in

La polizia blocca i contestatori della Meloni. E la sinistra piagnucola

Zuppa di Porro 21 settembre 2022

Dimensioni testo

 

00:00 Elezioni, il segreto di Pulcinella, i sondaggi che non si possono rendere pubblici e che tutti pubblicano, ma senza nessun controllo sulla loro veridicità.

03:33 Parola ai commensali.

04:00 Grazie per tutte le vostre donazioni!

05:10 Guerra Ucraina, Putin parla e dice di essere in guerra con tutto l’Occidente. Mobilita 300 mila riservisti. È chiaro che “l’operazione speciale” in Ucraina non va per lui come dovrebbe. Bel casino.

07:07 Politica, Repubblica si deve riprendere: sulla Meloni oggi riesce a scrivere: Manganelli su chi la contesta. Ultimi giorni in cui a sinistra vedono rosso, ma quello che non piace loro.

10:00 Il Giornale intervista Letta che, bontà sua, dice che la Meloni può governare se vince. Per Calenda non vince.

10:30 Il discorso di Draghi all’Onu…

11:34 Ambientalismo, per Del debbio Greta e amici ci hanno ridotto alla canna del gas, e il New York Times non ama il nucleare.

12:40 Fermi tutti: la nuova premier Uk, Lizz Truss, dice che la libertà inizia con la riduzione fiscale. E non la mettono nel manicomio.

14:04 Alla Corte costituzionale arriva una grillo-sinistra e tutti a brindare.

15:27 Emergenza gas, i francesi preoccupati per davvero sull’elettricità riaprono le centrali a carbone. Il Sole 24 Ore inizia a parlare delle utilities a rischio fallimento perché non hanno gas.

18:00 Se a Rete4 avessero fatto una cosetta simile a quella che Damilano ha apparecchiato con Bernard Henry Levy, definito da Sallusti un comunista cretino, ci avrebbero massacrato. Ma Damilano è Damilano, non ci sono i pezzi di Merlo, Serra o Mieli.

20:15 Il Riformista e la vendita della casa del pm integerrimo Scarpinato ad uno chiacchierato…

21:45 Cronaca, spedizione punitiva di 25 rom in un ospedale a Roma.

22:18 Le donne iraniane si ribellano o meglio cercano di farlo: ma ora per il petrolio e gas loro vanno bene.