Gervasoni si e’ grottescamente e DI FATTO pentito.Sulla Segre:” ebrea di professione,str..za,vecchia ignorante personaggio squallido” e(INCREDIBILE DICTU)”LUCRA SULL’OLOCAUSTO”; lei che a 14 anni si era fatta una bella vacanza ad Auscwvitz.Chi parla Rosenberg?Ma si puo’ accettare cio’ che dice sulla Segre?Allora posso dire anche che Gallinari fece bene ad accoppare Moro e magari aspettarmi gli entusiasmi di cui gode qui’ il Prof Gervasoni.SEGUE.

Marina Vb
Marina Vb
8 Giugno 2021 9:20

De Vito Marcello ex 5 Stelle (a processo per corruzione) scopre un improvviso e vecchio amore per FI.
Però dimentica come definiva Berlusconi quando entrò nella casa pentastellata.
L’ingresso è motivato dalla stanchezza che prova nei confronti delle giravolte dei grillini.
FI, come le ONG, imbarca profughi che l’hanno infangata in tutti i modi.
Ruggeri esprime tutto il suo ribrezzo nei confronti del partito.
Come non dargli ragione.
La classe politica italiana soffre di una profonda crisi di identità: l’azzeramento di tutti i rappresentanti (che dovrebbero prenderne atto e riciclarsi nel mondo del lavoro vero) rimane l’unica via.

Marina Vb
Marina Vb
8 Giugno 2021 8:39

Saman non è un caso isolato in Italia, ma sembra che il femminicidio nel mondo islamico che ha scelto l’Italia per vivere non sia una priorità né per la Murgia, né per le femministe né per il popolo degli accoglienti.
È più facile accusare i vecchi sporchi bianchi di razzismo per la morte di Said piuttosto che parlare del potere distorto delle comunità islamiche sui propri figli, privandoli della loro capacità e diritto di scelta.
Il femminismo di facciata, di simboletti, di retorica che non ha niente a che vedere con il sostegno delle donne che soffrono.
Non ve ne frega niente degli individui vi frega del vostro business.

Paolo
Paolo
8 Giugno 2021 8:18

Siamo razzisti, Murgia, adesso perrò non ripeterlo più . Comunque non so perché si dà spazo a simili vacuii soggetti.