Zuppa di Porro: rassegna stampa del 1° agosto 2020

Ma che fine ha fatto l’App Immuni?

Condividi questo articolo


00:00 Mattarella dà lezione ai no mask, dice La Stampa. Il Presidente della Repubblica spiega che la libertà non è far del male agli altri. Un concetto che va verificato…

01:12 Anche Ricolfi sul Messaggero dice che siamo negazionisti e ci spiattella le sue note conoscenze mediche e scientifiche sul motivo per il quale ora la malattia colpisce meno.

02:40 Intanto il Pil italiano ieri ha perso il 12,4%.

02:55 Il Consiglio di Stato si è opposto alla richiesta del Tar di desecretare le carte del Comitato tecnico scientifico.

03:51 Dove è finita la App Immuni? Solo 23 segnalazioni di positivi.

04:30 Interessante il pezzo di Fubini di oggi sul Corriere della Sera che ricorda una frase di Friedman “nessun pasto è gratis” per affiancarla allo scostamento di bilancio.

06:00 Sala intervistato dal Corriere della Sera se la prende con la retorica del sud.

06:48 Il Movimento 5 stelle diviso tra la romana de periferia Taverna e la madamin Appendino. E intanto alcuni parlamentari sono furibondi con Casaleggio e la piattaforma Rousseau.

07:44 Questione migranti, sempre i 5 stelle oggi si accorgono che la situazione non può più continuare e la Lamorgese fa un passo indietro spiegando in un’intervista al Corriere della Sera che “rimpatrieremo anche coloro che arrivano con gli sbarchi dalla Tunisia”.

09:45 Ferrara e Travaglio, completamente divisi su Berlusconi, oggi si ritrovano completamente d’accordo su Salvini…

11:38 Bonafede, come ci spiega oggi Gandola sulla Verità, ha deciso che i nostri magistrati potranno andare in ferie tra il 27 luglio e il 2 settembre.

12:03 Il Messaggero e il Fatto continuano sospettosi sul caso Lombardia…

13:30 Microsoft vuole comprare Tik Tok mentre Cdp potrebbe volere la borsa italiana…

15:40 Le orge di Clinton con Epstein che non fanno titolo sui giornali ma che trovate sul Corriere della Sera a pagina 14.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


8 Commenti

Scrivi un commento
  1. Caro Dot. Porro, lei parla alla velocità di una macchina da cucire, tanto che lei stesso si confonde, le si annoda la lingua e perde la sincronia col cervello Questo le succede MOLTO frequentemente con il risultato che TUTTO quello che esce dalla sua bocca è SEMPRE da prendere con le pinze. Le sue idee sono sempre apprezzabili ma alle volte incomprensibili (centocinque miliardi o centocinquanta?). Magari prenda una camomilla, si dia una calmata. La credibilità per un giornalista è cosa imporante. Credo. Un sincero cordiale saluto. :-))

  2. La fine che era facilmente prevedibile: https://www.nicolaporro.it/lapp-immuni-e-il-tracciamento-impossibile/

  3. per il Sig. Mario

    Lungi da me l’idea di difendere ladri!
    Non voglio neanche rubare la tattica del PD di evadere argomenti antipatici tirando fuori cadaveri dall’armadio degli avversari e dimenticando i propri.
    Che fa, giustifica Berlusconi aveva ragione a salvare un’azienda già cotta? Ha riabilitato anche lei il personaggio perché potrebbe far comodo come stampella?
    Diciamo intanto che il pep è indagato mentre l’uomo mascherato che ha buttato 11.000.000 di eurini pubblici nel cesso non tenta neanche di giustificarsi, nè mai sarà indagato per questo perché si sa che pensiero hanno i camici neri.
    E neanche il movimento degli onesti che voleva aprire il parlamento come una scatola di tonno ne parla, cosa già digerita. Cosa vuole che siano 11.000.000 in un periodo come questo.
    Ma questo è un altro capitolo.
    La saluto, vado a cena e mi accontenterò di una zuppa stantia all’Italietta.
    Le grandi ricette dell’Italiona le lascio ai democratici di sinistra che hanno un bel pelo sullo stomaco.

    • Buona Cena.
      Però cambia sempre argomento.
      Alitalia lVha citata prima lei per i soldi pubblici.
      il PEP era una battuta a qualcuno che diceva che della vita privata dei PEP non c’è né frega nulla e intanto lVha citato.
      Zingaretti come Fontana non pagheranno mai per i loro disastri
      Buona cena

  4. Ormai e’ chiaro che ci sono due Italie.
    Una, la Prima Italia, e’ comandata dalla magistratura, soggetti non eletti dal popolo e soggetta all’interpretazione delle leggi da parte dei giudici di sinistra. Soggetta a volte alla Costituzione, a meno che che non si tratti di soggetti di sinistra .
    L’altra, la Seconda Italia, dovrebbe essere l’Italia, ma sarebbe meglio chiamarla Italiastan, (Afaghanistan, Uzbekistan etc.) ed appartiene agli immigrati clandestini. Circolano con il virus, non obbediscono alle forze dell’ordine, ricevono sussidi pagati con le tasse della Prima Italia, stuprano le donne italiane, rubano agli italiani e non sono condannati dai giudici dell’ Italiastan, perche giustamente clandestini. Abbiamo nella Prima Italia un governo che rappresenta piu’ o meno il 37-40% della popolazione e il primo ministro non e’ eletto dal popolo ma da intrighi di palazzo e approvato dal presidente della Repubblica, garante della Costituzione.
    Il garante della Costituzione Italiana in generale e’ assente e non sciolglie le Camere perche’ altrimenti gli italiani eleggirebbero un governo di centro destra, contrario alla sua personale appartenenza politica. In piu’ il governo del primo ministro non eletto e’ lodato dalla maggior parte dei giornali perche’ si indebita di piu’, dopo aver portato gli italiani della Prima Italia ad essere responsabili di circa Euro 41.100 ciascuno del debito pubblico (pre-aiuti dalla UE.).

    • E gli italiani che fanno? Pazientano ancora? Pazienteranno sempre?
      Nessuno, travolto dalla disperazione, che incominci a sparare?

  5. Il mistro Speranza firma ordinanze su ordinanze che dicesse cosa ce scritto nei documenti del CTS INVECE DI TENERLI SECRETATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *