in

Psicodramma Raggi

Zuppa di Porro: rassegna stampa del 10 novembre 2018.

00:00 Psicodramma Virginia Raggi e poi scopriamo che anche Galli della Loggia l’ha votata.

05:20 Galli Della Loggia ha votato la Raggi. E oggi, lo stesso, invita al referendum su liberalizzazione Atac. Mah…

06:40 Disastro prescrizione: parla il ministro Bonafede (!)

08:40 Le frasi di Rocco Casalino e le ricette del ministro Tria.

09:53 Intanto i fondi pensione perdono grazie ai titoli di Stato italiani.

10:30 Tim ridotta al lumicino.

11:05 Gian Carlo Blangiardo, uno sconosciuto e bravo demografo, diventa un “cane” per Fubini perché a Libero disse che l’apporto degli extracomunitari al nostro welfare è modesto. Dunque, non può essere presidente Inps.

  • 64
    Shares

11 Commenti

Scrivi un commento
  1. Vergogna…il paese delle prescrizioni…la Raggi deve lasciare…..hanno solo massacrato Berlusconi x il resto tutti innocenti…sempre peggio

  2. La Raggi finalmente è stata assolta assolta e la cosa rasserena anche il clima politico, è una vittoria dei 5 stelle e quindi anche del Governo.
    Dovremmo finalmente capire che siamo sotto attacco, la Francia, la Germania e la Gran Bretagna hanno scatenato, con le loro BANCHE CANAGLIA, il rush finale cercando di far aumentare ancora lo Spread, tutta l’Europa inoltre ha scatenato contro di noi una GUERRA FINANZIARIA, una GUERRA MEDIATICA, una GUERRA COMMERCIALE, una GUERRA DI SANZIONI, e questo va gridato ad ALTA VOCE.
    Fantastica la Risposta del Ministro TRIA all’Europa, dura e precisa, bravo il Professore che dà finalmente dell’ignorante e del disonesto al gruppo dei Commissari.
    INIZIAMO A DIFENDERCI.

  3. Blangiardo sarà pure un professore del politecnico di Milano,ma visto che il nostro sistema pensionistico è a ripartizione,è ovvio che i contributi versati al momento servano a pagare chi è in pensione nello stesso momento.
    Il problema è rilevante perché,visto che si sta andando verso una rilevantissima automazione lavorativa,dal Blangiardo avrei più interesse sapere,visto che è demografo,come si pone sui sussidi economici a chi fa molti figli.
    Il sistema a ripartizione pensionistico è largamente deficitario per assicurare una pensione sia a me,che all’immigrato lavorante in Italia.

  4. Francamente non capisco come non abbia ancora perso la ragione. L’arena politica italiana ´cosí piena di egoismi. ipocrisia. dilettantismo che fanno veramente disperare per le sorti della repubblica. Tra parentesi vorrei sapere chi sono queste eminenze gtigie del M5S: Casalini e Casaleggio e a che titolo stanno alla loro elevata posizione,
    Dopo molte consultazioni e la verificazione della corrosione nel Morandi tutto conduce a un errore iniziale di disegno, di una campata centrale disegnata con risparmio di acciaio e copertura inefficente per la protezione contro la corrosione, La protezione sui cavi di acciaio di campate sospese sul mare é fatta, o meglio, é stata fatta con pittura impermeamile o/e sistemi sigullati di de-umidificazione. Esempi ce ne sono a bizzeffe in Inghilterra, Danimarca, USA, Giappone e Cina.Il cemento é piu rigido dei cavi metallici specialmente se questi sono sottoposti a continue sollecitazioni dal tarffico. e perció la sua aderenza, anche se impoerbeabilizzato, é diifficile. Non aitó un monitoraggio insufficente, un traffico eccessivo, specialmente fatto di TIR che per il loro peso a entrare nel ponte creano nella campata una ascillazione che crea un momento pericoloso simile a quello osservato in alcuni terremoti.

  5. Visto che tutti si scalmanano per questa “prescrizione” vorrei solo sapere se e come si chiude la vicenda giuridica, poiche se e vero che noi abbiamo i 3 gradi di processo quindi sino alla cassazione chiunque potrebbe essere “ripreso indietro”. Quindi per passare dal 1° grado di giudizio alla cassazione e automatico, ci si deve comunque appellare e poi in giudicato in cassazione, como e normato il processo??

  6. Sono mesi che seguo la tua zuppa e nel complesso mi piace, però inizio a notare un tuo lato a dir poco controverso, forse la bile ti sta offuscando la mente, sei poco lucido in questi giorni. Oggi ti ho sentito dire che a te non piace la democrazia, dichiarazione scioccante in generale, ma ancor di più quando viene da chi più volte si è spacciato per un liberale convinto. Porro per curiosità conosci qualche altra forma di governo in cui c’è spazio per i liberali eccetto quelli democratici? Continui a farci 2 palle così con questa prescrizione, ma la giustizia in italia è un disastro ed era uno dei pallini del partito più liberale d’Italia dai tempi di Giolitti, ora che sembra esserci un governo pronto a metterci davvero mano tu consideri la cosa un disastro appena cominciano. Vorrei sapere oltre la statistica di prescrizioni prima del primo grado, che già ti contraddice, quanti sono statisticamente i processi prescritti nei sucessivi gradi di giudizio. Poi sarei curioso di sapere se c’è l’obbligatorietà dei successivi gradi di giudizio e per concludere se nel tuo dizionario prescrizione è sinonimo di assoluzione, se per caso a voler pensar male questo sia uno strumento usato intenzionalmente per non arrivare a giudizio, se nella tua visione di giustizia efficente le cause prescritte non sono uno spreco di risorse. I grillini saranno deficente, ai leghisti pare che il provvedimento non piaccia ed io sono leghista, ma al pari del decreto dignità non mi pare che sia il caso di strapparsi le vesti se non per chiaro scopo antigovernativo. Un’ultima cosa, i fondi pensione hanno perso lo 0,1 a causa dello spread, alla faccia! Forse dovresti informarti su quante perdite e di che dimensioni hanno fronteggiato in passato senza che lo spread centrasse nulla, potresti stupirti e realizzare che sia un’informazione piccola spacciata per uno dei tanti disastri che si favellano per attaccare il governo di oggi. Oltretutto sarei molto curioso di sapere se questa perdita è virtuale, quindi solo contabile, o se la perdita è stata incassata vendendo titoli di stato. Nel primo caso tranquillizzati, sai bene che i fondi di cui parli a scandenza recupereranno i soldi investiti e, se ce n’erano al momento della sottoscrizione, anche gli interessi maturati. Ti preferisco in qualità di smascheratore dei condizionatori mediatici piuttosto che in versione condizionatore della tua fazione, purtroppo alterni, se no saresti perfetto. Dirai che tu non fai parte di nessuna fazione, purtroppo invece spesso sembri esserlo, chiamasi fazione antigovernativa ad ogni costo, ma ripeto solo a fasi alternate per fortuna, altre volte sembri lucido ed obbiettivo, quello che di te mi piace

  7. Buonafede o Bonafede: grande la faccia da merluzzo che Porro fa ogni volta che lo nomina. Basta ad esprimere tutta la pensosita’ di questo tizio messo a fare il ministro della giustizia. Assieme a Toninelli sono la riedizione di Gianni e Pinotto.

  8. A proposito delle dichiarazioni grilline di esultanza a far da contraltare a quelle leghiste sull’accordo per la prescrizione, Buona- o Bonafede che sia mi ricorda quella gag di Toto’ in cui raccontava ad un amico che un ergumeno lo aveva riempito di ceffoni gridando “tie’ Pasquale ! Pasquale beccati sto’ ceffone !”. L’amico gli chiedeva se avesse reagito alle botte e Toto’ rispondeva di no. “E perché?” chiedeva ancora l’amico, e Toto’: “E io mica mi chiamo Pasquale!”.

  9. La sindaca di Roma non merita alcuna considerazione pietatis causa: se ha mentito sapendo di mentire, ha commesso un reato per il quale deve essere condannata.
    Il clamore mediatico non deve mai far dimenticare che un “personaggio” , di fronte alla legge, cessa di essere un personaggio , per ritornare ad essere persona qualunque.
    La legge , come la morte, è uguale per tutti.
    Guai a dimenticarlo.

  10. Fubini, quello nel board della Open Society Europe di George Soros e guarda caso anche vicedirettore del Corriere della Sera in barba alla carta di Firenze ?

    Ma mio tolga una curiosità egregio Porro, ma la carta di Firenze cos’è ?
    Una carta igenica specialmente prodotta per consentire agli iscritti all’albo dei giornalisti di pulirsi il culo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *