Zuppa di Porro: rassegna stampa del 27 agosto 2020

La scuola è nel caos e Arcuri si crede Gramsci

Condividi questo articolo


00:00 Potevano pensare alla scuola da marzo ma sono arrivati a parlarne adesso. Ormai vige il caos più totale.

01:38 Anche su gli scuolabus non si riesce a capire nulla. Il Fatto quotidiano riesce a titolare che i banchi arrivano. Ci vuole coraggio!

03:20 Arcuri fa finta di rispondere alle tre domande del Sole 24 ore. Adesso pensa di fare il filosofo sulla scuola.

04:58 Libero fa un sondaggio che dice che otto italiani su dieci vogliono le scuole chiuse. Roba da pazzi!

06:40 Travaglio continua nel suo essere ridicolo sfottendo varie malattie, tra queste il tumore dell’ex ministro De Lorenzo.

08:40 Di Maio chiede di fare la legge elettorale prima della fine dell’estate. E Marianna Aprile gli fa notare che la sua rappresentatività è quasi nulla.

11:25 Mediobanca, via libera a Delvecchio.

11:57 Alitalia, perdite su perdite…

12:27 La Confindustria inglese è preoccupata per le città fantasma a causa dello smart working.

13:08 Sabino Cassese dice che la capitale è importante mentre Calenda smentisce la sua candidatura a sindaco di Roma.

13:40 Ragazza multata per il topless in spiaggia. Viva il topless!

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


21 Commenti

Scrivi un commento
  1. 8 italiani su 10 vogliono le scuole chiuse.
    Ebbene si, a che serve la scuola? centro di contagio e infezione.
    Molto meglio apprendere l’ educazione con TikTok o YouTube.
    E poi gli insegnanti, queste figure antiquate e inutili, meglio che si connettano anche loro nei social network per decidere qual è il video del giorno, il più cliccato vince, tutti felici e contenti fra le proprie mura.
    Nessun rischio e gratificazione per tutti.
    Anche il governo sarà contento di educare le nuove generazioni a una sana ignoranza intellettuale, l’ incapacità come valore, un diritto costituzionale.
    Anche le elezioni future potrebbero essere svolte (nel caso ce ne sarà bisogno) tramite computer, un bel sistema Russeau allargato per evitare assembramenti e possibili infezioni ed un grande fratello garantito per tutti, per una felice compagnia in momenti di solitudine da Coronavirus.
    Vedrete che poi anche i 2 su 10 che rimangono si abitueranno alla nuova scuola.

  2. Gentile Caterina emblematico anche se necessario l’utilizzo delle mascherina doppia valenza da una parte proteggersi dal virus ma dall’altra bocche chiuse la cultura rende liberi l’ignoranza rende schiavi ,più persone ignoranti più dittatori o pseudo schiacciano il popolo

  3. Finitela con dati fake contagi non è sinonimo di ammalati il governo del mondo utilizza qualsiasi mezzo per infondere terrore, persino intervistare persone che sicuramente dietro compenso enfatizzano la pandemia ,avete stufato,ci sono purtroppo malattie da sempre si nasce e si muore ,per fortuna si muore una volta sola per cui viviamo

  4. 8 italiani su 10 vogliono le scuole chiuse
    Chi sono?
    Studenti? Mi auguro di no, perché a loro la ribellione dovrebbe scorrere nelle vene, dovrebbero avere l’animus reazionario per contrastare il sistema, che come tutti i sistemi è marcio, e questo imposto da giuseppi ancor di più.
    Dai giovani, adolescenti in su, mi aspetto forza, vigore, e reazione, non sottomissione, perché se così non fosse, è una generazione finita, incapace di avere un pensiero proprio e di reagire ai comandi
    Se, diversamente, fossero i genitori, tra l’altro anch’essi giovani, sarebbe idem preoccupante, quale insegnamento potrebbero trasmettere ai figli? Sottomissione? Dipendenza? Terrore?
    Inoltre, se riluttanti alla scuola, divrebbero tenere i figli segregati in casa h 24, niente più uscite, bar, pizzerie, parchi, feste, perché la scuola è il sito in cui ci può essere meno possibilità di contagio, posto il controllo degli insegnanti e di tutto il personale che, da buoni cagasotto, starebbero con la bacchetta in mano a fare terrorismo dentro e fuori la scuola
    Aggiungo, il mio litorale da giugno ad oggi, a parte le distanze tra ombrelloni rispettate, con guardia costiera a fare i rilievi, è stato strapieno di gente, promiscuità tra giovani, tra adulti, e tra giovani ed adulti, non c’è stato un solo caso di covid……. da cosa è dipeso?
    A volte credo che i numeri siano falsati, inventati, creati ad arte per terrorizzare ed appecorare gli italiani e, a quanto pare, gli italiani ci cascano come pere marce. Evidentemente da buone pecore in gregge, hanno bisogno di chi le guidi…..

    • Infatti non é possibile più.. Le persone ancora non hanno capito che si tratta di un terrorismo mondiale guidato dai grandi mondiali che ci stanno rovinando.. Se non ci svegliamo siamo finiti faranno quel che vogliono.. Anzi hanno già fatto.. Cosa parlo fa.. Midispiace dirlo ma gli italiani sono davvero un popolo di pecore obbedienti… Robe da pazzi… L’importante sono banchi???? Ma in tutto ciò è importante che arrivano sti banchi… Ma da ridere…

  5. @ Andrea.
    E’ il segno dello scadimento dei tempi.
    Non sono a mangiare la pizza, sono in televisione o alla radio. Chiamarsi per nome è poco elegante, come minimo. Squalifica i contenuti stessi della trasmissione.
    E fa una pessima impressione. Da bar.
    Però però…Lei sa che sono quello del però.
    Lei ha presente tale Matteo Renzi, immagino. E le sue iniziative come PD alla Leopolda? Ecco, in una di queste “Leopolde”, abbondantemente riprese dalle televisioni, prese la parola la signora Rossella Orlandi, allora Direttrice della Agenzia delle Entrate (2014-2017).
    Sa come iniziò il suo discorso la direttrice rivolgendosi all’allora Presidente del Consiglio? “Caro Matteo, grazie per l’invito….” e poi ogni frase era del tipo ..”tu, Matteo hai affermato…”, tu Matteo di qua, tu Matteo di là. Roba da sprofondarsi.
    E sa chi era allora assiduo frequentatore di questo circolo privato che era la Leopolda, con lo stesso tono colloquiale da amico amico: Ernesto Maria Ruffini, successore della Orlandi come Direttore della Agenzia delle Entrate (2017-2018) e tornato ora con Gualtieri di nuovo a capo della Agenzia delle Entrate dopo una breve interruzione.
    Io non ritengo giornalisticamente dignitoso che tra giornalista e politico in pubblico ci si dia del tu. Arrigo Levi, morto in questi giorni, mai sarebbe scaduto a questo livello.
    Ma è invece non solo poco dignitoso, ma decisamente inquietante, che il tono da bar di sezione o da domestico di casa lo usi il Direttore della Agenzia delle Entrate dello Stato.
    Molto inquietante e per nulla rassicurante. Non trova?

    • Sono d’accordo per entrambi i casi. Nel primo, come faccio io a fare una domanda scomoda a uno che mi da tel tu e che mi chiama per nome? A volte penso che le domande siano concordate. Nel secondo caso non è opportuno e dignitoso che il direttore dell’agenzia delle Entrate si rivolga per nome del capo del Governo che lo ha nominato.

  6. Travaglio può sfottere le malattie che vuole, perchè uno gramo come lui fa morire qualsiasi virus o batterio o tumore che per disgrazia dovesse introdursi nel suo organismo.

  7. Chiudiamo per sempre la scuola, tanto ormai non insegna nulla ed è una fucina del cattocomunismo più becero. Tanto i ricchi chic e non chic mandano da anni i figli all’estero. Da Croce e Gentile a valeri e azzolina. Questi i risultati del “mitico” ’68.

  8. Allora chiudiamoci in casa e vegetiamo, guardando la vita dal di fuori. Io non ci sto, lo faccia chi vuole. Rispetto il distanziamento, non faccio assembramenti, mi lavo le mani spesso, trovo inutile la mascherina se c’è il distanziamento, ma rispetto le regole e la metto dove devo. Quando eravamo piccoli, i nostri genitori ci lasciavano giocare nella terra perché così “facevamo gli anticorpi”. Adesso non dobbiamo fare altro che igienizzarci e distruggere definitivamente il nostro sistema immunitario. Io faccio il pieno di sole, aria, luce, mare, vita sana, per le ferie e ogni volta che sia possibile, con questo mi difendo e non farò il vaccino, finché sarò in salute e non saprò tutto quello che c’è da sapere su un vaccino fatto in pochi mesi. A me questa storia degli asintomatici non mi è chiara. Siamo sicuri che siano contagiosi? O è tutta una scusa per smaltire montagne di mascherine acquistate? Io non mi fido, ho mille dubbi. E per la scuola c’erano poche cose da fare, ma fondamentali. In primis, il medico o infermiere che sia per ogni istituto. Creazione di aule in siti idonei, non certo i teatri o similari, piuttosto gli oratori. E per il trasporto l’affitto di qualche pulmino in più per stare più distanziati. I banchi non c’era bisogno di cambiarli e quei soldi si potevano investire sulla struttura della scuola, nuove aule e potenziare la tecnologia per la didattica. E tornare a scuola in modo normale, organizzandosi per evitare gli assembramenti. Basta terrorismo psicologico, stiamo facendo un sacco di danni.

  9. 3 miliardi per i banchi = marchetta monopattino al cubo. Su Di Maio come non essere d’accordo con quello che dici Porro, altro che anticasta, i 5s sono solo nominati e per di più risulta palese che più ignoranti, analfabeti, incompetenti e non qualificati siano e più in alto li piazzano. Strano o strategia? Non che nel loro partito madre, il PD, la situazione sembri granchè diversa, come del resto pure in tutto il governo che questi due partiti sorreggono. Ah ma non è una loro esclusiva eh, se tiriamo nel discorso FI è uguale se non addirittura peggio! Andrebbe comunque aggiunto che non è questione mera questione di titoli e preparazione, basti pensare a Gualtieri che avrebbe partecipato alla redazione del MES in sede europea e prima di arrivare al MEF, uno che di economia non sa assolutamente nulla per inciso! E Monti dove lo mettiamo? Ottimo lavoro l’economista, tecnico ed esperto per usare termini di grande lustro. Oppure l’avvocato del popolo che ha calpestato la costituzione come se non sapesse manco cosa sia il diritto. Comunque diciamocelo, per come stanno le cose è irrilevante quanto siano preparati come irrilevante è il taglio dei parlamentari o il discorso della rappresentanza, infondo sono tutti servi e camerieri, il parlamento non ha più parola su nulla, da anni per non dire decenni vive di decreti e fiducie, andrebbe anche bene che fossero corrotti e mangiassero, sarebbe sufficiente che in buona fede cercassero di fare l’interesse del paese, peccato sia altrettanto evidente come questa prerogativa sia inesistente. Concludo con la cosa più triste che ho sentito, ovvero il sondaggio che spero sia farlocco, altrimenti chi ci governa ed è seduto in parlamento è la più genuina delle rappresentazioni. Non ci sono più scuse per l’ignoranza, nonostante la propaganda i numeri e la realtà è a portata di mano per chi ha voglia di cercarsela. Basta fare lo sforzo di ragionare, ma se questi sono i numeri bisogna riconoscere che questo sforzo non è normale, ma roba da super dotati nel nostro paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *