in

La “perla” dell’Ue: c’è il patentino ma non i vaccini

Rassegna stampa del 26 febbraio 2021

Dimensioni testo

00:00 Pochi vaccini, l’attacco di Draghi. Ma cosa vuol dire? Ieri non mi sembra che sia emerso un granché dal consiglio europeo.

03:30 Unica cosa interessante è il via libera al passaporto vaccinale, ma ci vorranno tre mesi, e ovviamente nessun giornale ci dice cosa sia.

05:27 Il caso Arcuri ormai è una barzelletta. Giacomo Amadori ogni giorno ne scova una sulla Verità: oggi dell’incontro a ridosso di maggio tra Arcuri e Benotti, complice Bonaretti, esattamente come aveva raccontato a Quarta Repubblica, arriva il verbale che conferma tutto. Che si sono detti? Perché da quel giorno non si sentono più?

08:18 Otto regioni a rischio per i dati di oggi e intanto in Campania hanno sospeso la campagna vaccinale per gli ultraottantenni.

09:10 Parola ai commensali.

10:17 Il governo fa male a Pd e M5s che sono nel caos.

13:30 Marco Travaglio attacca i sottosegretari e, tra questi, anche Giuseppe Moles di Forza Italia all’editoria: io conosco bene Moles (abbiamo collaborato anni fa con Antonio Martino) ed è uno che vale. Travaglio si occupasse di codice di procedura penale…

15:45 Sallusti snocciola qualche buon argomento sulla polemica D’Urso-Zingaretti.

16:20 Cartelle esattoriali, Italia Oggi dice che si va verso l’ennesimo rinvio.
Grande intervista di Giulio Meotti sul Foglio a Gilles Kepel sulla quarta ondata islamista.